Eurovision 2019: l’Armenia inizia con Srbuk la stagione degli annunci


Dopo un’attesa insolitamente lunga rispetto ai normali standard dell’Eurovision Song Contest, l’edizione 2019 ha finalmente la sua prima artista.

L’Armenia, dopo l’uscita in semifinale dello scorso anno con Qami di Sevak Khanagyan, ha deciso di mandare Srbuk, all’anagrafe Srbuhi Sargsyan. L’annuncio del suo viaggio verso Tel Aviv è arrivato durante il talk show in seconda serata Lav Yereko.

Si tratta di un nome emergente della scena musicale armena, con numerose partecipazioni in competizioni nazionali e internazionali.

Nel 2011 è arrivata seconda nella stagione inaugurale della versione locale di X Factor, quindi ha iniziato a cantare assieme a una band in piccoli locali, con una particolare predilezione per jazz, soul R&B e pop contemporaneo.

Nel giro di alcuni anni ha ricevuto inviti a diversi tra festival musicali, programmi tv ed eventi in Armenia. Ha inoltre partecipato alla versione ucraina di The Voice.

Il suo singolo di debutto, Yete karogh es, è stato anche un tormentone di rilevanti dimensioni in Armenia, avendo toccato la vetta della classifica nazionale per alcune settimane. L’ultimo suo singolo è Half a Goddess, uscito la scorsa settimana.

Srbuk cita, tra gli artisti che l’hanno influenzata, Aretha Franklin, Etta James, Ella Fitzgerald, Stevie Wonder, Ray Charles e Michael Jackson.

Queste le parole rilasciate dall’artista al sito ufficiale dell’Eurovision:

Sto iniziando adesso un nuovo viaggio che, ne sono certa, sarà pieno di nuove e piacevoli emozioni, sfide ed grandi esperienze! Sono grata a tutti i miei amici e fan, che sono sempre con me e hanno sempre voluto vedermi sul palco dell’Eurovision. Ringrazio la Televisione Pubblica dell’Armenia per la sua fiducia. È un onore rappresentare il mio Paese di fronte a tutto il mondo! Abbiamo uno splendido viaggio davanti a noi, e spero che avremo successo insieme!

David Tserunyan, capodelegazione armeno, ha raccontato così la scelta:

Quella di scegliere Srbuk per rappresentare l’Armenia all’ESC 2019 è stata una decisione unanime del nostro team. Vorrei inoltre sottolineare che molti fan armeni del concorso la volevano vedere sul palco dell’Eurovision. Sono convinto che il carattere unico di Srbuk colpirà gli appassionati e i telespettatori di tutto il mondo. Seguo da molto tempo la carriera di Srbuk. Posso distinguere il suo impegno e la sua energia unica, che sono tra le caratteristiche più importanti che possono aiutare ad ottenere un buon risultato all’Eurovision.

Sebbene Half a Goddess sia ampiamente all’interno dei termini entro i quali una canzone è eleggibile per esser cantata all’Eurovision, non sarà l’entry di Srbuk.

La tv armena, infatti, ha dato tempo ai compositori che lo volessero fino al 10 gennaio 2019 per inviare una composizione all’indirizzo e-mail selection@armtv.com. La clausola principale è legata all’utilizzo, nella canzone, della lingua armena o di quella inglese.

L’Eurovision Song Contest 2019 si terrà a Tel Aviv, Israele, il 14, 16 e 18 maggio. Il sorteggio delle semifinali si terrà a gennaio, perciò l’Armenia ancora non sa in quale giorno comincerà la sua avventura.

L’anno scorso Sevak Khanagyan, con la sua Qami, la prima canzone tutta in armeno della storia del concorso, si è fermato appena al quindicesimo posto nella prima semifinale, con 79 punti: si è trattato della seconda eliminazione in semifinale dell’Armenia da quando ha debuttato in concorso, nel 2006.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

 

Commenta questa notizia...