Nei Paesi Bassi da gennaio torna il pubblico (distanziato) ai concerti: prove generali per l’Eurovision?


Quale sarà l’organizzazione dell’Eurovision Song Contest 2021 di Rotterdam? Probabilmente molto dipenderà dai risultati di “Back To Live”: il progetto con il quale il governo olandese sta programmando il ritorno del pubblico ai concerti nei Paesi Bassi a partire dal prossimo gennaio.

Pubblico Eurovision | Credits: Andres Putting / EBU

“Back To Live” è il marchio con cui verrà identificato il progetto FieldLab Events, che nasce dalla sinergia tra il governo, Event Platform e Alliance of Event Builders. Di quest’ultima ve ne avevamo già parlato in un precedente articolo riguardante le manifestazioni che i Paesi Bassi si sono impegnati a realizzare nei prossimi mesi, nonostante la situazione sanitaria, adottando tutte le misure possibili tali da rendere questi eventi “Covid-free”.

In questa lista, che comprende i festival musical Oerol e Lowlands, il GP di Zandvoort valido per il mondiale di F1 e l’Eredivisie (massimo campionato di calcio), figura anche l’Eurovision Song Contest.

Tornando a “Back To Live”, saranno otto eventi (stando al calendario del sito ufficiale) per testare le misure anti-Covid in quattro tipologie diverse di location: passive al chiuso, attive indoor, attive outdoor e festival all’aperto.

In programma vi sono un congresso e un’esibizione teatrale al chiuso (a Utrecht) dove dovrebbero esserci massimo 500 spettatori. A Nijmengen e Almere si proverà a garantire l’accesso di 1500 tifosi allo stadio e infine sono in programma due concerti alla Ziggo Dome di Amsterdam e due festival musicali (nelle aree dove si svolgono il già citato Lowlands e Defqon). Non è stata resa nota, in questi ultimi due casi, la massima capienza.

In qualunque caso l’accesso sarà comunque limitato ai soggetti risultati negativi al tampone, auto-dichiaratisi sia in buona salute nelle 24 ore precedenti l’evento che disponibili a limitare i contatti sociali nelle due settimane successive l’evento.

Nei luoghi che ospiteranno gli eventi del progetto “Back To Live” vi saranno ovviamente punti di accesso con misurazione della temperatura e sarà garantita anche la possibilità di sottoporsi a tamponi rapidi. A questi ultimi si affiancano, tra le misure anti-contagio, tracciamento dei contatti, triage, controlli della qualità dell’aria e sanificazione di superfici e locali.

Questo progetto non può che interessare agli euro-fan che attendono ancora di sapere con quali modalità si svolgerà il prossimo Eurovision Song Contest 2021 di Rotterdam. Sappiamo dei quattro scenari al vaglio degli organizzatori ma da quella prima comunicazione di metà settembre non sono stati forniti ulteriori dettagli.

Il progetto di “Back To Live”, per come è stato impostato, sembra suggerire che si andrà verso lo scenario B, quello dell’evento con distanziamento sociale. Ciò comporta pubblico e delegazioni nazionali ridotte ma non va ad intaccare la struttura della competizione con le 3 serate (con rispettivi jury-show) e le prove in presenza all’Ahoy Arena di Rotterdam.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e Facebook o nella nuova community dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Eurovision Inside

Commenta questa notizia...