Eurovision 2022, ecco come sarà il palco e quando verrà costruito

Trapelano da fonti vicine alla Rai le prime indicazioni relativamente all’avvio della costruzione del palco che dal 10 al 14 maggio sarà il teatro dell’Eurovision 2022, in programma al Pala Olimpico di Torino.

Un documento di cui siamo in possesso segnala la cronologia che porterà ad avere la struttura completa, ma anche le caratteristiche tecniche che il palco avrà.

palco applausi app eurovision 2021

Il palco di Rotterdam 2021. Credits: NPO/NOS/AVROTROS/Nathan Reinds

I lavori cominceranno all’interno del palazzetto dello sport il prossimo 21 marzo per concludersi il giorno 11 aprile, perché a partire dal giorno dopo il palco dovrà già essere  a completa disposizione dell’organizzazione, fino al 14 maggio, giorno della finale dell’Eurovision 2022.

Dal giorno seguente, 15 maggio, inizierà la fase di smontaggio che durerà due settimane, per concludersi il 30 maggio.

In questo lasso di tempo ci saranno alcuni concerti da spostare (per la precisione un paio), mentre la situazione non preclude eventuali trasmissioni di approfondimento sul posto, visto che Torino ha una sede Rai (da dove è e stato anche trasmesso il commento dello Junior Eurovision Song Contest lo scorso 19 dicembre).

Eurovision 2022: Le caratteristiche del palco

Secondo quanto emerge, il palco dell’Eurovision 2022 sarà realizzato da 7 pedane concentriche, con movimentazione a scorrimento lineare di 180 gradi in entrambe le direzioni, che trasporteranno una parete centrale e 6 archi concentrici per un diametro di 19 metri e un’altezza di 9 metri e mezzo.

Le strutture e le motorizzazioni per movimentare il palco, insieme alle botole-luci, ai ponti levatoi e un supporto per i ledwall, saranno ospitati da un’area in carpenteria metallica di 630 metri quadrati e 2 metri di altezza, anche questa da costruire.

Il palco, secondo quanto emerge, sarà composto anche di quattro porzioni di pavimento di dimensione circa 180×60, che ruoteranno, per favorire l’utilizzo degli elementi scenografici.

Il palco eurovisivo poi è tradizionalmente a due entrate ed anche queste dovranno essere appositamente realizzate (precisamente ne serviranno due motorizzate e due manuali).

Ci sarà poi da realizzare anche due elevazioni che nelle intenzioni dell’organizzazione dovranno prevedere uno spazio calpestabile in cristallo con un piano sottostante nel quale saranno apposti apparati di visione.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

2 Responses

  1. steve ha detto:

    Si preannuncia uno spettacolo senza precedenti. Scenografia, regia, presentatori, luci, coreografie, costumi di altissimo livello. Rai ha puntato sull’ Eurovision, vuole sorprendere l’ Europa.

  2. Miamtec ha detto:

    Non ho capito mezza parola ma sembra figo…credo ahah

Commenta questa notizia...