Eurovision 2021, i quattro presentatori: “Condurre l’evento in questo periodo è un privilegio”


Report live da Rotterdam | La settimana eurovisiva presenta nella giornata di oggi non solo le prove generali della seconda semifinale (domani in diretta su Rai4 dalle 21:00) ma un’occasione anche per conoscere meglio i 4 presentatori della 65° edizione dell’Eurovision Song Contest che si presentano in sala stampa.

presentatori eurovision 2021

Da sinistra: Chantal Janzen, Edsilia Rombley, Jan Smit e NikkieTutorials © NOS/NPO/AVROTROS/Koers Von Cremer

Si tratta di Jan Smit, Edsilia Rombley, Chantal Janzen e Nikkie De Jager, in arte NikkieTutorials. Il primo è un cantante e conduttore televisivo, commentatore storico dell’Eurovision nei Paesi Bassi mentre Edisilia Rombley è una ex-rappresentante del paese alla rassegna (1998 e 2007).

Non manca il background musicale anche a Chantal Janzen che è una presentatrice ed attrice con alle spalle diversi musical di successo in patria. NikkieTutorials invece arriva dal web: è una star dei beauty vlog su YouTube e vanta 13,8 milioni di iscritti sul suo canale.

Se i primi tre erano stati confermati al timone dell’edizione 2021 dopo la cancellazione del 2020, la De Jager è stata “promossa” sul palco dell’Ahoy Arena dopo che lo scorso anno si era occupata unicamente della creazione di contenuti social.

La prima cosa che hanno sottolineato è stata l’emozione di ritrovare il pubblico in arena. NikkieTutorials ha definito questa esperienza come “un sogno che è diventato realtà”. Spiega anche che in ogni sera indosserà un abito con un dettaglio legato al mondo LGBT. Si incomincia poi con le domande sia in sala stampa che sulla chat virtuale.

Domanda per Jan Smit: “Se ti guardassi sul palco dal tuo ex-ruolo commentatore dell’Eurovision, che critica ti faresti?”

JS: Sono un commentatore, siedo al fianco di Cornald Maas dal 2011 e devo essere assolutamente neutrale. Di solito non faccio altro che riferire al pubblico ciò che mi rimane di una canzone. Se mi riguardassi adesso penso che sto parlando troppo velocemente, devo essere più calmo. Vorrei tirare più per le lunghe ma non posso farci niente.

Domanda per Edsilia Rombley: “È più emozionante partecipare all’Eurovision Song Contest come concorrente o come presentatrice?”

ER: Sono qui come host, ma il mio cuore è con i cantanti che devono controllare tutti i dettagli. Amo entrambi gli scenari. Sono una cantante ma adoro sbirciare i dietro le quinte come presentatrice.

Domanda per Chantal Janzen. “Come hai gestito l’improvviso problema tecnico ieri sera?” – Il riferimento è al ritardo nell’esibizione dell’Irlanda ieri sera per il malfunzionamento di una telecamera.

CJ: Non sono andata in panico. Non sono brava in tante cose ma in questa riesco bene. Ho come soprannome “Miss Polso Fermo”, non sono una che va in panico. Non ci vogliono troppe parole, vedi tutto il movimento dietro le quinte e devi dire qualcosa al pubblico a casa. È il tuo lavoro. È la tua casa. È dove ti senti bene. Bisogna vivere il momento.

Domanda per tutti: “È un momento storico speciale e un’edizione speciale dell’Eurovision. Quanto sentite sia un privilegio essere presentatori soprattutto quest’anno?”

CJ: Quando vedi tutte quelle persone e ti rendi conto che sei li a parlare a loro, lì ti rendi conto del privilegio.

ER: Amiamo la musica e l’Eurovision. La musica ha tanti messaggi, quest’anno ci sono tante belle canzoni con tanti bei messaggi. È questo che rende speciale tutto ciò. In questo momento il privilegio è condurre un evento che ha il potere di rendere meno pesanti queste giornate per le persone.

Domanda per NikkieTutorials: “Qual è stata la più grande sfida che hai dovuto affrontare passando dalla creazione di contenuti social alla conduzione in una produzione televisiva?”

NT: Gestire il timing. Doversi confrontare con le tempistiche: cosa dire e quando, gestire gli stacchi pubblicitari… Questo è il vero cambiamento.

Domanda per NikkieTutorials: “Sei di ispirazione per tante persone. Cos’è che invece ispira te?”

NT: Hai un minuto? (ride) Tante cose. Le persone intorno a me sono di ispirazione. Sono ispirata da qualsiasi cosa, ma riguardo lo show sicuramente il pubblico. Non ero abituata. Questo amore, questo calore, è straordinario.

Domanda per Jan Smit: “Hai realizzato tanti singoli musicali di successo. Hai mai pensato di rapprenstare i Paesi Bassi all’Eurovision?”

JS: Ci ho pensato diversi anni fa ma ora non più. Ho fatto diversi anni al commento, adesso presento: ho fatto tutto! Bisogna dare questa possibilità a nuovi talenti giovani.

Domanda per Chantal Jenzen: “Ci sono stati diversi problemi tecnici anche durante le prove e tu hai preso le redini della conduzione: complimenti. Sei quella incaricata di risolvere sempre queste situazioni?

CJ: I complimenti vanno fatti alle persone dietro le quinte. Hanno corso nel backstage per risolvere il problema. Io ho 80 canzoni pronte da cantare per ogni evenienza.

Domanda per tutti: “Se foste sul palco in gara a cantare, che canzone scegliereste da qualsiasi edizione?”

ER: 1998, Imaani “Where Are You?”. Magari una versione più slow. Ho chiamato mia figlia Imaani per via di quella canzone. O anche “Euphoria” di Loreen.

CJ: “Ein Bisschen Frieden”. In particolare in questo periodo legato alla pandemia.

JS: “Flying On The Wings Of Love” degli Olsen Brothers.

NT: “Euphoria” di Loreen.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e Facebook o nella nuova community dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Eurovision Inside

Commenta questa notizia...