Eurovision: non solo “Brividi” e “Stripper”. Tutte le volte che in gara c’erano canzoni in italiano

Achille Lauro

Numerosissime sono state le occasioni in cui abbiamo potuto ascoltare più canzoni in italiano all’Eurovision Song Contest, perché non soltanto l’Italia ha portato in gara canzoni nella nostra lingua.

In particolare, queste le casistiche ad oggi: 11 Svizzera, 3 Romania, 3 San Marino, 1 Croazia, Lettonia, Cipro ed Estonia.

Di seguito le occasioni in cui ci sono state più canzoni in italiano, del tutto o in parte. Sono inclusi tre anni (2000, 2007 e 2008) in cui l’Italia era assente. Non sono inclusi casi stile “Love unlimited” (Sofi Marinova, Bulgaria 2012), dove nella nostra lingua c’è una sola frase.

Eurovision 2008

Eurovision 1956

Eurovision 1958

  • Italia (Domenico ModugnoNel blu dipinto di blu) – Anche nota come Volare (la SIAE ha entrambi i titoli depositati)
  • Svizzera (Lys AssiaGiorgio) – In italiano e tedesco svizzero

Eurovision 1960

Eurovision 1964

Eurovision 1968

Eurovision 1983

Eurovision 1991

Eurovision 1997

Eurovision 2000

  • Svizzera (Jane BogaertLa vita cos’è) – Al Bano corista
  • Cipro (NomizaVoice) – Parte in greco, parte in italiano

Eurovision 2007

Eurovision 2013

Eurovision 2017

Eurovision 2018

Eurovision 2022

  • Italia (Mahmood e BlancoBrividi)
  • San Marino (Achille LauroStripper)

Com’è noto, l’Italia non ha partecipato all’Eurovision nei seguenti anni: 1981, 1982, 1986, 1994, 1995, 1996 e dal 1998 al 2010. In alcuni casi però ci sono stati paesi che hanno portato in gara brani in lingua italiana, come:

  • 1981: Svizzera (Peter, Sue e MarcIo senza te)
  • 1994: Svizzera (DuilioSto pregando)
  • 2006: Romania (Mihai TraistariuTornerò) – Strofe in inglese, ritornello in italiano

Poi ci sono anche gli artisti italiani in gara per Paesi esteri, ma questa è un’altra storia e ve l’abbiamo raccontata in un nostro articolo dedicato.

2 Responses

  1. Mauro Belardo ha detto:

    Ciao ragazzi, seguo la vostra pagina da un sacco di tempo. Da almeno 2 anni. Provo a chiedervi una info qui nei commenti sperando che possiate rispondermi in qualche modo. Volevo sapere se per la finale dell’eurovision posso portare la mia reflex professionale o se ai controlli me la fanno togliere. Se dovessi riuscire ad acquistare i biglietti verrei da un pò lontano e non posso rischiare di venire con una reflex e poi avere questo problema all’ingresso. Sapete dirmi qualcosa in merito voi che siete ben informati?

    • Staff ha detto:

      Ciao Mauro, dipende da che tipo di accesso hai. Ad esempio noi entriamo ogni anno con i Pass per la stampa/media e non ci sono problemi, semplicemente nei luoghi dove dovesse essere vietato fare foto, lo segnalano con un apposito cartello. Per il pubblico negli anni precedenti era vietato (come ad esempio a Lisbona)https://www.eurofestivalnews.com/wp-content/uploads/2022/02/Divieti-Eurovision-2018.jpg

      Ti consigliamo di iscriverti alla Community italiana dedicata all’Eurovision, lì tra tanti appassionati dell’evento, magari trovi risposte alle tue domande/curiosità, invece che commentare articoli fuori tema ;)

Commenta questa notizia...