American Song Contest 2021: ecco le ultime novità


Dopo diversi mesi dall’annuncio ufficiale da parte dell’EBU ecco le ultime novità sull’American Song Contest 2021.

A parlare, nel podcast Humans of Eurovision dell’ex-capodelegazione della Repubblica Ceca Jan Bors, è Ola Melzig, co-fondatore di Brain Academy, compagnia di produzione svedese che ha ottenuto i diritti per sviluppare la versione statunitense dell’Eurovision Song Contest.

In questo team ci sono anche Christer Björkman (Eurovision 1992 per la Svezia ed ex-produttore del Melodifestivalen), Peter Settman, Ander Lenhoff e Ben Silverman (produttore già vincitore di un Emmy per la serie “The Office“).

In una conferenza in Israele, il CEO di Brain Academy, Peter Settman, ha commentato:

Non vediamo l’ora di introdurre questa meravigliosa competizione nel più grande mercato televisivo del mondo. Il pubblico televisivo sta crescendo di anno in anno quindi questo è il momento perfetto per portare al pubblico americano questo show emozionante.

Tornando all’intervista di Ola Melzig, il concorso, che dovrebbe vedere la luce nell’autunno 2021 se non nei primi mesi del 2022, coinvolgerà tutti e 50 gli stati che compongono gli USA e sarà strutturato in tre fasi:

  • Qualificazioni: 5 serate, della durata di 2 ore, con 10 stati in gara per serata. Avanzeranno alla fase successiva 4 canzoni per un totale di 20 semi-finalisti.
  • Semi-finali: show dalla durata prevista di 2 ore con 10 stati in gara per serata, 5 di questi si qualificano per la finalissma.
  • Finale: i 10 brani rimasti si contenderanno il titolo in un’altro show che non dovrebbe sforare le 2 ore.

Stando alle parole di Melzig i format di semi e finale non varieranno mentre potrebbe cambiare la struttura delle prime 5 serate a seconda del broadcast che trasmetterà l’evento.

Ogni stato americano sarà chiamato a selezionare il proprio rappresentante tra minimo tre canzoni in gara. Le regole di ogni selezione saranno poi definite a seconda del broadcast che organizzerà il contest. Le canzoni dovranno essere, ovviamente, inedite mentre i cori potranno essere pre-registrati.

Le call per gli artisti saranno estese sia a nomi affermati del panorama musicale statunitense che ad artisti emergenti. Per i rappresentanti di ogni stato vale la regola eurovisiva di massimo 6 persone on-stage.

Al momento non è ancora chiaro quale network tramsetterà l’American Song Contest (ASC) e come verrà reso disponibile dall’EBU in tutta Europa mentre è probabile che il vincitore dell’ASC possa esibirsi successivamente durante l’interval-act dell’Eurovision Song Contest.

Infine Melzig ha sottolineato due aspetti importanti del nuovo concorso in costruzione. In primis la volontà di renderlo sia il più grande concorso e show musicale americano (nel parallelismo con l’Eurovision in Europa) che un trampolino per artisti che ancora non hanno trovato il grande successo in tutti gli USA.

A questo si aggiunge il desiderio di “educare” gli americani al format dell’Eurovision portando, in futuro, i broadcast affiliati a produrre le proprie selezioni interne per l’ASC per ogni stato americano.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...