Greta Thunberg nominata per il Nobel. È la figlia di Malena Ernman (Eurovision 2009)


Tutto il mondo parla di lei. Greta Thunberg, svedese 16enne, è una delle personalità più chiacchierate degli ultimi mesi in campo internazionale.

La studentessa, affetta dalla sindrome di Asperger, è diventata il volto del nuovo movimento ambientalista studentesco, per la lotta al cambiamento climatico e il riscaldamento globale.

Una morsa che sta portando alla morte il nostro pianeta, e a causa nostra. Basti pensare che “gli ultimi 5 anni sono stati i più caldi mai registrati nella storia, e 18 dei 19 più caldi si sono verificati a partire dal 2001“.

Intervenendo alla COP24, conferenza internazionale sul clima, organizzata a Katowice in Polonia lo scorso 4 dicembre 2018, Greta ha dichiarato:

Siamo di fronte a una minaccia esistenziale. Questa è la crisi più grave che l’umanità abbia mai subito. Noi dobbiamo anzitutto prenderne coscienza e fare qualcosa il più in fretta possibile per fermare le emissioni e cercare di salvare quello che possiamo.

Una voce che si è elevata con forza a partire dal 20 agosto 2018, quando Greta decise di non andare a scuola, per protestare di fronte al Parlamento svedese, in seguito a un’estate da record nel paese scandinavo, con conseguenti disagi e numerosi incendi.

Ogni giorno, fino al 9 settembre 2018 – data in cui si sono svolte le ultime elezioni legislative svedesi, si è presentata al Riksdag di Stoccolma con un cartello con su scritto “Skolstrejk för klimatet” (Sciopero della scuola per il clima).

Una volta tornata a scuola, la protesta è proseguita il venerdì di ogni settimana, ispirando i “Fridays for Future“, sit-in organizzati in varie parti del pianeta, Italia compresa.

L’exploit venerdì 15 marzo 2019, quando in 112 nazioni (180 città italiane) gli studenti sciopereranno unendosi alla causa lanciata da Greta, già nominata donna più influente dell’anno in Svezia e fra i 25 adolescenti più influenti del 2018 dal TIME.

Un grido unanime, per chiedere ai governi di battersi e trovare soluzioni efficaci per diminuire le emissioni di anidride carbonica, agente principale dell’effetto serra, e provare a cambiare un futuro già drammaticamente segnato e visibile sotto i nostri occhi.

Dopo aver parlato all’assemblea delle Nazioni Unite, oltre ad altri numerosi eventi in Europa, Greta è stata nominata per il Premio Nobel per la Pace, che vede in lizza 304 persone e organizzazioni, secondo quanto dichiarato dal Nobel Institute.

La biosfera è sacrificata perché alcuni possano vivere in maniera lussuosa. La sofferenza di molte persone paga il lusso di pochi. Se è impossibile trovare soluzioni all’interno di questo sistema, allora dobbiamo cambiare sistema.

La sua storia è racchiusa in “La nostra casa è in fiamme“, il primo libro della Thunberg, in uscita in Italia a maggio 2019 per Mondadori.

Una nota di colore per tutti i lettori di Eurofestival News. Greta Thunberg è la figlia della cantante Malena Ernman e dell’attore Svante Thunberg.

I fan dell’Eurovision Song Contest ricorderanno Malena, in gara nell’edizione 2009 della kermesse canora, tenutasi a Mosca, in Russia.

L’artista rappresentò la Svezia con il brano crossover pop-lirico “La voix”, dopo aver vinto il Melodifestivalen dello stesso anno.

La Ernman guadagnò la finale eurovisiva, piazzandosi poi al ventunesimo posto in classifica.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram

Una risposta

  1. Manuel ha detto:

    Grande Greta! ❤️

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: