Måneskin, anche l’album “Teatro d’Ira vol.1” sfonda in tutta Europa


L’annata d’oro dei Måneskin fa segnare un altro record: dopo tutti quelli che abbiamo visto con i singoli, ultimi quelli relativi a “Beggin’ e “I wanna be your slave”, la band romana fa segnare un altro primato niente male, piazzando l’album “Teatro d’Ira vol.1″ in classifica in 33 paesi europei e addirittura in molti di questi in vetta alla chart o in top 10. Un risultato straordinario per qualunque artista eurovisivo, figuriamoci per uno italiano. Ecco nel dettaglio i piazzamenti:

Piazzamenti in Top 3

L’album oltrechè in Italia, si è piazzato al primo posto in Finlandia, Lituania e Svezia; al secondo nei Paesi Bassi, in Islanda ed in Norvegia e al terzo a Malta ed in Repubblica Ceca, Slovacchia e Russia.

Piazzamenti in Top 10

Rimanendo nella top 10, si registra il quarto posto nella classifica belga delle Fiandre ed inoltre in Danimarca, Estonia, Lettonia, Slovenia a Cipro e nella classifica rock di Billboard Regno Unito; il quinto posto in Svizzera, Austria, Bulgaria e Romania, il settimo in Polonia ed il decimo nella Heatseekers Billboard Usa Chart  (una classifica riservata ai nomi esordienti o emergenti).

Altri piazzamenti

Restano nella top 30, si registra l’undicesimo posto in  Germania, Lussemburgo e nella Us World Album Billboard Chart, il dodicesimo in Spagna ed a seguire piazzamenti più in basso in Belgio-Vallonia, Irlanda e fuori dalla top 30 in Francia, Regno Unito, Grecia.

Il ritorno in classifica dei vecchi album

L’ondata di successi sta poi facendo registrare l’incredibile rientro in classifica dei vecchi album: l’EP Chosen, uscito subito dopo la partecipazione ad X Factor è arrivato al secondo posto in Lituania, al quarto in Finlandia, all’ottavo in Islanda e Svezia ed è entrato in classifica anche in Norvegia, Fiandre, Vallonia, Austria e Svizzera.

Ancora meglio Il ballo della vita, primo lavoro completo, risalente al 2018: secondo in Lituania, quinto in Finlandia, settimo nei Paesi Bassi, decimo nelle Fiandre ed in classifica in Austria, Islanda, Norvegia, Svezia, Bielorussia, Germania, Vallonia, Svizzera e Spagna. Impressionante la classifica lituana dove i tre album della band occupano i primi tre posti in classifica ormai da un mese.

Gli altri campioni eurovisivi

Come abbiamo avuto modo di dire altre volte, è rarissimo che un artista eurovisivo piazzi il suo album in classifica: l’Eurovision vive infatti soprattutto di singoli, anche se in passato, soprattutto negli anni 60 e 70, qualcuno c’è riuscito.

In tempi recenti, gli album di successo internazionale – a livello nazionale è cosa ben diversa –  dopo l’Eurovision si contano sulle dita di una mano. Meglio dei Måneskin hanno fatto sin qui soltanto i Lordi, che nel 2006 riuscirono a portare il loro The Arockalypse, che conteneva Hard Rock Halleujah al milione di copie. Meno paesi in classifica, ma più pesanti, oltre a due dischi di platino in Finlandia e uno d’oro in Svezia. A fine anno l’album fu ottavo assoluto in Europa.

Siamo su cifre ancora lontane per la band romana perchè i mercati sono più piccoli e in 15 anni si è abbassata anche la quota delle vendite assolute, ma i presupposti per arrivarci ci sono tutti.

Intanto, per esempio, hanno fatto meglio di Heal, l’album di Loreen del 2012 seguito ad Euphoria, che entrò in classifica in 14 paesi ma in posizioni piuttosto di rincalzo. Per non parlare di Perfectly damaged, l’album di Måns Zelmerlow uscito in coincidenza con la vittoria all’Eurovision: disco d’oro in Svezia entrò in classifica nel solo nord Europa e sempre in posizioni di retroguardia.

 


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...