Junior Eurovision 2018, Noam Dadon rappresenterà Israele


Lo show di selezione nazionale dev’essere ancora trasmesso (succederà il 20 settembre), ma il nome del rappresentante di Israele allo Junior Eurovision Song Contest 2018 si sa già: è Noam Dadon.

Il giovane artista è stato selezionato da una giuria che era composta di tre persone: Hanan Ben Ari, Yardena Arazi (all’Eurovision maggiore per due volte, nel 1976 e 1988), Lior Narkis (Eurovision 2003). Allo spettacolo, tenutosi a Ramat Gan, erano presenti cinque ulteriori finalisti.

Così come per i quattro ultimi suoi corrispettivi dell’evento maggiore, anche per Noam Dadon non si conosce subito la canzone, che verrà rilasciata in un secondo momento.

Israele è tornato quest’anno allo Junior Eurovision dopo avervi partecipato in due sole altre occasioni. Nel 2012, il debutto fu segnato dall’ottavo posto dei Kids.il con il brano Let the music win. Andò peggio nel 2016, quando Shir & Tim si sono posizionati al quindicesimo posto con Follow my heart.

Noam Dadon è il sesto artista ad essere stato scelto per quest’edizione dello JESC, che si svolgerà domenica 25 novembre a Minsk, in Bielorussia. Gli altri cinque, finora, sono Jael Wena (Australia), Daniel Yastremsky (Bielorussia), Tamar Edillashvili (Georgia), Marija Spasovska (Macedonia) e Anna Filipchuk (Russia). Di questi, due soli hanno già presentato la propria canzone: Yastremsky (che porterà Time) e la Filipchuk (che sarà in gara con Nepobedimy).

Per quanto riguarda l’Italia, invece, siamo ancora in attesa di conoscere chi rappresenterà il nostro Paese, nonché la canzone designata. La Rai è alla sua quinta partecipazione consecutiva nel concorso, e vanta una vittoria nel 2014, con Vincenzo Cantiello, e un terzo posto nel 2016, con Fiamma Boccia. L’anno scorso, con Maria Iside Fiore, il piazzamento conseguito è stato l’undicesimo, nell’edizione vinta dalla russa Polina Bogusevich con Wings.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

Commenta questa notizia...