Eurovision 2022: la Danimarca sceglie il rock con “The Show” delle Reddi

Saranno le Reddi con il brano “The show” a rappresentare la Danimarca alla 66° edizione dell’Eurovision Song Contest, in programma dal 10 al 14 maggio 2022 a Torino.

danimarca-eurovision-22-reddi

© Agnete Schlichtkrull – DR

Questo è stato il risultato del Dansk Melodi Grand Prix (52° edizione): il pubblico danese, senza giurie, ha scelto la rock band al femminile tra gli otto artisti in gara quest’anno. A completare il podio sono stati i Conf3ssions con “Hallelujah” e Josie Elinor & Jack Warren con “Let me go”: il podio è stato determinato dai voti di stasera combinati col voto online, aperto lunedì 28 febbraio, mentre il vincitore è stato decretato tramite una nuova votazione pubblica.

Questa la classifica finale del Dansk Melodi Grand Prix:

  1. Reddi – The show – 37%
  2. Conf3ssions – Hallelujah – 32%
  3. Josie Elinor & Jack Warren – Let me go – 31%

Eliminati al primo round:

  • Patrick Dorgan – Vinden suser ind (Il vento sta soffiando)
  • Der Van Engang – En skønne dag (Un giorno)
  • Fuld Effekt – Rave med de hårde drenge (Rave con i ragazzi duri)
  • Morten Fillipsen – Happy go lucky
  • Juncker – Kommet for at blive (Vieni per restare)

La serata è andata in onda dal Jyske Bank Boxen di Herning – illuminato con i colori della bandiera ucraina, come segno di vicinanza dei paesi europei al suo popolo ferito dalla guerra – con la conduzione di Tina Müller e Martin Brygmann. Soprattutto, si è trattata della prima edizione, dal 2019, ad avere nuovamente il pubblico in sala.

Infatti, nel 2020 il Dansk Melodi Grand Prix fu uno dei primi concorsi nazionali ad essere funestato dalla pandemia di COVID-19, quando il governo danese optò per far svolgere gli spettacoli al chiuso in assenza di pubblico, misura confermata anche nel 2021.

Anche stasera non è mancato un omaggio all’Italia, paese ospitante dell’Eurovision Song Contest 2022, come già successo in altre finali nazionali in queste settimane (come al Melodifestivalen in Svezia): il presentatore Martin Brygmann si è esibito in una versione chitarra e voce, in lingua danese, di “Nel blu dipinto di blu (Volare)” di Domenico Modugno.

Chi sono le Reddi

Il progetto musicale delle Reddi nasce su iniziativa del cantautore e produttore Chief 1, autore dei brani in gara per la Danimarca all’Eurovision nel 1997, 2012 e 2015, e della batterista Ihan Haydar, già sul palco dell’Eurovision nel 2012 con Soluna Samay.

Ihan Haydar ha così costituito il collettivo con la partecipazione di Siggy Savery (voce e chitarra) e delle svedesi Agnes Roslund (chitarra) e Ida Bergkvist (basso). “The show” è la loro prima canzone ed è un brano dalle due facce: inizia come una ballad, ma dopo qualche decina di secondi diventa un energetico brano rock incentrato sul perseguimento dei propri sogni.

“The show” è stata scritta e composta dalle componenti danesi delle Reddi, Ihan Haydar e Siggy Savery, con la collaborazione del già citato Chief 1 oltre che di Julia Fabrin Jakobsen (co-autrice di “Only teardrops” di Emmelie De Forest) e Remee (autore di “Superstar” di Christine Milton, brano portato al successo globale da Jamelia, e dell’entry eurovisiva tedesca, “Disappear” delle No Angels, nel 2008).

La Danimarca verso l’Eurovision 2022

La Danimarca è storicamente uno dei paesi più costanti ad accedere alla finalissima dell’Eurovision da quando sono state introdotte le semifinali, nel 2004. Le eliminazioni (cinque) sono però concentrate maggiormente negli ultimi anni: 2015, 2016 e lo scorso anno quando in gara c’era il duo Fyr & Flamme con “Øve os på hinanden“, brano dalle forti sonorità anni ’80.

Tre sono invece le vittorie del paese all’Eurovision Song Contest: a Grethe & Jørgen Ingmann (“Dansevise“) nel 1963 sono seguiti gli Olsen Brothers (“Fly on the wings of love“) a fine millennio (2000) ed Emmelie De Forest nel 2013 con “Only teardrops”.

Andando a ritroso nel tempo in questi due decenni vi sono diversi brani della Danimarca che hanno ricevuto una buona risposta di pubblico: “In a moment like this” di Chanée & N’evergreen, quarti ad Oslo nel 2010 dopo essere stati a lungo tra i papabili per la vittoria, “Higher ground” di Rasmussen, 9° a Lisbona nel 2018 ma 5° per il televoto, e “All night long” di Simon Matthew nel 2008.

Quest’ultima canzone, pur fermandosi a metà classifica all’Eurovision Song Contest, arrivò in Italia – allora assente dal concorso – grazie a Raffaella Carrà che invitò Simon Matthew nel suo show “Carramba! Che fortuna“. L’artista danese fu uno dei quattro artisti in gara in quell’edizione dell’Eurovision a partecipare al programma televisivo assieme a Dima Bilan (Russia), Ani Lorak (Ucraina) e Roberto Meloni con i Pirates Of The Sea (Lettonia).

Il tempo dirà se anche le Reddi con “The show” potranno avere lo stesso successo. Il primo passo sarà la prima semifinale dell’Eurovision Song Contest: la Danimarca si esibirà nella seconda metà di questa serata, dove l’Italia ha diritto di voto.

Commenta questa notizia...