Eurovision 2020: per la Svizzera c’è Gjon’s Tears con “Répondez-moi”


Presentata pochi minuti fa anche l’entry della Svizzera per l’Eurovision Song Contest 2020 (Rotterdam, 12-14-16 maggio), con tanto di gradito ritorno: era dal 2010 (con Michael Von der Heide in “Il pleut de l’or“) che il Paese elvetico non portava un pezzo in lingua francese.

Gjon’s Tears | Foto: SRF / EBU

Sarà Gjon’s Tears a portare in Europa la parte francofona di Svizzera, e lo farà con “Répondez-moi“, una canzone molto intensa che mette in mostra la grande voce dell’artista, che all’anagrafe si chiama Gjon Muharremaj. Originario di Friborgo (o Friburgo, in questo secondo caso però la città non va confusa con quella tedesca), Gjon’s Tears ha origini albanesi-kosovare.

21 anni, tra il 2010 e il 2011 ha partecipato, sotto la spinta del nonno a Albanians Got Talent arrivando alle fasi finali e chiudendo terzo, mentre un anno più tardi, nello stesso format Got Talent, ma in Svizzera, si è arrampicato fino alle semifinali. Allo stesso modo, è stato semifinalista nell’edizione francese di The Voice nel 2019, cosa che ha richiamato anche l’attenzione dei media albanesi.

Queste le prime parole di Gjon’s Tears al sito dell’Eurovision:

L’Eurovision è il più grande evento musicale ed è enorme per un artista esserne parte. Sono totalmente aperto verso quest’avventura, coerentemente con lo slogan di quest’anno, “Open up”, e non vedo l’ora di scoprire quel che verrà! Voglio dare tutto me stesso nel concorso e voglio essere orgoglioso di chi sono, delle mie origini e di quello che ho raggiunto. Voglio ispirare le persone a seguire il loro proprio camminio con “Répondez-moi”

La Svizzera canterà nella seconda metà della seconda semifinale, in programma il 14 maggio alle ore 21 con trasmissione su Rai4, nella quale l’Italia non avrà diritto di voto.

Dopo molti anni di fortune, per così dire, rivedibili, il Paese elvetico è tornato di prepotenza sulla ribalta eurovisiva con il quarto posto del 2019, miglior risultato dal 1993, grazie all’interpretazione di “She got me” di Luca Hänni, che ha conseguito 364 punti, di cui 152 arrivati dalle giurie e 212 dal televoto.

Due le vittorie: nel 1956 (prima edizione) con “Refrain” di Lys Assia e nel 1988 con “Ne partez pas sans moi” di Céline Dion.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App gratuita o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram

Una risposta

  1. Giuseppe Scaramella ha detto:

    Ecco il mio motivo perché non partecipo più alla selezione ESC per la Svizzera.
    Tutti gli anni sempre la stessa cosa. Partecipano 300 canzoni? 400 canzoni? 500 canzoni? 600 canzoni? Es. se il totale sono 500 canzoni, di tutte queste ci sono 400 straniere e 100 svizzere. Ma… la scelta è sempre la canzone Svizzera come tutti gli anni. Anche che la canzone non è bella, ma la scelta è sempre svizzera e tutto questo avviene ogni anno. Non vi siete accorti? Io dico… è giusto che la canzone sia svizzera ma… perché invitare tutto il mondo a partecipare? Perché non vi fate la selezione tra di voi senza rompere le scatole alle altre nazioni?

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: