Sanremo 2022: Meduza superospiti della prima serata

Amadeus, direttore artistico di Sanremo 2022, ha annunciato come di consueto al TG1 delle 20 il nome di un nuovo superospite, in questo caso di un gruppo, per la precisione di un progetto EDM: i Meduza.

 

Il trio di produttori composto da Simone Giani, Luca De Gregorio e Mattia Vitale sarà sul palco dell’Ariston il 1 febbraio, nel corso della prima serata. Con il nome dei Meduza va dunque ad ampliarsi ulteriormente il parterre di ospiti musicali di questa edizione del Festival della Canzone Italiana.

Chi sono i Meduza

Freschi di successi a livello internazionale, sono stati i primi (e sin qui unici) italiani a vincere il People’s Choice ai Music Moves Europe Talent Awards, premio ideato dal progetto Creative Europe dell’Unione Europea in collaborazione con la Commissione Europea,  i maggiori festival musicali europei,  il comune di Groningen, il ministero olandese per l’educazione, la cultura e la scienza e la fondazione Eurosonic Noorderslag,  che organizza l’omonimo evento, il maggiore showcase festival dedicato alla musica indipendente in Europa.

I Meduza inoltre sono stati menzionati da Forbes nel 2020 come gli artisti italiani più ascoltati al mondo su Spotify, i 22esimi DJ nel mondo nella classifica Top100 alternative realizzata dall’autorevole rivista DJ MAG, oltre ad essere al numero 2 nella classifica del portale 1001tracklist che elenca i migliori produttori musicali al mondo.

Si tratta insomma di una delle eccellenze musicali italiane nel mondo. La loro “Piece of your heart” ft Goodboys, singolo d’esordio, ha venduto oltre 3 milioni di copie nel mondo, è stata candidata al Grammy ed ha vinto 4 dischi di diamante, 20 di platino e 6 d’oro. Enorme successo anche per “Paradise” ft. Dermot Kennedy. Attualmente sono in classifica con “Tell it to my heart” in cui compare il cantautore irlandese Hozier.

Con l’annuncio del trio, che si unisce a Laura Pausini e ai Måneskin, aumenta dunque il numero di ospiti internazionali di Sanremo 2022, in onda da martedì 1 fino a sabato 5 febbraio.

Commenta questa notizia...