Eurovision 2021, intervista ai Go_A: “Vogliamo diffondere la cultura e la lingua ucraina in tutto il mondo”


Oggi i microfoni di Eurofestivalnews hanno raggiunto i Go_A che con Shum saranno i rappresentanti dell’Ucraina all’Eurovision 2021. A parlare è Taras Shevchenko, polistrumentista del gruppo, nonché fondatore che ci rivela come si è formata la band, ma soprattutto che non immaginavano Shum come canzone per l’Eurovision. Ricordiamo poi ai nostri lettori che l’Italia ha diritto di voto nella prima semifinale in cui gareggia anche l’Ucraina martedì 18 maggio su RAI 4.

 

Partiamo dall’inizio: la band si è formata nel 2012 grazie all’ iniziativa di Taras Shevchenko di fondare un gruppo che mescolasse musica moderna ed etnica. Non è stato però subito facile trovare persone che avessero quel gusto musicale: raccontaci un po’ di questo periodo e di come alla fine vi siete conosciuti.

Dopo aver lasciato la sua band metal come chitarrista, ho avuto l’idea di un progetto che combinasse la musica elettronica con la musica folk ucraina dall’inizio del 2011, ma in un primo momento ha provato la musica trance con strumenti dal vivo. Presto è passato a vari strumenti e percussioni tradizionali dell’Ucraina e della World Music combinati con la musica elettronica. A quel tempo i Go_A erano una specie di one man band con membri ospiti, ma poi Taras ha pensato di portare vocalità autenticamente ucraine in una delle canzoni: è così che ho incontrato Kate.

Hanno realizzato una canzone chiamata “Probudzhennya” (Il risveglio) ed è piaciuta così tanto che hanno deciso di attenersi a questo tipo di genere. In qualche mese c’erano già sei membri nella band: due cantanti tra cui Kate come back vocalist, un chitarrista, un percussionista, un suonatore di fiati e me che suonavo le tastiere. Così abbiamo avuto il nostro primo concerto nell’aprile 2013 in un piccolo pub a Kiev.

Durante i nostri anni successivi abbiamo avuto alcuni problemi con le sedi di concerti e festival perché nessuno aveva mai sentito prima tale musica e quindi nessuno sapeva dove inserirci: eravamo troppo tiepidi per i festival del rock, troppo folk per i festival di danza e “non così autentici” per le feste popolari. Quindi eravamo rimasti in un underground musicale per diversi anni e la maggior parte dei nostri spettacoli dal vivo erano del tipo: avevamo suonato in qualche locale, un ragazzo ci aveva sentito lì e ci aveva invitato al suo festival, e così via. Nel 2019 abbiamo tenuto un concerto in Polonia e c’era un altro ensemble dall’Ucraina: Ihor (il nostro suonatore di fiati) era in quell’ensemble. Quindi ci siamo incontrati e lo abbiamo invitato a unirsi alla band. In pochi mesi Kate ha incontrato il nostro chitarrista Ivan durante il concerto a cui stava assistendo. È così che è andata.

L’anno scorso avete vinto Vidbir, la selezione ucraina per l’Eurovision, con Solovey. Ve lo aspettavate visto che nessuna canzone totalmente in lingua ucraina aveva mai calcato il palco dell’Eurovision? Come ci si sente a portare per la prima volta una canzone interamente in ucraino?

Ci sentiamo di avere un grande onore e responsabilità. Per noi è importante cantare in ucraino perché la nostra ispirazione proviene principalmente dal folklore ucraino e semplicemente non andrebbe bene in nessun’altra lingua.

SoloveyShum: spiegateci i punti di forza di queste due canzoni

Sia “Solovey” che “Shum” sono state scritte senza aspettative: abbiamo solo cercato di essere noi stessi e di fare ciò che abbiamo sempre fatto bene. Pensiamo che la forza principale delle nostre canzoni, non solo “Solovey” e “Shum”, sia che crediamo in quello che facciamo, non solo per fare soldi o diventare celebrità. E le persone possono percepirlo.

Quest’anno la canzone Shum è stata scelta da una giuria di 5 membri che hanno valutato tre canzoni. Dopo la scelta però avete deciso di realizzare un revamp molto importante che ha quasi stravolto la canzone. Perché questo cambiamento? Forse non vi aspettavate che la giuria scegliesse Shum?

In realtà non pensavamo a “Shum” come la canzone per l’Eurovision. Abbiamo pensato che fosse per i nostri spettacoli dal vivo, perché la canzone era basata su una danza popolare autoctona e volevamo ballarla durante i nostri concerti. Secondo le regole dell’Eurovision abbiamo dovuto ridurre la canzone a tre minuti, tuttavia ci piaceva “Shum” così com’era, quindi abbiamo pensato di portare qualcosa di nuovo invece di ridurre la canzone. Lo abbiamo fatto come continuazione della nostra storia originale, il cosiddetto “episodio SHUM II”.

Shum è ispirato a una canzone popolare rituale primaverile con lo stesso nome. È una reinterpretazione moderna di un rituale arcaico con elementi di antiche pratiche rituali magiche. Qual è il messaggio che trasmette il pezzo? è possibile ascoltare la vecchia versione della canzone su Internet?

In origine “Shum” era il nome dello spirito della foresta in cui credevano i nostri antenati. Avevano eseguito la canzone e la danza popolare chiamata “Shum” per compiacere quello spirito e risvegliare la primavera. E “Shum” ha un mantello verde perché in primavera gli alberi diventano verdi. Puoi ascoltare la canzone originale qui. In realtà, è il video dell’ex gruppo folk di Kate chiamato Vytynanka.

Qual è il vostro rapporto con l’elemento etnico? Perché è così importante per voi portare una canzone che abbia elementi etnici?

Quando pensiamo a noi stessi ci sentiamo come rappresentanti della cultura e della musica nativa ucraina: lo facciamo solo in modo moderno. Il nostro elemento etnico è al centro della musica della nostra band e costruiamo altri pezzi attorno a questo. Proviamo a ripensare completamente alle idee folk originali invece di limitarci a remixare canzoni popolari. Crediamo che possa essere un modo in cui viene creata una musica popolare moderna: non deve essere sempre vecchia e arcaica.

Pensate che il vostro genere abbia la possibilità di crescere sotto l’aspetto del successo all’estero per poter portare la cultura musicale tradizionale ucraina in Europa e nel resto del mondo?

Artisti e produttori di tutto il mondo usano diversi elementi tradizionali della World Music nelle loro canzoni da molti anni ormai. Molte canzoni pop americane sono basate su armonie di musica country. Anche i motivi tradizionali indiani, arabi, africani e latinoamericani sono ampiamente utilizzati. Esiste un genere musicale chiamato goa-trance che si basa sulla musica elettronica con una grande influenza della cultura indù. Finora la musica tradizionale ucraina non era così popolare perché pochissime persone al di fuori dell’Ucraina l’avevano ascoltata prima.

Inoltre, essere parte dell’URSS per quasi 70 anni ha reso impossibile qualsiasi tipo di espansione culturale e avevamo perso una parte significativa della nostra cultura, perché ci veniva costantemente detto che non avevamo una cultura e una lingua nostra. Ma crediamo di avere la possibilità di cambiarlo. Quando abbiamo rilasciato “Shum”, non abbiamo fornito molte spiegazioni su chi o cosa fosse realmente “Shum”. Così tante persone hanno cercato di trovare queste informazioni da sole e quindi hanno iniziato a immergersi nella mitologia ucraina scoprendo molto di più del semplice “Shum” stesso. Pensiamo che sia un buon inizio.

Cosa vi piace dell’Eurovision e a quale posizione aspirate? Qual è secondo voi la formula magica per vincere l’Eurovision?

Pensiamo che non esista una formula magica. A volte ci vuole solo essere onesti con il pubblico, non cercare di fingere di essere qualcun altro. Ad esempio, se un concorrente esegue una ballata pop ma il suo talento risiede nelle energiche canzoni rock, il pubblico potrebbe percepirlo.

Ucraina, Go_A

Siete mai stati in Italia? Vi piacerebbe suonarvi un concerto?

No, non ci siamo mai stati. Come ha detto uno dei nostri amici, se ti piace viaggiare in posti nuovi, l’Italia dovrebbe essere l’ultima a essere visitata: è così bella che dopo aver visto l’Italia tutto il resto diventerebbe meno interessante. E sì, ci piacerebbe suonarne alcuni concerti lì e l’invito sarebbe più che gradito.

Avete ascoltato gli altri brani dell’Eurovision quest’anno? Quale vi piace di più? E in assoluto nella storia dell’evento?

Sfortunatamente quest’anno non abbiamo avuto il tempo di ascoltare tutte le voci dell’Eurovision. Da quello che abbiamo ascoltato è difficile scegliere i preferiti: tutte le voci sono fantastiche. A volte il confronto di brani diversi è simile al confronto di strumenti musicali diversi: tutto dipende dal proprio gusto musicale. Per noi comunque i migliori sarebbero i Daði Freyr dall’Islanda, i The Roop dalla Lituania, Gjon’s Tears dalla Svizzera e Montaigne dall’Australia.

Cosa ne pensate dei Måneskin, i rappresentanti dell’Italia di quest’anno?

I Måneskin hanno due cose principali che amiamo della musica rock: energia ed emozioni. Non vediamo l’ora di vedere la loro esibizione sul palco: a volte è incredibile vedere l’Eurovision trasformarsi in un’arena rock.

L’Italia quest’anno ha diritto di voto nella prima semifinale in cui si esibisce l’Ucraina. Volete mandare un messaggio per convincere i telespettatori italiani a votare per voi?

Lo facciamo ovviamente. Da quando il progetto dei Go_A è stato creato, non abbiamo mai preteso di essere qualcun altro, non abbiamo cercato di seguire alcuna tendenza musicale o pubblicizzare nulla. Abbiamo solo cercato di essere noi stessi e di fare quello che abbiamo fatto: promuovere la musica e la cultura ucraina in chiave moderna. Quindi il nostro messaggio è: siate voi stessi. E sii felice, questo è importante. E se ti piace la nostra canzone e la nostra band, votaci.

Quali strumenti musicali apprezzate di più e perché?

Dipende completamente dalla canzone. Non mettiamo il sopilka o l’arpa ebraica o la chitarra nella canzone casualmente. Ogni nota nella canzone dovrebbe avere un significato e stiamo cercando di attenerci a quello. Usiamo molti strumenti a fiato ucraini, ma è perché abbiamo Ihor. Aggiungi alcune chitarre, percussioni dal vivo, un mucchio di sintetizzatori e drum machine, un’autentica voce femminile a questo e avrai un mix musicale perfetto!


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Eurovision Inside

Commenta questa notizia...