Eurovision 2022: Una Voce per San Marino, i protagonisti e dove vederlo

Si conclude oggi, dopo numerosi eventi (il forfait di Blind è l’ultimo) che ne hanno segnato il percorso, Una Voce per San Marino, il concorso di selezione per l’Eurovision 2022 della Repubblica del Titano.

Teatro Dogana

Il Teatro di Dogana, sede della finale del concorso

 

Saranno 18 gli artisti a cercare il pass per il Piemonte, in quella che sarà la terza volta dell’Italia quale Paese ospitante del concorso continentale.

Di ciascuno di loro ecco un breve profilo.

I BIG

  • Achille Lauro.
    Al secolo Lauro De Marinis, il classe ’90 veronese è tra i volti più conosciuti del panorama canoro italiano per l’unione delle arti che compie nelle sue esibizioni. Tre volte a Sanremo (2019, 2020, 2022) vanta complessivi 27 dischi di platino e 6 d’oro tra singoli e album.
  • Burak Yeter & Alessandro Coli
    Il DJ turco del 1982 ha diversi dischi d’oro e di platino all’attivo in buona parte d’Europa, non collabora per la prima volta con italiani (Elodie, Benny Benassi). Coli, nato nel 1997 a Santacangelo di Romagna, ha attraversato le traiettorie, tra gli altri, di Adriano Pennino e Tony Renis: è a causa di quest’ultimo che ha cercato, tra le altre, anche la carta americana.
  • Cristina Ramos
    Spagnola, proprio oggi festeggia il 42° compleanno. Cantante di opera e rock, ha vinto nel 2016 la versione spagnola di Got Talent e, nel 2018, la versione messicana di The Voice, appunto La Voz, poi arrivando anche terza a Tu cara me suena nella stagione 2020-2021. Ha quattro album e diversi singoli all’attivo.
  • Fabry & Labiuse feat. Miodio
    I Miodio li conosciamo bene: sono stati i primi rappresentanti di San Marino all’Eurovision, nel 2008 con “Complice“. Labiuse è il nome d’arte di Alessandra Busignani, Fabry quello di Fabrizio Pregnolato, l’una in bilico tra il ruolo di corista e quello di volto di vari gruppi, l’altro motore di una tribute band di Zucchero. Sono la wild card di San Marino per l’evento.
  • Francesco Monte
    Ternano, del 1988, non è in realtà cantante per principale vocazione, essendo soprattutto attore e modello. La sua fama si deve alla partecipazione a diverse trasmissioni tv soprattutto Mediaset, ma occasionalmente anche Rai, e ai flirt veri o presunti con diverse showgirl di chiara fama della scena televisiva italiana.
  • Ivana Spagna
    Oltre cinquant’anni di attività per la leggenda dell’italodisco. “Call Me” fu seconda nelle charts britanniche nel 1987; per lei 11 milioni di dischi venduti, 11 Festivalbar con una vittoria nel 1987, 5 Sanremo in gara con un terzo posto nel 1995, più partecipazioni varie ad Azzurro, Vota la voce e Un disco per l’estate.
  • Matteo Faustini
    Bresciano, nel 2021 aveva già tentato la strada di Sanremo Giovani senza riuscire ad arrivare al palco dell’Ariston in quanto tale (mentre aveva partecipato tra le Nuove Proposte nel 2020). 27 anni, è nei fatti un nome emergente della musica italiana che ha all’attivo vari singoli e l’album Nel bene e nel male.
  • Tony Cicco, Deshedus & Alberto Fortis
    Il nome di Alberto Fortis è di rilevante importanza: 21 album all’attivo per lui, che ha composto uno dei più importanti lavori della musica italiana, quello omonimo d’esordio. Tony Cicco non è da meno: fondò i Formula 3, collaborò con Lucio Battisti tra gli altri. Deshedus è invece il nome di un’emergente band progressive rock di Roma.
  • Valerio Scanu
    Vincitore a Bravo Bravissimo nel 2002, secondo ad Amici nel 2009, vincitore a Sanremo 2010. Queste le prime tappe della sua carriera, poi spostatasi sulla sfera dell’autoproduzione e di vari progetti anche paralleli alla musica. Per lui altro passaggio all’Ariston nel 2016.Emergenti una voce per san marino

GLI EMERGENTI

  • Aaron Sibley
    Ha vinto la categoria Emergenti, intascando il premio da 7.000 euro. Ha già un certo numero di tentativi in finali nazionali per l’Eurovision all’attivo, come per esempio in Moldavia nel 2018 e nel 2020.
  • Alessia Labate
    Attiva come cantautrice e non solo, fa dell’elettropop la sua cifra musicale preferita. 24 anni, di Cosenza, è risultata quinta nella finale Emergenti. Partecipò anche a The Voice of Italy nel 2015.
  • Basti
    Tedesco, nome d’arte di Sebastian Schmidt, ha portato a casa i 1.000 euro del terzo posto nella finale Emergenti. Già finalista nel 2018 nella selezione denominata 1in360.
  • Camille Cabaltera
    Seconda nella finale Emergenti, ha in questo modo già incassato 2.000 euro. Classe 1999, nativa di Manila, è arrivata in Italia a 7 anni. Ormai pistoiese senza se e senza ma, partecipò a Ti lascio una canzone nel 2013. Protagonista anche nell’undicesima edizione di X Factor.
  • Elena e Francesco Faggi
    Romagnoli, i fratelli Faggi sono ormai ben noti nel circuito di chi conosce il Festival di Sanremo (più fortunata lei di lui, per ora). Insieme hanno provato la strada di Italia’s Got Talent nel 2017.
  • Kurt Cassar
    Maltese, è solo omonimo del cestista di formazione Stella Azzurra Roma. Ha eseguito diversi classici della canzone italiana sulla tv maltese e ha partecipato al locale X Factor. Entra in finale da settimo degli Emergenti.
  • Maria Chiara Leoni
    Sesta tra gli Emergenti, ha finora cercato di farsi strada nel panorama emiliano, essendo di Riola, un paese di 900 abitanti frazione del comune di Vergato, in provincia di Bologna.
  • Mate
    Ha strappato il nono e ultimo posto per entrare nella finale assoluta tramite gli Emergenti. In passato ha fatto l’esperienza di The Voice of Italy, coach Riccardo Cocciante. Recentemente giudice nel muro di All Together Now.
  • Vina Rose
    Siciliana, al quarto posto tra gli Emergenti, ha in realtà già una delle carriere più avviate della categoria: collaborazioni di spicco, trasmissioni tv nazionali, fa base a Londra per la propria attività.

Una Voce per San Marino: informazioni tv

Sarà possibile seguire Una Voce per San Marino dalle ore 21 in diretta tv su San Marino RTV, ricevibile in tutta Italia sul canale 831.

Sul sito ufficiale dell’emittente, inoltre, è disponibile il servizio streaming.

In Spagna, la copertura televisiva è assicurata dalla privata Ten Tv, che sta effettuando investimenti importanti sul fronte delle finali nazionali per l’Eurovision: ha trasmesso l’Eesti Laul la scorsa settimana e porterà sugli schermi l’UMK finlandese il prossimo sabato 26.

La conduzione è affidata a Senhit e a Jonathan Kashanian. Tra gli ospiti è annunciata la presenza di Al Bano Carrisi (Italia 1976 e 1985 con Romina Power, corista per Svizzera 2000).

San Marino all’Eurovision

Particolare importante da ricordare: chiunque vincerà, sarà impegnato nella seconda semifinale al PalaOlimpico, in programma giovedì 12 maggio con diretta su Rai1. Non sarà possibile votare per San Marino in tale serata, dal momento che all’Italia è assegnato diritto di voto nella prima semifinale del 10, oltre che, naturalmente e come tutti i Paesi, nella finale.

Dopo la partecipazione dei Miodio nel 2008, non ha più mancato un appuntamento dal 2011 a oggi. Miglior risultato il 19° posto di Serhat con “Say na na na” nel 2019, lo scorso anno ha chiuso al 22° con “Adrenalina” di Senhit feat. Flo Rida.

3 Responses

  1. silver ha detto:

    Escludendo Muriel Mamusi la truffatrice seriale diventata un personaggio popolare per le sue zanzate messe in mostra a Striscia la notizia e Valerio Staffelli e non certo per il repertorio musicale, vi siete salvati. Nulla da eccepire sul resto.

  2. Danilo ha detto:

    Ho seguito la puntata di Italia Si con Marco Liorni e Coruzzi-platinette in studio. Apprezzabile solo che ne abbiano parlato, ma caliamo un velo sui contenuti. Adesso che si è scoperto che artisti italiani potrebbero andare all’Eurofestival (ebbene si, è stato chiamato così di nuovo finalmente! ) via San Marino, cosa non è uscito di castronerie e stupidaggini. Da Coruzzi che si chiede se è regolare che italiani partecipino per San marino, che secondo lui poteva partecipare solo Little toni se fosse ancora vivo o la figlia, in quanto sammarinesi (!) e la risposta di Scanu, che le regole si cambiano come meglio si crede (!), con qualcuno fuori campo che deve averlo guardato male, la precisazione dell’inviato che non precisa proprio niente e dice un’altra cosa che non c entra niente. E poi la chicca finale! La domanda a Scanu, che vinse Sanremo nel 2010, perché non andò all’Eurofestival? Risposta: perché non c era! Risposta sbagliata Scanu! C’era ed era a OSLO!
    È quello che i dirigenti Rai dell’epoca volevano far credere agli italiani, ma ora esce fuori che l’Eurovision c è sempre stato, è solo che l’Italia non ha voluto partecipare per 13 anni e si può dire per 20 anni, perché negli anni 90 venne boicottato in tutte le maniere.
    Nel 2010 ci saresti potuto andare quando vincesti Sanremo, ma non ci andasti perché non sapevi nemmeno che c era, mentre adesso tu, Spagna (che poteva andarci nel 1995 quando arrivo 3a a Sanremo, non avrebbe avuto ostacoli a partecipare perché non ci voleva andare nessuno, come in effetti è stato), state provando ad entrare per la porta di servizio, quando nel 1995 è 2010 avreste potuto andare rappresentando l’Italia ..
    Spero proprio che vinca uno dei 9 emergenti, oppure i Miodio o Achille Lauro, che essendo arrivato alla ribalta negli ultimi anni non ha colpe.

  3. Simone ha detto:

    “Diverse showgirl di chiara fama”. 😂

Commenta questa notizia...