Eurovision 2022: semifinali del MGP (Norvegia) senza pubblico

Se c’è qualcosa che non ci si è levati del tutto di torno sin dalla cancellazione dell’Eurovision 2020 è proprio il Covid-19, che toglie spettatori anche al Melodi Grand Prix, il concorso per selezionare il rappresentante norvegese all’Eurovision 2022 a Torino il prossimo Maggio.

Il supervisore generale Stig Karlsen ha affermato in un’intervista a NRK (l’emittente nazionale norvegese) che sebbene non vedesse l’ora di poter organizzare nuovamente un’edizione del Melodi Grand Prix con il pubblico presente in Arena e con l’attuazione di tutte le misure di sicurezza, ciò non sarà possibile sicuramente per le semifinali e per la Second Chance.

Ciò è chiaramente dovuto all’aumentare sempre più vertiginoso dei pazienti affetti dalla variante omicron del Coronavirus, unito alla percentuale inferiore di persone vaccinate nella nazione, che ha portato nuove restrizioni da parte del governo norvegese per contenere ed arginare la quinta ondata che ha già impedito allo Junior Eurovision 2021 di effettuare la cerimonia di apertura con le delegazioni presenti.

Nonostante ciò, non tutto è perduto. La speranza di un pubblico per la finale in sé non è svanita, ma alcune decisioni non possono essere prese fino al nuovo anno e fino a nuovo ordine dal Governo Norvegese. Tutti i biglietti saranno rimborsati entro 6-8 settimane direttamente dalla società che li ha emessi.

Nonostante il fatto che tutti debbano rimanere a casa durante le semifinali e la Second Chance, Stig Karlsen non si demoralizza, anzi crede che ci sarà comunque modo di festeggiare:

Abbiamo una fucina non indifferente di canzoni e artisti e stiamo pianificando un Melodi Grand Prix memorabile che conterrà tutto ciò che ci si aspetterebbe dal più grande spettacolo musicale della Norvegia e anche qualcosa di più. Anche se non avremo il pubblico fisicamente presente nell’arena, porteremo gli spettatori e tutto il coinvolgimento là fuori nello spettacolo, in modi diversi.

Non vediamo l’ora di realizzare una festa per tutti in un momento in cui ne abbiamo davvero bisogno.

La Norvegia verso l’Eurovision 2022

Il MGP 2022 sarà la 61° edizione del concorso, e per l’occasione Stig Karlsen ha introdotto delle piccole variazioni, emulando per certi versi il cambiamento fatto dal Melodifestivalen. Saranno quattro le semifinali, più una semifinale di recupero divisa in due fasi (per l’appunto la Second Chance) ed infine la finalissima, dove il vincitore o la vincitrice potrà rappresentare la Norvegia all’Eurovision 2022.

A differenza dell’anno scorso, inoltre, tutti i brani saranno resi noti lo stesso giorno, una scelta che ha creato un po’ di dissapori ma sulla quale Stig Karlsen ha assicurato l’ininfluenza di ciò sul risultato finale, affinché il pubblico giunga alla finale conoscendo bene i brani finalisti.

Lo stesso Karlsen si è detto orgoglioso del livello medio di quest’anno, affermando di aver selezionato i cantanti più forti che MGP abbia mai avuto. Questo probabilmente è anche dovuto alla pesantezza del rappresentante uscente TIX, autore e produttore di hit di successo tra cui ricordiamo Sweet But Psycho, singolo d’esordio di Ava Max.

L’aver portato un nome così importante avrà sicuramente attirato tanti altri grandi autori e cantautori norvegesi che probabilmente vedremo sfidarsi alla H3 Arena di Forsebu.

La Norvegia all’Eurovision Song Contest

La Norvegia marcherà la sessantesima partecipazione proprio a Torino, all’Eurovision 2022. Negli anni ha ottenuto vari record, sia positivi che negativi, ad esempio è arrivata per undici volte all’ultimo posto di cui ben quattro volte con zero punti.

Tra i record positivi invece segniamo tre vittorie (1985,1995,2009), di cui una iconica con un giovane Alexander Rybak (di origini bielorusse) che vinse con 387 punti, nel primo anno in cui giuria e televoto votavano per dare un set unico di punteggi, con quasi 170 punti di distacco sull’Islanda seconda classificata (record tutt’oggi imbattuto).

Sempre Rybak ha ottenuto il record di punti al set del solo televoto, con 378 punti, due in più rispetto al trionfatore Salvador Sobral per il Portogallo nel 2017(che invece mantiene il record per le giurie, 382 punti).

All’Eurovision Song Contest 2021 com’è stato già detto, la Norvegia è stata rappresentata da TIX e dall’autobiografica Fallen Angel, che è arrivata al 18° posto in finale con 75 punti, vincendo inoltre l’ironico Barbara Dex Award al vestito più eccentrico e stravagante.

Commenta questa notizia...