Eurovision 2021: vedremo tanta realtà aumentata nelle esibizioni


Sarà un Eurovision Song Contest ricco di tecnologia con tanta realtà aumentata nelle esibizioni che vedremo sul palco della Ahoy Arena di Rotterdam tra il 18 e il 22 maggio 2021. Questa è la promessa degli organizzatori dell’evento hanno fatto ai microfoni di NAP nella giornata odierna.

esc 2021 realtà aumentata stage

Credits: EBU/Stijn Smulders

In particolare lo stage designer Florian Wieder, al suo settimo lavoro eurovisivo, ha dichiarato:

Nei Paesi Bassi la tecnologia è molto avanzata e ho sempre voluto sfruttarla in qualche modo. Ciò che vedete con gli occhi in sala è un livello ma ne esiste un altro sopra di esso. Con la realtà aumentata potremo creare illusioni extra visibili solo in televisione.

Una scelta che mira ad offrire al pubblico a casa uno spettacolo avvincente soprattutto in questo contesto particolare legato alla pandemia che permetterà ad un numero ristretto di fan di assistere dal vivo all’evento, se non addirittura a nessuno nel caso la situazione sanitaria peggiori nei Paesi Bassi.

Inoltre va considerato che il palco, ultimato nei giorni scorsi, non presenta più il design studiato per l’edizione del 2020 ma uno stage più ristretto su cui si affaccia direttamente la green room.

L’ambizione degli organizzatori dunque è quella di avere un uso ben più massiccio della tecnologia nelle varie esibizioni, sia dei paesi in gara che degli interval-act, rispetto all’edizione precedente dell’Eurovision Song Contest.

Nel 2019 a Tel Aviv, infatti, furono pochissimi gli act a sfruttare gli elementi digitali in sovrimpressione alla ripresa video – ricordiamo la transizione video di Victor Crone (Estonia) o gli elementi 3D usati da Kate Miller-Heidke (Australia) – anche in virtù della presenza di un enorme led-wall che privilegiava scenografie più “classiche”.

In passato anche l’Italia ha usufruito di questa tecnologia nelle sue esibizioni, basti pensare alla traduzione multi-lingue del testo di “Non mi avete fatto niente” di Ermal Meta e Fabrizio Moro nel 2018 o le mini animazioni che arricchivano la performance di Francesca Michielin e la sua “No degree of separation” nel 2016.

Tornando all’Eurovision Song Contest 2021 sicuramente la realtà aumentata sarà utilizzata durante l’interval-act della prima semifinale con la performance “The Power of water” di Davina Michelle e Thekla Reuten. Ma anche il campione in carica Duncan Laurence ricorrerà a questo artificio tecnologico come spiega il direttore dell’evento Marnix Kaart:

La useremo [la realtà aumentata n.d.a.] durante le performance di Davina Michelle e Duncan Laurence. Creeremo mondi separati all’interno dell’Ahoy. […] Ci saranno diversi momenti in cui spero lo spettatore penserà: oh wow, questo è veramente fantastico.

L’attesa adesso è per l’inizio delle prove fissato per l’8 maggio quando scopriremo se e quali delegazioni nazionali hanno studiato performance che utilizzino tale tecnologia. Per la resa televisiva l’appuntamento è per il 18, 20 e 22 maggio 2021 alle ore 21:00 con diretta su Rai1 (22 maggio, finale) e Rai4 (18 e 20 maggio, semifinali).


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...