Eurovision 2019: le scommesse alla vigilia delle semifinali. Paesi Bassi in testa, sale l’Australia, Italia settima


Tempo di prima semifinale dell’Eurovision Song Contest 2019 in arrivo: le scommesse cambiano idea sempre più velocemente, e ciò che valeva all’inizio delle prove tende a non valere più dopo. Come al solito, sono state completamente scombussolate tutte le gerarchie. Andiamo a vedere come secondo il tabellone del sito specializzato eurovisionworld.com. Si prendono in esame le quote delle ore 17:30.

L’unica cosa che rimane invariata è la prima posizione, detenuta dai Paesi Bassi (Duncan LaurenceArcade), anche se va detto che le sue quote non sono mai scese sotto il 2. Ricordiamo, a tal proposito, che in decimali una quota di 2 significa che, puntando ad esempio 10 euro, se ne vincono 20, ossia due volte la posta. Attualmente le quote del pezzo di Laurence spaziano dal 3 assegnato da ben 8 agenzie di allibratori al 3.45 di Betfair Xchange, che ha storicamente una grande variabilità in questo senso.

Al secondo posto si colloca la Svezia (John LundvikToo late for love), salita nel corso delle prove: quinta il 4 maggio, prima dell’inizio delle stesse, si è issata al secondo posto, anche se non ha mai realmente minacciato la leadership olandese. In questo caso si spazia dal 4.75 di 10bet al 7.2 di Betfair Xchange, un range dunque particolarmente ampio.

Chi sta facendo un balzo enorme è l’Australia (Kate Miller-HeidkeZero gravity), la cui scenografia dev’esser stata evidentemente convincente se le quote l’hanno portata dal sedicesimo al terzo posto, con la sua barra che fa segnare pallini tutti verdi (significato: quote in discesa, quindi in miglioramento). Qui si passa dal 6.5 di Bet365 e Olybet al 10 di Bet Stars, con diverse quotazioni tra il 7 e il 7.5.

A lungo prima dopo la scelta dell’artista, la Russia (Sergey LazarevScream) è scesa quando è stata resa nota la canzone, evidentemente giudicata meno d’impatto di You are the only one. Al momento, in ogni caso, Lazarev resta nel novero dei favoriti con il quarto posto, dato a quote del tutto simili a quelle aussie, anche se con media un po’ più alta. Si va dal 6.5 di Bet Stars al 10 di Cool Bet e di Betfair Xchange. Va detto che la Russia è rimasta a lungo seconda, salvo poi cadere vittima di sorpassi e controsorpassi vari.

Una rapida scalata l’ha effettuata la Francia (Bilal HassaniRoi), passata dall’11° posto del 4 maggio al terzo per un paio di giorni: attualmente i transalpini si assestano al quinto posto, con quote comprese tra 5.45 (10Bet) e 14 (Betfair Xchange). Sesto è l’Azerbaigian (Chingiz Truth), arrivato ai piedi del podio in più momenti da 12° e poi 13° che era e attualmente mantenuto in una specie di naftalina (minimo di 11 per sei agenzie, massimo di 18 per Unibet, 888 Sport e Betfair Xchange).

Arriviamo dunque all’Italia (MahmoodSoldi): sempre rimasta nelle posizioni di testa, e terza per quattro giorni nell’ultimo periodo, ha un po’ pagato i problemi della prima prova, scendendo al settimo posto, anche se con quote che la fanno ritenere ancora all’interno del gruppo delle favorite. La miglior quotazione la offre Betfair Sport, con 12, mentre la peggiore è il 21 di Bet Stars. Complessivamente, non ci si discosta da una media intorno al 16 e dalla possibilità di scalare di nuovo posizioni, considerando in particolare la nostra presenza nella seconda metà della finale (che giocò un ruolo importante anche con Ermal Meta e Fabrizio Moro).

In top ten c’è anche la Svizzera (Luca HänniShe got me), a lungo terza sulla scia dell’onda positiva creata dai fan del concorso, ma attualmente ottava (tra il 14 di Betfair Sport e il 28 di Betfair Xchange) davanti a Malta (Michela PaceChameleon), spinta in alto dal 18 di Betfair Sport e in basso dal 31 di Unibet e 888 Sport. Chiude la parte relativa ai primi dieci la chiacchieratissima Islanda (HatariHatrið mun sigra), che al di là delle quote (identiche negli estremi a quelle di Malta) sembra difficilissimo collocare in un puro contesto legato agli allibratori.

Per quanto riguarda, invece, il passaggio della prima semifinale, le cose cambiano radicalmente, anche per via dell’esistenza di scommesse separate in tal senso. In questo caso la certezza di andare in finale viene accordata a Grecia, Australia, Cipro, Islanda, Serbia, Ungheria e Repubblica Ceca, tutte sopra l’80% di possibilità. In bilico Slovenia, Belgio e soprattutto Estonia, tallonati da Polonia, Portogallo e (seppur più a distanza) Bielorussia. Molto particolare il caso portoghese, con Conan Osiris e la sua Telemóveis non aiutati dalle scommesse in semifinale, ma che sono diciannovesimi per quel che concerne i favoriti per la vittoria finale.

Infine, un particolare curioso: delle prime dieci attuali degli allibratori, due sono Big 5 (Francia e Italia), due arrivano dalla prima semifinale (Australia e Islanda) e ben sei dalla seconda semifinale (Paesi Bassi, Svezia, Russia, Azerbaigian, Svizzera e Malta).


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram

Commenta questa notizia...