Amsterdam: è scontro in consiglio comunale sull’Eurovision 2020


Se dipendesse dai fan, ognuno porterebbe l’Eurovision a casa propria. E le stesse città olandesi stanno già facendo la gara per accaparrarsi gli introiti derivanti dalla kermesse europea.

Non tutti però sono della stessa idea. Ad Amsterdam lo scontro sull’Eurovision Song Contest 2020 è arrivato in consiglio comunale, come riportato da NH Nieuws.

A porsi in maniera critica è Erik Flentge, leader cittadino dell’SP – Socialistische Partij (Partito Socialista), che conta 3 seggi su 45 nella capitale olandese. Il politico vorrebbe lasciare spazio ad altre municipalità:

Amsterdam non deve sempre essere in prima linea. Se sei una capitale responsabile, puoi dimostrare che anche altre città possono organizzare questo evento.

Erik Flentge dell’SP

La paura principale del leader del partito di sinistra è che la città venga raggiunta da un numero eccessivo di turisti:

Penso che la città sia già inondata. La gente lo vede dappertutto. Siamo occupati da un numero incredibile di turisti, non sarebbe una cattiva idea spargerli nel resto dei Paesi Bassi.

Per il 2020, infatti, sono previsti già altri eventi ad Amsterdam. Ad esempio gli Europei di Calcio, che in una rinnovata formula vedranno partite giocarsi in varie parti d’Europa. Quattro di esse si terranno proprio nella capitale olandese a giugno.

Ad agosto ci sarà inoltre l’edizione 2020 del SAIL, il più grande evento nautico al mondo, che vedrà sfilare sull’acqua vari tipi di imbarcazioni, dagli antichi velieri alle moderne barche.

Altro timore di Flentge è che per Amsterdam l’Eurovision diventi un dispendio di soldi e a guadagnarci saranno solo enti privati:

Soprattutto hotel e affini, che si riempiranno le tasche alla grande. Penso che molti cittadini non otterranno vantaggi e proveranno solo fastidio. Se poi dobbiamo pagarne le spese come città, sarà difficile spiegarlo ai cittadini di Amsterdam.

Jan-Bert Vroege dei D66

La pensa diversamente Jan-Bert Vroege, membro dei Democrats 66, il partito social-liberista che conta 8 seggi su 45 nella capitale.

È un evento unico che si terrà nei Paesi Bassi per la prima volta in 40 anni. Noi, in quanto capitale, dobbiamo fare la nostra parte e spingere per organizzarlo.

Per Vroege la città è in grado di sostenere l’arrivo di migliaia di visitatori e centinaia di giornalisti da tutto il mondo, avendo sufficienti strutture ricettive.

Femke Halsema dei GroenLinks, sindaco di Amsterdam

Il politico ha dichiarato che anche il sindaco, Femke Halsema dei GroenLinks (i Verdi), il partito maggioritario di Amsterdam con 10 seggi su 45, è favorevole all’arrivo dell’Eurovision nella capitale.

Sono lieto che il sindaco sia dalla nostra parte e spero che il resto del consiglio comunale si unirà presto.

Positivi all’organizzazione della kermesse nella città sarebbero inoltre il VVD (Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia ) e il PvdA (Partito del Lavoro).


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram

Commenta questa notizia...