Eurovision 2019, intervista ad Ester Peony: “Punto a divertirmi, ma ho un sogno…”


Prosegue il nostro ciclo di interviste con i rappresentanti dei vari Paesi all’Eurovision Song Contest 2019. Ester Peony, che rappresenterà la Romania con il brano “On a sunday”, racconta ad Eurofestival News sè stessa e la sua carriera.

Prima di tutto, conosciamo un po’ meglio Ester Peony.  Come è iniziata la tua carriera musicale?

Ho sempre desiderato cantare, essere sul palco, creare musica. Nel 2013 ho iniziato a pubblicare cover di Indila su YouTube, che in seguito hanno portato a un contratto con un’etichetta in Romania. Il primo singolo che ho pubblicato è stato insieme a Vescan nel 2015 , si chiamava “Sub aripa ta” ed è  stata in cima alle classifiche per settimane su TV e radio. Dopo di ciò, mi sono chiusa  in studio, dove ho iniziato a lavorare per altri artisti e a sviluppare le mie capacità di cantautrice.

L’anno scorso per la prima volta la Romania non si è qualificata per la finale. Che cosa ti preoccupa di più della tua partecipazione? Come ti stai preparando?

Sono una persona positiva, e la cosa migliore per me non è preoccuparsi di del fatto che c’è il rischio di non qualificarsi, non pensare a questo. Come dice il titolo, Eurovision è un concorso di Canzoni e il  fine della partecipazione secondo me è quello di divertirsi e non preoccuparsi. Il resto viene dopo. I preparativi all’evento poi sono fantastici, sto lavorando con persone fantastiche e di talento, e siamo molto entusiasti di questa  esperienza.

Quali sono i tuoi riferimenti musicali?

Da bambina,  sono cresciuto ascoltando Celine Dion, Whitney Houston, Cher, i Queen e Michael Jackson, quindi posso dire che le mie “radici” di artista sono molto influenzate da questi grandi artisti.

Cosa pensi sia più importante per ottenere il miglior risultato all’Eurovision?

Credo che la cosa più importante, quella che può fare la differenza sia arrivare non soltanto alle orecchie di chi ti ascolta, ma anche al suo cuore. Quello vuol dire che il brano e l’interpretazione hanno funzionato.

Hai lavorato con cantanti italiani? Se si, chi di loro?

Devo dire che la musica italiana mi piace ma putroppo non ho ancora avuto il piacere di lavorare con qualche artista e non ti nascondo che un giorno mi piacerebbe davvero farlo. Ma più di tutti, mi piacerebbe cantare con la cantante italo americana più talentuosa, la meravigliosa e bellissima Ariana Grande.

Quali sono le tue entries eurovisive preferite? In assoluto e specificamente fra le rumene. 

Fra le rumene direi senz’altro “Let me try” di Luminta Anghel & System (2005): avevo  dodici anni e ricordo la sua esibizione, era tutto magico, la sua voce, la messa in scena, tutto. in assoluto, sicuramente “Euphoria” di Loreen: la sua è stata una performance perfetta dalla quale tutti gli artisti dovrebbero imparare.

E per quanto riguarda quest’anno, quali sono le tue preferite, a parte ovviamente la tua canzone?

Tutti noi artisti abbiamo qualcosa da dire.. Non voglio che questo suoni come un cliché, ma mi piacciono quasi tutti i concorrenti. Certo, ho i miei preferiti, ma te lo dirò dopo le finali. Dopotutto, siamo in un concorso, giusto?

Canterai nella seconda semifinale (diretta su Rai 4 giovedì 16 maggio ore 21, commento Federico Russo ed Ema Stockholma) e potranno votarti gli italiani. Inoltre, qui in Italia vivono tanti rumeni. Vuoi dire loro qualcosa?

Ogni giorno ricevo molti messaggi da persone italiane e rumene, che supportano me e la mia canzone “On a Sunday”:  voglio ringraziarvi tutti per questo! E’ per voi fan che noi facciamo musica e sarà sempre così. Avete una grande opportunità, di votare il vostro preferito e dare una svolta al concorso sul piano del risultato. Sono molto felice di tutto quello che mi sta accadendo e mi godo ogni momento di questo evento. A voi fan dico: vota col tuo cuore e se la mia canzone e la mia esibizione ti colpiranno, vi ringrazio in anticipo per il voto.

Segue poi un messaggio in rumeno: Pentru romanii mei din diaspora, vreau sa va spun ca istoria ne-a invatat ca atunci cand am fost uniti,am realizat lucruri marete! Suntem o natiune care are cu ce se mandri in toate domeniile, inclusiv inm arta! Haideti sa aratam lumii ca atunci cand vrem, putem! Astept cu inima toate voturile voastre, si, cine stie, poate aducem Eurovisionul la Bucuresti!

Che tradotto vuol dire: Miei rumeni che vivete lontani dalla nostra terra, sapere quanto la nostra storia ci tocca e che quando siamo uniti possiamo fare grandi cose! Siamo una nazione che può essere fiera di tutte le esperienze che ha fatto, comprese arti. Mostriamo al mondo che quando vogliamo qualcosa, siamo molto ambiziosi e possiamo far avverare i nostri sogni! Spero che voterete per noi e chi lo sa, magari poteremo l’Eurovision a Bucarest!


Consulta le oltre 150 interviste realizzate dal 2010 ad oggi


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...