Eurovision 2021: oltre 1 milione di persone ha scelto l’informazione di qualità di Eurofestival News


L’edizione 2021 dell’Eurovision Song Contest, che ricorderemo per la vittoria dell’Italia con i Maneskin, è stata memorabile sotto più punti di vista (tenendo conto anche del contesto pandemico globale).

Sicuramente anche dal nostro: come testata online punto di riferimento per l’informazione eurovisiva, nel mese di maggio abbiamo registrato il nostro record assoluto sia su eurofestivalnews.com che sui profili social associati.

Numeri che parlano da soli e che farebbero invidia a qualsiasi testata generalista, figuriamoci ad una specializzata come la nostra: 1.029.367 visitatori unici * a cui vanno ad aggiungersi 3,1 milioni di visualizzazioni/impression ottenute dalle pubblicazioni sui nostri profili social (Facebook/Twitter e Instagram).

Eurofestival News infografica record Eurovision 2021

Non può quindi mancare un ringraziamento davvero sentito, perché la nostra redazione (composta sostanzialmente da tutti appassionati dell’evento) ha lavorato davvero duro per riuscire ad informare al meglio nel mese più intenso dell’anno, con anche un inviato a Rotterdam nonostante le restrizioni legate all’emergenza Covid-19.

Un risultato ancora più importante se si tiene conto che l’interesse per l’Eurovision è stato molto alto da parte di tutti i media italiani (tv, online, stampa) quindi con una forte concorrenza da questo punto visita (e che aumenterà proporzionalmente da qui fino al 2022, quando l’evento verrà organizzato dalla Rai in Italia).

Media italiani e stranieri (oltre 30 testate tra online e cartaceo) che nella seconda metà di maggio hanno spesso citato nostri articoli o approfondimenti (con anche qualche “distratto” copia e incolla).

Un riconoscimento che ci fa naturalmente piacere, tanto più se si considera che non abbiamo mai ceduto al puro gossip pur di conquistare qualche clic in più (su cui molte testate online – e non solo – fanno la loro fortuna), con la consapevolezza che la maggior parte dei nostri lettori ci apprezza proprio per questo.

Continueremo su questa strada e soprattutto ad impegnarci per offrire la migliore informazione possibile sull’Eurovision Song Contest, con tutti gli aggiornamenti che riguarderanno la prossima edizione tutta italiana (e continuando anche a segnalare le cose che non vanno, come è giusto che faccia una testata online indipendente come la nostra).

GRAZIE da tutti noi di Eurofestival News!

* Dettaglio dati Google Analytics 1-31 maggio 2021: 1.029.367 utenti unici (al netto di duplicazioni nell’arco temporale citato) e 1.763.923 pagine visualizzate. Dati WordPress Stats 1-31 maggio 2021: 1.130.676 visitatori; 1.791.387 visualizzazioni.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

3 Risposte

  1. Danilo ha detto:

    GRAZIE ! Un sincero grazie veramente dal cuore lo diciamo noi a voi, per l’impegno che ci mettete ogni anno, specie quest’anno con le sue difficoltà in più, e per non aver mai abbandonato la “causa” dal 1997 al 2011, anni in cui parecchie persone, che adesso si riempiono la bocca con l’ESC (e lo faranno ancor di più in vista del 2022), avevano contribuito ad oscurarlo, parlandone il meno possibile, specie in RAI, dove era un argomento tabù. Ricordo quando Paolo Meneguzzi partecipò nel 2008 a Belgrado in rappresentanza della Svizzera, un anno in cui ci furono ben 3 canzoni in italiano (Svizzera, debutto di San Marino con i Miodio e… Romania!).
    Lui presenzio’ in una trasmissione RAI e il conduttore (una ex-colonna della RAI, ancora in vita) boffonchio’ qualcosa, cercando di glissare sulla mancata partecipazione dell’Italia. Adesso sembra preistoria, ma è successo solo 13 anni fa. Sarebbe bello che, in vista dello spettacolo dell’anno prossimo, la RAI ci restituisse, come tappe di avvicinamento, la proiezione degli Eurovision che abbiamo pagato e che non ci ha fatto mai vedere.
    Grazie ancora per il vostro impegno, la competenza e la passione che vi contraddistingue, che riuscite pienamente a trasmettere a noi che vi leggiamo.

Commenta questa notizia...