Eurovision 2020 cancellato: le reazioni degli artisti in gara


L’annullamento dell’Eurovision 2020 ha colpito duramente l’umore dei tanti appassionati del concorso sparsi nel mondo. Di fronte a un’emergenza sanitaria di tale portata, però, e tutti i dubbi del futuro, c’è poco da recriminare.

Fin dai primi secondi dopo la notizia annunciata dall’EBU, gli artisti in gara – tra i quali Diodato – hanno utilizzato i propri canali social per comunicare con i fan, plaudendo unanimamente alla scelta, seppur sofferta, dell’Unione Europea di Radiodiffusione.

Eurovision 2020 - Cast

The Roop (Lituania), Senhit (San Marino), Eden Alene (Israele), Daði og Gagnamagnið (Islanda), Gjon’s Tears (Svizzera), Victoria (Bulgaria)

La reazione diventata già simbolo di quest’edizione è quella della 19enne Eden Alene, in gara per Israele. La cantante era ospite negli studi della rete televisiva KAN proprio mentre l’EBU annunciava l’ormai inevitabile cancellazione dell’evento.

Eden non ha potuto frenare le lacrime. “Mi è stato appena comunicato, sono sotto shock, non so come processare il tutto. So che sarebbe arrivata la notizia, non sono sprovveduta, stanno progressivamente annullando tutto, ma fa male” ha dichiarato.

Credevo molto nel mio pezzo, volevo andare all’Eurovision e vincerlo. Ero convinta ci fossero buone possibilità. Non mi importava se fossi in alto nelle scommesse o no, ho visto la reazione delle persone, il loro amore per la canzone e per il messaggio, il suo significato, e questo adesso mi rende molto triste“.

Penso che ogni canzone abbia il suo momento, e se dovessi ricantarla l’anno prossimo, probabilmente non sarebbe lo stesso. Scriverò un’altra canzone? Sarò ancora io a rappresentare Israele? O qualcun altro? Sono abbattuta (…) Tra l’altro avrei festeggiato il mio compleanno all’Eurovision, è così frustrante“.

Alcuni artisti hanno già ricevuto una rassicurazione. Saranno loro a rappresentare il proprio paese anche all’Eurovision 2021. Tra questi il croato Damir Kedžo, la greca Stefania, l’olandese Jeangu Macrooy, lo spagnolo Blas Cantó e gli ucraini Go_A. In queste ore è arrivata inoltre la conferma del georgiano Tornike Kipiani.

I bielorussi VAL lanciano un segnale alla rete televisiva BTRC: “Speriamo che tutti gli artisti scelti per rappresentare il proprio paese quest’anno saranno in gara anche al prossimo Eurovision. Non è ancora noto se le canzoni saranno cambiate o no. In ogni caso, non vediamo l’ora di scrivere e produrre nuove canzoni“.

Dello stesso avviso lo svizzero Gjon’s Tears: “Ho bisogno di tempo per capire cosa sta succedendo e cosa sarà della mia canzone! Prendetevi cura di voi stessi e della vostra famiglia. Grazie per il vostro supporto, spero di vedervi nel 2021 dopo le decisioni dell’EBU e della mia delegazione“.

In attesa di aggiornamenti anche l’azera Efendi (“Vi terrò sempre informati sulle novità nel momento in cui le riceverò“), i belgi Hooverphonic (“Speriamo di mandarvi presto vibrazioni positive riguardo l’Eurovision“) e la norvegese Ulrikke (“Sono ovviamente molto dispiaciuta, adesso dovrò sedermi con la NRK e capire meglio cosa significhi tutto questo“).

Ci sono invece paesi che, per tradizione, porteranno avanti nuovamente una selezione nazionale televisiva. L’Estonia, ad esempio, che tornerà con l’Eesti Laul dando però la possibilità a Uku Suviste di entrare in gara di diritto, partendo dalle semifinali.

Tra i molteplici e comprensibili messaggi di conforto ai fan e plauso all’EBU per la decisione sensata, e le promesse di continuare a lavorare sodo su nuovi progetti musicali, c’è anche spazio per l’appello di Victoria, in gara per la Bulgaria.

La cantante, che alla chiusura dell’evento si trovava al primo posto nella classifica scommesse, ha chiesto esplicitamente di poter tornare in gara nel 2021 con lo stesso pezzo:

Tears getting sober è un progetto che significa tutto per me come artista e per il grande team che c’è dietro. Capisco e rispetto la decisione necessaria ma credo che gli artisti del 2020 debbano avere la possibilità di cantare le loro canzoni anche nel 2021.

View this post on Instagram

Tears Getting Sober is a project that means the world to me as an artist and to the great team behind it. I understand and respect this necessary decision but I also believe we, the 2020 #Eurovision artists, should be allowed to perform our songs in 2021. #iCardEurovisionBG #OpenUp @eurovision @eurovision.bg 🇧🇬 ————————————————————————Tears Getting Sober е песен, която означава много за мен като артист и за невероятния екип, който работи по българското участие на #Евровизия 2020. Разбирам и уважавам решението за отлагане на конкурса, но смятам, че ние, изпълнителните от Евровизия 2020, трябва да можем да представим нашите вече избрани песни на сцената на Евровизия през 2021. ———————————————————————— Photography by: @loramusheva 🖤

A post shared by VICTORIA (@victoriageorgievaofficial) on

C’è poi chi garantisce di non stoppare del tutto i progetti legati all’Eurovision. Senhit, in gara per San Marino, pubblicherà nei prossimi giorni la coreografia di “Freaky!” che aveva già messo a punto con Luca Tommassini.

La slovena Ana Soklič, invece, presenterà la versione Eurovision di “Voda”, il brano con il quale ha vinto il concorso nazionale EMA, rivisitato con l’apporto della Budapest Art Orchestra per la gara di Rotterdam.

Quale sarà il destino della mia collaborazione con l’Eurovision e della canzone “Voda” può essere solo ipotizzato. Sono stata informata da RTV Slovenia che nei prossimi giorni sono attese nuove istruzioni dall’EBU, l’organizzazione dell’Eurovision. Decideremo poi insieme come procedere. Pubblicheremo sicuramente la versione Eurovision di “Voda”, come previsto, nei prossimi giorni, e speriamo vi piaccia.

View this post on Instagram

@anasoklich: “Danes smo uradno izvedeli, da Pesmi Evrovizije maja letos v Rotterdamu zagotovo ne bo. Žal je tako, a situacija v Evropi in po svetu ne omogoča izvedbe tovrstnih prireditev. Kakšna bo usoda mojega evrovizijskega sodelovanja in skladbe Voda, so zdaj lahko zgolj predvidevanja. Z RTV Slovenija so mi sporočili, da v naslednjih dneh pričakujejo dodatna navodila z Zveze evropskih radiotelevizij (EBU), ki je organizator Pesmi Evrovizije. In potem bomo skupaj videli in se odločili, kako naprej. Vsekakor pa bomo evrovizijsko različico skladbe Voda, tako kot je bilo načrtovano, izdali v naslednjih dneh in močno upamo, da vam bo všeč. Do takrat pa … Ostanimo zdravi, ostanimo doma! Vse dobro, Ana Soklič” #anasoklic #izjava #eurovision #rotterdam #cancelled #stayhome @rtv.slovenija @eurovision

A post shared by EMA – Eurovision Slovenia (@emaevrovizija) on

 

Il britannico James Newman, l’austriaco Vincent Bueno, il francese Tom Leeb, la polacca Alicja, il cipriota Sandro e l’islandese Daði Freyr annunciano ai loro fan l’arrivo di sorprese e nuova musica.

A lanciare un monito molto importante i lituani The Roop, fra i favoriti alla vittoria dell’Eurovision 2020 con la loro “On fire”. Il gruppo ha chiesto ai loro supporter di continuare ad ascoltare il loro pezzo, perché le canzoni resteranno, con o senza Eurovision.

È molto triste, non vogliamo negarlo. Ma la salute viene prima di qualsiasi concorso” – dichiara il leader del gruppo Vaidotas Valiukevičius – “Continueremo a promuovere la nostra canzone e il nostro ballo in tutto il mondo. Al momento il pezzo sta entrando nelle playlist delle radio straniere. Abbiamo notato che ‘On fire’ è molto amata e il suo percorso verso il cuore della gente è appena iniziato“.

La band, che come altri artisti in gara non è ancora a conoscenza delle decisioni del proprio broadcaster in vista dell’Eurovision 2021, ha invitato tutti a rimanere in quarantena e non perdere il buon umore, ballando e cantando “On fire” a casa e sui balconi, proprio come accaduto in Italia in questi giorni.

Siamo riusciti a creare qualcosa che unisce le persone e diffonde la positività” – sostiene il batterista Robertas Baranauskas – “Ne abbiamo molto bisogno in questo momento, e ricordate che non è il concorso a dare significato alla canzone, ma gli ascoltatori. Ognuno di noi può diventare un ambasciatore di ‘On fire’ e promuoverla“.

View this post on Instagram

THE ROOP press release about the cancellation of Eurovision in Rotterdam . Official news about the cancellation of this year’s Eurovision song contest reached THE ROOP. The band feels upset, yet understands that the current situation forces such decision. . “It is very sad; we don’t want to deny it. But health comes before any contests. We promise not to let our hands down and continue to promote our song and dance around the world. Currently the song is starting to reach foreign radio stations. We noticed that “On Fire” is very well liked and its path to people’s hearts is just beginning”, – says THE ROOP leader Vaidotas Valiukevičius. . The band calls everyone to remain united. Stay in quarantine and spread your good mood with “On Fire” dance at home and on your balconies. . “We managed to create something that unites people and spreads positivity. It is very much needed now. And remember that it is not the contest that gives meaning to the song, but the listeners. So, each and every one of us can be an “On Fire” ambassador and promote it”, – says THE ROOP drummer Robertas Baranauskas. . “This year Lithuania was rated very high and that is an achievement in itself. We already proved that we can be notable, brave, professional and leading. We wish all to remain that way in their lives,” – said THE ROOP guitarist Mantas Banišauskas. . The band is not aware of the future of the contest. Would they have an opportunity to participate next year, or will new selection take place? Everything will be clear in the nearest future. Currently THE ROOP members remain in quarantine and use their time at home for writing new songs. The band does not plan to slow down and will continue promoting their music. . THE ROOP wishes everyone health and unity in this difficult period. . Photo: Paulius Zaborskis #theroop #eurovizija #eurovision #theroopisonfire #onfire #STILLonfire #eurovision2020 #theroop #onfire #theroopisonfire #eurovizija #eurovizija2020 #esc2020 #esc

A post shared by THE ROOP (@theroopband) on

 

Di seguito la lista completa degli artisti in gara, con i collegamenti ai loro social e ai loro messaggi:

PRIMA SEMIFINALE

SECONDA SEMIFINALE

FINALISTI


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Una risposta

  1. Franck ha detto:

    Grazie tanto per questo riscaldente articolo !

    Grazie a tutti gli artisti per averci fatti sognare un po’ in questi ultimi mesi !
    Le loro canzoni resteranno nella storia del concorso per sicuro. Non andranno dimenticate dai fan.

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: