Eurovision 2022: Sanremo propone il Mercato dei Fiori, tra sogni e poche speranze


Dopo la presentazione del progetto di Bologna, città candidata a ospitare l’Eurovision 2022 e che abbiamo avuto la possibilità di conoscere nel dettaglio in anteprima, a scogliere le riserve è un altro comune italiano, ovvero Sanremo.

sanremo eurovision 2022 mercato fiori

Sulle colonne de “La Stampa” di oggi, il sindaco di Sanremo – Alberto Biancheri – ha rivelato diversi dettagli del dossier che la nota città dei fiori, che già ospita l’omonimo Festival della Canzone Italiana, ha presentato alla Rai per poter cercare di assicurarsi anche l’organizzazione del “fratello maggiore” di Sanremo, ossia l’Eurovision Song Contest.

Secondo le parole del primo cittadino, Sanremo ha presentato la candidatura alla Rai per l’Eurovision 2022 allegando un “progetto di massima“, che è stato realizzato e redatto in collaborazione con l’ingegnere Mario Petrella.

Una candidatura che, tuttavia, già dalle parole dello stesso sindaco della città ligure, ha poche speranze di riuscire ad avere la meglio sulle altre grandi città italiane interessate all’evento:

Avevamo il dovere di provarci e lo abbiamo fatto in modo serio. […] Avremmo commesso un errore se non avessimo deciso di provarci, pur partendo con chance obiettivamente non superiori al 10%.

Eurovision 2022, Sanremo promuove il Mercato dei Fiori

Il Comune ha proposto – all’interno del proprio dossier di candidatura per l’Eurovision 2022 – l’utilizzo del Mercato dei Fiori, dove si svolse anche il Festival di Sanremo nel 1990. Una scelta scontata, essendo questa la struttura più grande della città, e che molti vorrebbero come location più spaziosa anche per il Festival.

Secondo alcuni sopralluoghi dei vigili del fuoco, il Mercato dei Fiori potrebbe ospitare dai 6.000 agli 8.000 spettatori, riuscendo così ad avvicinarsi al limite minimo imposto dalla EBU per l’accettazione della candidatura.

Tra gli altri requisiti (riportati anche nel nostro speciale), lo staff comunale è convinto di assolvere anche alla capacità ricettiva richiesta (contando ovviamente anche tutte le località turistiche limitrofe), oltre a due aeroporti a meno di 150 km di distanza, tra cui quello di Genova e quello di Nizza.

Dunque, una candidatura che sa più di atto dovuto che di reale convinzione nel progetto, anche se Sanremo spera di far leva sulla sua storia musicale, turistica, e l’amaro in bocca lasciato dalla Rai che, per compensare alla mancanza di “contorno” – per questioni pandemiche – attorno a Sanremo 2021, aveva promesso alla città dei fiori un evento musicale estivo, che in realtà non è mai arrivato.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...