Eurovision 2022: l’Azerbaigian sceglie Nadir Rüstəmli, brano svelato a marzo

Un altro tassello si aggiunge al puzzle dell’Eurovision 2022, con la rivelazione dell’artista che rappresenterà l’Azerbaigian a Torino il prossimo Maggio.

Sarà Nadir Rüstəmli infatti ad essere il quattordicesimo portabandiera dell’Azerbaigian all’Eurovision Song Contest, nonché il successore di Efendi, selezionato internamente come quasi tutti i rappresentanti da Ictimai TV, emittente nazionale del Paese caucasico.

Azerbaigian Eurovision 2022 Nadir Rüstəmli

La notizia è giunta questa mattina nel programma “Sabahın xeyir, Azərbaycan” (Buongiorno, Azerbaigian) per voce di Isa Malikov, capodelegazione dell’Azerbaigian dal 2021 che ha inscenato una simpatica versione di “Chi vuol essere milionario?” in cui Nadir ha dovuto dare la risposta esatta alla domanda “Chi sarà il rappresentante azero all’Eurovision 2022?” (rispondendo chiaramente all’opzione riguardante se stesso). Qui trovate il video integrale dell’annuncio.

Isa Malikov dopo aver annunciato ufficialmente l’artista come rappresentante all’Eurovision 2022, ha affermato di avere ricevuto oltre 300 canzoni di cui solo 6 supereranno una sorta di pre-selezione ed insieme a Nadir Rüstəmli ed una giuria specializzata scegliere la migliore tra queste, che sarà annunciata nella seconda settimana di Marzo. Queste le parole del capodelegazione:

Come sempre, cerchiamo di trovare brani di qualità e professionali indipendentemente dal genere. Fedeli a noi stessi, nella scelta delle canzoni valuteremo i brani in base a quali si adattano meglio alla voce del nostro artista. Il processo di selezione terminerà la seconda settimana di Marzo, che è anche il periodo in cui annunceremo la canzone

Nadir Rüstəmli verso l’Eurovision 2022

Nadir Rüstəmli nasce a Salyan, in Azerbaigian nel 1999 e sin dall’infanzia è stato a stretto contatto con la musica, crescendo in una famiglia di musicisti.

Partecipa al Festival della canzone nazionale in Azerbaigian, arrivando secondo nel 2017 e vincendo nel 2019, anno in cui arriva secondo a YouthVision, una gara di canto internazionale studentesca (in cui partecipò anche l’Italia) dove giunse secondo tra ventuno partecipanti.

Tuttavia, Ictimai punta gli occhi su di lui durante la seconda edizione di The Voice of Azerbaijan, in cui ebbe modo di dimostrare la grande estensione vocale oltre alle sue capacità di falsettista. Una volta entrato nel team di Eldar Gasimov (vincitore nel 2011 con “Running Scared”, brano sul quale i due hanno duettato) il 28 gennaio 2022 viene incoronato come vincitore dell’edizione, poco più di due settimane fa.

Tra le sue esibizioni spuntano parecchi brani eurovisivi tra cui “We Could Be The Same” (Turchia 2010), “Arcade” (Paesi Bassi 2019), “Running Scared” e “Beggin” (nella versione dei Måneskin, vincitori dell’Eurovision 2021), segno che era proprio la produzione a volerlo spingere verso il grande evento internazionale

L’Azerbaigian all’Eurovision Song Contest

L’Azerbaigian è il terzultimo paese a debuttare all’Eurovision nel 2008, e per anni ha speso fior di quattrini tra produzioni internazionali (il più delle volte spersonalizzando le proprie proposte) e cure maniacali per i dettagli.

Il Paese si impone nel 2011 con una coppia di solisti uniti per l’occasione, Ell & Nikki, con il brano sopracitato “Running Scared”, permettendo allo stato caucasico di ospitare nel 2012 l’edizione più costosa da tutti i punti di vista, che garantì tuttavia un occhio diretto sulla nazione a livello mondiale.

Dal 2014 fino ad oggi, escluso il 2019, l’Azerbaigian è stato lontano dalla top 10, ed addirittura nel 2018 segna la prima mancata qualificazione alla finale con Aisel e “X My Heart”, a fronte di una performance poco convincente ed un brano sotto le aspettative.

Toccherà dunque a Nadir Rüstəmli  risollevare le sorti dell’Azerbaigian dopo un deludente ventesimo posto arrivato nel 2021 per mano di Efendi, che non ha convinto a pieno con la sua “Mata Hari” (dopo che l’anno scorso era una delle favorite con Cleopatra, prima della cancellazione dell’Eurovision a causa della dilagante pandemia di Coronavirus).

L’Azerbaigian e Nadir Rüstəmli canteranno nella prima metà della seconda semifinale il 12 maggio, semifinale in cui l’Italia non potrà votare. Il preciso running order verrà rivelato a metà marzo, una volta che tutti i Paesi avranno rilasciato i propri brani, e sarà redatto da un gruppo di addetti al lavoro che cercheranno di realizzare un running order che permetta ad ogni singolo Paese in gara nelle semifinali di avere un suo momentum, senza che sia annullato da un brano con atmosfere simili prima o dopo l’esibizione.

Commenta questa notizia...