Eurovision 2020: al via le riprese delle postcard nonostante la problematica Coronavirus


Con l’Head of Delegation di ieri è ufficialmente cominciato il percorso eurovisivo dei 41 artisti in gara il prossimo maggio a Rotterdam. Tra i primi impegni che li vedranno coinvolti ci sono le riprese delle postcard, le tradizionali “cartoline” che introducono l’artista prima della sua esibizione sul palco.

L’idea degli organizzatori è quella di non creare postcard che mostrino solamente la bellezza dei luoghi, magari soffermandosi solo su alcune attrazioni turistiche, ma di coinvolgere attivamente la popolazione locale.

Partendo dallo slogan “Open Up” infatti l’obiettivo è “aprire” le porte della quotidianità olandese agli artisti che saranno quindi coinvolti nelle attività, sia culturali che sportive, negli hobby e nelle tradizioni del paese.

Nei mesi scorsi i broadcast che si occupano dell’organizzazione, NPO/AVROTROS/NOS, avevano lanciato una “open-call” in cerca di location, associazioni e club in tutto il territorio nazionale ricevendo più di 1300 proposte per filmare le cartoline.

A tal proposito il press-manager dell’Eurovision Song Contest, Danny Vormer, aveva dichiarato:

Abbiamo una vasta scelta. Vogliamo mostrare i Paesi Bassi con più varietà possibile e, guardando l’elenco, riusciremo a farlo. […] Vogliamo sorprendere i Paesi Bassi. In ultimo, abbiamo valutato quale artista potrà essere presentato in una determinata location. I video dovranno mostrare la diversità sia dei Paesi Bassi che della popolazione.

Tornando all’attualità, la scorsa settimana, Blas Cantó, il rappresentante spagnolo in gara con il brano “Universo”, è stato il primo a raggiungere i Paesi Bassi per filmare la propria cartolina sotto la direzione di Martijn Nieman, che curerà tutte e 41 le clip.

Blas Cantó / Credits: N.N. – TVE

La sua cartolina è stata girata di notte in un museo di Amsterdam e il regista e direttore delle postcard, Martijn Nieman ha spiegato quello che sarà il concetto visuale alla base delle cartoline:

Mettiamo in scena lo slogan “Open Up” all’inizio di ogni video, che comincia con un piano stretto sugli occhi di ogni partecipante. All’improvviso gli occhi si aprono e così “si aprono” (“Open Up” n.d.r.) al mondo.

Tuttavia anche le riprese delle postcard potrebbero venire pesantemente influenzate dall’attuale emergenza sanitaria legata al coronavirus COVID-19. Un membro della delegazione israeliana, che già non ha preso parte fisicamente all’Head Of Delegation di lunedì, ha comunicato che la loro rappresentante, Eden Alene, non partirà alla volta dei Paesi Bassi per lo shooting.

In Israele sono state infatti attivate misure restrittive che prevedono la quarantena di 14 giorni per chiunque entri nel paese, sia esso un turista o un cittadino di rientro dall’estero. Per questo motivo, i broadcast hanno fatto sapere che lavoreranno ad una soluzione per realizzare la clip di Eden Alene, in gara con “Feker Libi”, anche in questa situazione.

Appena si avranno notizie sulle registrazioni della “cartolina” che riguarderà il nostro rappresentante (Diodato), non mancheremo di aggiornarvi.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...