Eurovision 2021, settima giornata di prove: Svizzera al top, tanti miglioramenti


Report live da Rotterdam | La settima giornata conclude il secondo round di prove per i semifinalisti. Oggi sul palco della Ahoy Arena di Rotterdam abbiamo avuto modo di vedere gli ultimi otto artisti che si esibiranno nella seconda semifinale giovedì 20 maggio.

LEGGI ANCHE: Eurovision 2021: ultime prove per i semifinalisti, la scaletta della settima giornata

Georgia – Tornike Kipiani – “You”

La seconda prova dell’artista georgiano è molto più convincente della prima: Tornike è molto più a suo agio sul palcoscenico, e dal punto di vista vocale è molto più pulito. Oggi non ha giocato con la voce, ha fatto una prova seria e perfetta da ogni punto di vista.

Nessun cambiamento nello staging, cambiata solo qualche inquadratura, per il resto è la stessa messinscena molto bella e adatta a una canzone così delicata che abbiamo visto nella scorsa prova.

In ogni caso questa rimane una canzone particolare, debole ber il concorso, che difficilmente potrà centrare l’accesso in finale, ma a qualche orecchio potrebbe sicuramente piacere.

Albania – Anxhela Peristeri – “Karma”

L’artista albanese non si smentisce: se la prima prova è stata convincente, questa lo è stata ancora di più.

Il gioco di luci, il fumo che appare sugli schermi e verso la fine viene sparato sul palco, e gli stacchi delle telecamere, che sono perfettamente sincronizzati con la voce e i movimenti di Anxhela, formano nel complesso un ottimo staging.

Anxhela Peristeri ancora una vola è autrice di una performance davvero interessante, ben realizzata e soprattutto carica di energia. L’accesso in finale non dovrebbe essere un problema per lei.

Portogallo – The Black Mamba – “Love Is On My Side”

La proposta del Portogallo, eseguita magistralmente dai The Black Mamba, è sempre più promettente e si conferma una delle performance più interessanti di questo Eurovision.

Anche in questo caso sono stati perfezionati gli stacchi di telecamera, che rendono ancora più piacevole assistere a questa esibizione. Bello il passaggio dal 4:3 in bianco e nero al 16:9 a colori.

Tutto questo, sommato al mood travolgente  di questa canzone, dovrebbero consentire al Portogallo di raggiungere la finale senza problemi.

Bulgaria – Victoria – “Growing up Is Getting Old”

La seconda prova di Victoria segna un netto miglioramento rispetto alla precedente. L’artista bulgara è ancora una volta impeccabile vocalmente, e lo staging è d’impatto. Unica sbavatura un attacco anticipato nel terzo take.

Da rivedere leggermente le inquadrature, anche perché durante il primo take qualcuno (probabilmente un altro operatore) è passato davanti alla telecamera, e durante il terzo l’ombra di un cameraman era ben visibile nell’inquadratura.

Victoria ha finalmente preso confidenza con il palcoscenico della Ahoy Arena di Rotterdam, se fa una performance impeccabile giovedì 20 potrà tranquillamente entrare in finale.

Finlandia – Blind Channel – “Dark Side”

Il grido dei Blind Channel sveglia tutti dopo la delicatezza dell’esibizione precedente. Come un pugno nell’occhio, lo staging resta quello forte e d’impatto che vi abbiamo raccontato nella prova precedente.

Perfezionati i movimenti sul palco, la band finlandese è pronta a demolire l’arena con questo rock molto duro. Ancora una volta nel primo take una telecamera è entrata in campo, rovinando l’inquadratura finale.

Tutto perfetto invece nel secondo e nel terzo take, ma non è certo una sorpresa. I Blind Channel sono animali da palcoscenico e hanno uno staging spettacolare, avranno facilmente accesso alla finale a meno di un clamoroso colpo di scena.

Lettonia – Samanta Tina – “The Moon Is Rising”

Nessun cambiamento significativo nello staging, come prevedibile, ma Samanta Tina mostra una maggiore confidenza con questo palcoscenico.

L’artista lettone se la prende comoda, facendo slittare di alcuni minuti il programma. In ogni caso resta una performance valida ma poco incisiva, uno staging che difficilmente riesce a colpire.

Dal punto di vista vocale va tutto bene, se non che in alcuni momenti, specialmente negli acuti, l’artista sembrava giù di voce

Svizzera – Gjon’s Tears – “Tout l’Universe”

È la stessa performance che abbiamo visto nella scorsa prova, nulla di più o di meno. La stessa identica classe invidiabile che l’artista svizzero ci ha mostrato martedì, la stessa semplicità complessa che abbiamo già visto.

Gjon’s Tears non si smentisce: perfetto da ogni punto di vista, ancora una volta. La potenza vocale non si lascia scalfire dai movimenti che fa su quella struttura bianca su cui è in piedi, non sbaglia mai una nota, è sempre un piacere da vedere e da ascoltare.

Se dovessimo descrivere la perfezione, potremmo prendere come esempio la performance di Gjon’s Tears. Merita un posto in finale, e potrebbe puntare molto in alto

Danimarca – Fyr & Flamme – “Øve os på hinanden”

Un salto negli anni ’80 per il duo danese, che ripropone lo stesso staging della prova precedente, cambiando solo qualche inquadratura.

Nessun problema da segnalare per loro, che comunque hanno una proposta coraggiosa e inusuale. Luci e colori tornano protagonisti sul palcoscenico di Rotterdam.

La performance dei Fyr & Flamme, tra movenze alla Freddie Mercury, giochi di luce e costumi scintillanti (solo per chitarrista e coristi) non può che mettere allegria. Attenzione, la Danimarca potrebbe essere il “dark horse” di questa edizione, anche se non sarà per nulla semplice centrare la finale.

Appuntamento a domani, sempre in diretta dalla sala stampa della Ahoy Arena di Rotterdam, con il secondo giro di prove per i Big 5, i cinque finalisti di diritto a cui si aggiungono i Paesi Bassi, che ospitano il concorso. Tra loro vedremo anche i nostri Måneskin.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e Facebook o nella nuova community dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Eurovision Inside

Commenta questa notizia...