Eurovision 2019, Luca Hänni (Svizzera): “Non vedo l’ora di esibirmi in Italia!”


Non poteva mancare l’intervista ad uno dei favoriti di questa edizione dell’Eurovision Song Contest, Luca Hänni, che tenterà di riportare la Svizzera in finale dopo cinque anni. La sua canzone, “She Got Me”, sta raccogliendo sempre più consensi in tutta Europa, ed eccoci a scambiare quattro chiacchiere proprio con lui, in italiano.

Ciao Luca e grazie per questa intervista. Iniziamo parlando del tuo background musicale: quanti anni avevi quando hai iniziato a cantare? Hai un cantante preferito o un modello al quale ti sei ispirato?

Da quando ero piccolo volevo lavorare nel mondo della musica, era il mio più grande sogno! Ho iniziato a prendere lezioni di batteria già da quando ero alla scuola dell’infanzia, poi più tardi ho imparato a suonare altri strumenti come il pianoforte e a cantare.

Sono un grandissimo fan di Justin Timberlake, nei suoi spettacoli unisce canto e ballo in maniera spettacolare, avete visto l’interval act dell’Eurovision 2016? È stato fenomenale! Per quanto riguarda i testi e la voce, il mio preferito in assoluto è Ed Sheeran.

Quando hai scoperto di essere stato scelto per rappresentare la Svizzera all’Eurovision Song Contest cos’hai fatto? Qual è stata la tua prima reazione?

Non ci credevo, ero sopraffatto e incredibilmente felice. Ho detto tutto ai miei genitori e ho festeggiato con i miei amici.

Luca Hanni foto

Nella stesura di “She Got Me” hai lavorato con Laurell Barker, che ha scritto anche la canzone tedesca e la canzone inglese (“Sister” e “Bigger than us”, ndr). Com’è stato collaborare con lei? Sei pronto a gareggiare anche con le S!STERS e Michael Rice?

Lavorare con Laurell è stato molto divertente oltre che costruttivo, infatti ho avuto la possibilità di imparare molto da lei. È una grande autrice, oltre che grande amica. Abbiamo scritto insieme la mia canzone e non vedo l’ora di confrontarmi anche con gli altri.

Michael Rice e le S!sters hanno il vantaggio di essere già in finale, spero di raggiungerli sabato! Sarebbe un grande onore per me e per Laurell avere tre canzoni in finale!

Cosa ti piace dell’Eurovision? Cosa ti aspetti da un evento così grande?

Penso sia un grande evento, dove tutte le culture possono incontrarsi e unirsi sotto l’unica bandiera che è quella della musica. In più è uno show a 360 gradi, con la folla, gli spettacoli pirotecnici, le coreografie e tanto altro. È un evento che mi ha sempre incuriosito parecchio!

Al momento sei terzo nelle odds, molte persone pensano che sarai tu a riportare la competizione in Svizzera. Come ti senti a tal proposito? Hai già un’idea su come strutturare la tua esibizione?

Sicuramente ci sarà molto da ballare, dopotutto sono il primo a dire che “She got me dirty dancing” (Sorride). Una sfida con me stesso è combinare ballo e canto per creare un’esibizione da sballo. Certo, sono un po’ nervoso, ma mi sto esercitando nel mantenere la calma e nel praticare ogni giorno la coreografia per far funzionare il tutto alla perfezione.

Una domanda un po’ più personale. Se avessi potuto scegliere, avresti preferito rappresentare la Svizzera con una canzone diversa da “She Got Me”?

Mi piace questa domanda. Una mia canzone che poteva piacere a molti è sicuramente “Powder”, anche se è una canzone totalmente diversa da “She Got Me”. Tuttavia resto dell’idea che portare quest’ultima sia quella più adatta ad un concorso come l’Eurovision Song Contest.

Parliamo ora dell’Eurovision 2019, c’è qualche cantante che ti piace particolarmente quest’anno?

Ciò che apprezzo di più quest’anno è la diversità delle canzoni. Secondo il mio gusto personale, i Paesi Bassi e Cipro sono le mie due nazioni preferite di quest’anno. In particolare mi aspetto un’esibizione fighissima da Cipro. Anche il pezzo del vostro Mahmood non è affatto male, apprezzo il suo coraggio nel cantare una canzone così personale e la base spacca.

Abbiamo notato che sei strettamente legato all’Italia. Ti piacerebbe promuovere “She Got Me” nelle radio italiane o realizzare un tour tutto italiano?

Sono contento per tutto l’affetto che sto ricevendo in particolar modo dall’Italia, ho notato anche di aver ricevuto dalla giuria OGAE i 12 punti. Grazie! Io amo l’Italia e ci passo spesso le vacanze, sarebbe il mio sogno poter fare un concerto in Italia.

Hai mai collaborato con cantanti o autori italiani? 

Mi piacerebbe molto lavorare con un artista italiano, ma ad oggi non ne ho avuto ancora la possibilità. Sarebbe una bella collaborazione, io adoro la musica italiana.

Canterai nella seconda semifinale (trasmessa in diretta su Rai 4 giovedì 16 maggio dalle ore 21 con il commento di Federico Russo ed Ema Stockholma) e potranno votarti anche dall’Italia. Vuoi lasciare un messaggio ai tanti che ci seguono?

Ciao a tutti, grazie mille per tutto l’affetto che sto ricevendo da parte vostra e spero di vedere ognuno di voi a Tel Aviv. Mi auguro di venire in Italia il prima possibile per un concerto, intanto spero possiate apprezzare la mia canzone “She Got Me”.

A presto e auguro buona fortuna anche a Mahmood!


Vedremo Luca Hänni esibirsi sul palco dell’Eurovision Song Contest con la sua “She Got Me” nella seconda semifinale di giovedì 16 maggio. Che sia questa l’occasione per la Svizzera di riscattarsi? Non ci resta che attendere.


Consulta le oltre 150 interviste realizzate dal 2010 ad oggi


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App gratuita o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram

Una risposta

  1. Bruno ha detto:

    Ricky Martin fece furore più di 20 anni fa. Forse Luca è arrivato un po’ tardi? Alla faccia dello scimmiottare. 😣😣🤐🤐

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: