Eurovision 2022: la Slovenia ritorna all’EMA


Anche la Slovenia parteciperà all’Eurovision 2022 che si terrà in Italia il prossimo Maggio.

La conferma ufficiale è arrivata dall’emittente nazionale RTVSLO, che ha annunciato che la selezione del prossimo rappresentante per l’Eurovision 2022 sarà effettuata attraverso l’Evrovizijska Melodija 2022, abbreviato solitamente in EMA.

Non sono state rese ancora note le modalità di consegna del brano, né il regolamento ufficiale, che espliciterà anche la lingua in cui lo stesso dovrà essere proposto.

È di fatto capitato negli anni che RTVSLO imponesse per la propria selezione nazionale che ogni brano dovesse essere in sloveno, anche dopo il 1999, anno a partire dal quale non c’è nessuna regola sulla lingua del brano scelto per rappresentare il paese.

L’ultimo anno ad aver optato per questa modalità è stato il 2018, in cui Lea Sirk riportò in finale dopo tre anni il Paese mitteleuropeo con Hvala Ne, chiudendo al 22° posto con 64 punti.

Ad oggi l’ultima vincitrice dell’Evrovizijska Melodija è stata Ana Soklic, che avrebbe dovuto rappresentare la Slovenia nel 2020 con Voda, in una versione rivisitata rispetto a quella con la quale la trentasettenne dell’Alta Carniola ha vinto la selezione.

Selezionata internamente per il 2021 come molti altri artisti del 2020, Ana Soklic ha rappresentato la Slovenia con Amen, titolo condiviso con la canzone della confinante Austria rappresentata da Vincent Bueno, venendo eliminata in semifinale.

La Slovenia debutta nel 1993 ed è stato uno dei primissimi Paesi del Centro Est Europa a prendere parte all’Eurovision Song Contest dopo la dissoluzione della Yugoslavia e dell’Unione Sovietica, e ad oggi conta 26 partecipazioni di cui 19 sono stati artisti che hanno vinto l’EMA.

Diversi rappresentanti sloveni negli ultimi anni hanno dimostrato un forte legame con l’Italia, non solo geograficamente ma anche musicalmente: Tinkara Kovac, rappresentante nel 2014, ha studiato in Italia al Conservatorio di Trieste ed ha realizzato un singolo nella nostra lingua (Cuori d’Ossigeno) e una versione con una parte in italiano di Spet (Round and Round); i Maraaya rappresentanti del 2015 produssero la loro Here For You (giunta anche nelle radio italiane) sotto l’etichetta DanceAndLove di Gabry Ponte; Lea Sirk vive a Capodistria e parla fluentemente italiano.

È istriano – ma della parte croata, nativo di Pola – inoltre, uno dei nostri rappresentanti, Sergio Endrigo, pilastro del cantautorato italiano degli anni ’60 e rappresentante italiano nel 1968 con Marianne.

Senza dimenticare inoltre che in Italia l’Eurovision Song Contest, anche negli anni di assenza della RAI, è stato visibile, oltre che sulla svizzera RSI, anche su TeleCapodistria, sino a quando la tv lo ha trasmesso.

Il miglior risultato mai raggiunto dalla repubblica è un settimo posto raggiunto nel 1995 e nel 2001 con Darja Svajger e Nusa Derenda e ha centrato la finale per appena sei volte, l’ultima delle quali nel 2019 con il duo Zalagasper e l’introspettiva Sebi.

Appuntamento dunque al prossimo febbraio per scoprire chi sarà il rappresentante della Slovenia all’Eurovision 2022!

I paesi che al momento hanno confermato la partecipazione sono 31 e sono: Albania, Australia, Belgio (che oggi ha rivelato il suo rappresentante), Bulgaria, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Israele, Italia (Paese organizzatore), Lettonia, Lituania, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Russia, San Marino, Serbia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera ed Ucraina


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...