Milly Carlucci: “Eurovision? Un progetto bellissimo che mi interessa molto”


Dal 16 ottobre tornerà nelle case degli italiani, come di consueto al sabato, con l’ormai tradizionale Ballando con le Stelle.

Ma nulla vieta a Milly Carlucci di pensare ad altri progetti, dal respiro internazionale e destinati ad andare in onda su Rai1 a maggio del 2022.

Fin dalla vittoria dell’Italia all’Eurovision Song Contest, il nome della Carlucci è saltato fuori a più riprese in relazione ai rumor sulla conduzione dell’evento musicale.

Presenzialista di ferro dell’azienda, nome conosciuto e apprezzato dal pubblico, dotata dei requisiti giusti per dare il giusto apporto alla manifestazione europea.

La grande passione per la musica – dimostrata da anni attraverso il talent di ballo ma anche il più recente Il Cantante Mascherato – è solo il più banale dei motivi.

Milly Carlucci parla più di una lingua straniera: inglese, francese, tedesco e spagnolo a detta del suo curriculum, un dettaglio non da poco.

C’è chi potrebbe storcere il naso, preferendo al timone dell’Eurovision volti più giovani, ma per la Rai si tratterebbe di creare il mix giusto, magari con l’ormai assodato Alessandro Cattelan, per soddisfare più target e dare un tocco riconoscibile.

Milly Carlucci e l’Eurovision

Durante i preparativi per la tappa di Roma di Ballando on the Road, il talent itinerante giunto alla sesta edizione, Milly Carlucci è stata intervistata da Ida Di Grazia di Leggo, avendo l’occasione di parlare per la prima volta di Eurovision.

Alla domanda “Sui social in tanti hanno fatto il suo nome come possibile conduttrice dell’Eurovision, le piacerebbe?” la Carlucci ha risposto senza indugi:

“È un progetto bellissimo, io vengo da Giochi senza frontiere, il primo progetto europeo, inventato proprio per supportare l’Europa, si puntò sul gioco per far conoscere l’Europa. È un tipo di argomento che mi interessa molto”.

Visto l’entusiasmo e l’interesse dimostrato, perdoniamo a Milly la piccola gaffe in materia di creature EBU.

Il “primo progetto europeo” (cit.) è infatti l’Eurovision, nato nel 1956, ben nove anni prima del debutto di Giochi senza frontiere, l’iconico programma EBU che ha fatto la storia della televisione, tornato sugli schermi nel 2019, con poca fortuna, con il titolo di Eurogames, condotto da Ilary Blasi e Alvin su Canale 5.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su TwitterFacebook e Instagram o nella nuova community dedicata all’Eurovision.

Eurovision Inside Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Una risposta

  1. Marco ha detto:

    Ho pensato subito a lei, speriamo che non facciano inutili storie sull’età

Commenta questa notizia...