Måneskin: “Andare all’Eurovision 2021 ci rende orgogliosi”


Nel corso della conferenza stampa che si è svolta oggi, in modalità online (visti i tempi), per presentare il secondo album in studio “Teatro d’ira – Vol. I“, i Måneskin hanno parlato anche di Eurovision, dal momento che tra due mesi li vedremo a Rotterdam come rappresentanti dell’Italia.

Il discorso è andato a vertere, in particolare, sulla questione delle due parole forti cambiate all’interno di “Zitti e buoni“, dove in un caso è stata cambiata una parte del verso e nell’altra inserito un terzo “cosa” in aggiunta ai due precedenti. Questo all’interno di una più ampia (ma comunque minimale, rispetto alla media italiana) revisione della canzone per farla rientrare nei 3 minuti regolamentari.

Damiano David, voce della band romana, così si esprime (concentrandosi soprattutto sulla prima delle due espressioni colorite):

Non ci ha fatto piacere; l’abbiamo fatto perché altrimenti ci avrebbero squalificato. Abbiamo tolto una parolaccia, è stata una scelta di buon senso. Bisogna anche rendersi conto della realtà dei fatti, siamo ribelli, ma non scemi.

Segue Victoria De Angelis, bassista del gruppo:

Ci esprimiamo con la nostra musica, andare all’Eurovision ci rende orgogliosi, anche per farci vedere da un pubblico europeo.

Va ricordato, ad ogni modo, che non si tratta dell’unica occasione in cui si sono avute modifiche per situazioni di questo genere nella storia eurovisiva, soprattutto recente: periodicamente la questione si è presentata sul palco, ed è sempre stata risolta con la sostituzione della parola, o delle parole in questione.

I Måneskin sono il terzo gruppo (inteso come tale) della storia italiana all’Eurovision, dopo i Ricchi e Poveri nel 1978 e i Matia Bazar nel 1979. In tema di gruppi, sempre presi nella loro accezione stretta, nel 2021 faranno parte di un lotto che ne comprende almeno sei. Oltre a loro (e in attesa di chiarire la questione Bielorussia coi Galasy ZMesta) abbiamo infatti:

  • Blind Channel (Finlandia)
  • The Roop (Lituania)
  • Go_A (Ucraina)
  • The Black Mamba (Portogallo)
  • Hooverphonic (Belgio)

L’Italia, all’Eurovision 2021 si esibirà direttamente in finale, in programma il 22 maggio alle 21 con diretta su Rai1. L’ordine di esibizione della stessa verrà deciso al termine della seconda semifinale, cioè un po’ meno di quarantott’ore prima. Prima di allora, i Måneskin dovranno sostenere varie tra prove e conferenze stampa, oltre a eventi collaterali, sebbene non sia chiaro quanti ne verranno mantenuti, stante l’attuale situazione.

Commenta questa notizia...