Eurovision 2021, l’esibizione dei Måneskin diventa quella italiana più vista


Chiusa definitivamente la vergognosa parentesi che coinvolgeva Damiano David in un ciclone mediatico disgustoso, parliamo di un fantastico record infranto stanotte.

Questa notte infatti, l’esibizione dei Måneskin in finale con la loro Zitti e buoni ha superato in termini di visualizzazioni su YouTube l’esibizione in finale di Mahmood con Soldi, che valse un secondo posto nel 2019.

Måneskin, l'orgoglio della Rai

 

L’esibizione di “Soldi” alle 24 circa del 25 maggio erano 23 milioni e 600 mila, con il gruppo romano che tallonava dietro ad appena 200 mila visualizzazioni di scarto.

Uno scarto che si è de facto annullato stamattina, in cui “Zitti e buoni” ha ampiamente superato quota 25 milioni, piazzandosi al momento a quota 25, 6 milioni di visualizzazioni.

Un aumento di visualizzazioni indubbiamente dovuto alla vittoria della band all’Eurovision Song Contest 2021, unito al loro grande seguito social, che con la loro performance si piazzano al ventiquattresimo posto dei video più visti del canale YouTube dell’Eurovision.

Le visualizzazioni erano schizzate oltre i 10 milioni già al momento della vittoria, all’una del 23 maggio, e dopo neanche 24 ore avevano superato ampiamente le 15 milioni e mezzo di visualizzazioni rendendolo il video italiano che più velocemente ha raggiunto questo traguardo.

Per l’occasione sono entrati in tendenza su YouTube Italia l’esibizione in Finale, l’esibizione conclusiva dopo la vittoria e (per la prima volta nella storia) il video della sequenza del televoto.

Sempre per la prima volta nella storia dell’Italia alla rassegna europea, mercoledì 19 maggio si è imposto al primo posto nelle tendenze il filmato delle prove dei Måneskin registrato durante la Jury Rehearsal della Prima Semifinale lunedì scorso e mandato in onda martedì 18 Maggio, nella Semifinale in cui l’Italia aveva diritto di voto (qui per vedere come ha votato in semifinale ed in finale).

Velocità simili si sono verificate anche nel 2018 con l’esibizione in finale e in semifinale di Eleni Foureira, seconda con Fuego, e la vincitrice Netta con Toy (la quale entrò anche in tendenza su YouTube Italia insieme ovviamente ai nostri rappresentanti quell’anno, Ermal Meta e Fabrizio Moro).

Quest’ultima ebbe anche un’esponenziale aumento di visualizzazioni del video ufficiale, che ad oggi è il secondo più visto di sempre (154 mln) superata l’anno scorso da Uno dei Little Big (203 mln), la canzone che l’anno scorso avrebbe dovuto concorrere per la Russia.

Parlando proprio di video ufficiali, è probabile che a breve l’esibizione dei Måneskin in Finale supererà il video ufficiale di Zitti e buoni sul canale della band, considerando che il primo ha velocemente raggiunto le 24,4 milioni di visualizzazioni in 3 giorni, mentre il secondo ha impiegato due mesi e mezzo per piazzarsi a 25,3 milioni.

Continuano quindi i record infranti dei quattro giovani romani, dopo essere entrati a gamba tesa nella top 10 globale di Spotify (prima canzone italiana e prima canzone eurovisiva a riuscirci) anche quest’altro record sul canale dell’Eurovision oltre al raggiungimento del Disco di Platino sia per l’album “Teatro d’Ira Vol. I” che per il singolo “Le Parole Lontane”.

Nella speranza che questi record possano servire da monito a chi ha voluto screditare vergognosamente una band che in cinque anni ha lavorato sodo per giungere a tutti i risultati ed i successi meritatamente raggiunti, tra cui sicuramente l’aver riportato l’Eurovision in Italia dopo ben 31 anni.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e Facebook o nella nuova community dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Eurovision Inside

Commenta questa notizia...