L’Italia ci ripensa: sarà in gara allo Junior Eurovision 2021. Cantante e brano a Novembre


Cambio di rotta in casa Rai Ragazzi. L’Italia ci ha ripensato e parteciperà allo Junior Eurovision Song Contest 2021.

Nelle scorse settimane avevamo contattato il direttore Luca Milano, il quale ci aveva confermato la volontà di prendersi ancora un anno di stop, dopo la mancata partecipazione alla versione “da remoto” di Varsavia, ma la situazione in evoluzione ha convinto l’emittente a tornare in gara.

Anche in questo caso, è lo stesso direttore a comunicarci la decisione in prima persona:

Buongiorno. Sono lieto di comunicarle che, alla luce della attuale situazione, abbiamo deciso nei giorni scorsi di partecipare come Rai al Junior Eurovision Song Contest 2021 che sarà quindi trasmesso il prossimo 19 dicembre su Rai Gulp e su Rai Play. Un cordiale saluto.

Luca Milano

L’annuncio è seguito poco dopo da una nota ufficiale dell’emittente nel quale si sottolinea che:

La Rai, che lo scorso anno non aveva partecipato, torna in concorso sperando di bissare il successo dei Maneskin anche fra i più giovani. La canzone italiana e l’interprete saranno resi noti a Novembre.

L’Italia ed il concorso

L’ultima partecipazione italiana è quella  del 2019 con “La voce della terra” di Marta Viola che fu selezionata internamente da un team di autori e musicisti nell’ambito di nomi segnalati dallo Zecchino d’Oro, la manifestazione per bambini organizzata dall’Antoniano di Bologna.

Il bilancio della RAI è sin qui più che onorevole con una vittoria all’esordio nel 2014 con “Tu primo grande amore” di Vincenzo Cantiello ed un terzo posto, quello di Fiamma Boccia nel 2016 con “Cara mamma (Dear mom)“.

JESC 2021

Ad ospitare l’edizione parigina, della quale sono stati rivelati slogan e logo nei giorni scorsi, sarà la prestigiosissima La Seine Musicale a Boulogne-Billancourt, un comune alla periferia occidentale di Parigi, inaugurata nel 2017 da un concerto di Bob Dylan e da allora sede di numerosi concerti ed eventi canori internazionali.

L’evento sarà ospitato nel maggiore dei saloni del complesso, La Grande Seine.

La Francia ha accettato di organizzare dopo la vittoria nell’edizione di Varsavia di Valentina Tromel con “J’imagine“, firmato fra l’altro da Barbara Pravi, seconda classificata poi all’Eurovision di Rotterdam.

La scelta di ospitare l’evento però, va ricordato, nel caso dello Junior è volontaria, in quanto il regolamento non prevede l’obbligatorietà di organizzare per il paese vincitore.

Parigi torna dunque ad ospitare un evento eurovisivo 43 anni dopo aver organizzato l’Eurovision 1978 al Palazzo dei Congressi. In generale invece la Francia non organizza un evento legato all’Eurovision dal 1999, quando fu la città di Lione ad ospitare lo Eurovision Young Dancers, il concorso legato ai giovani ballerini.

I Paesi che al momento hanno confermato la partecipazione al prossimo Junior Eurovision 2021 sono quindici, per ora quattro in più rispetto allo scorso anno: Albania, Azerbaigian (rappresentato da Sona Azizova), Francia (paese organizzatore), Georgia, Germania, Irlanda, Italia, Malta, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Polonia, Portogallo (rappresentato da Simão Oliveira), Russia, Serbia, Spagna e Ucraina.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...