Eurovision 2022: la Romania punta sul ritmo di “Llamame” con WRS

Si spengono i riflettori su Selecția Națională: la Romania ha deciso che all’Eurovision 2022 a Torino sarà rappresentata dal giovane WRS con il brano danzereccio “Llamame”.

Il risultato è stato determinato per l’83% da una giuria di esperti, mentre il televoto ha avuto un peso pari solo al restante 17%. Televoto che, tuttavia, ha avuto un ruolo oltre alla rassegna canora, in quanto tutti i proventi raccolti saranno devoluti in beneficenza per l’Ucraina, come riportato anche dal profilo ufficiale di Suspilne Eurovision.

La classifica complessiva della serata è la seguente:

voti romania

A completare il podio dunque ci sono stati Kyrie Mendél con Hurricane al secondo posto e Dora Gaitanovici con Ana al terzo posto (che però ha vinto al televoto con 3737 punti).

Per l’Eurovision 2022 dunque la Romania si affiderà ad un brano in lingua inglese con degli inserti in spagnolo nel ritornello. Un caso simile era accaduto nel 2012, quando i Mandinga e l’estiva “Zaleilah” fu eseguita sul palco di Baku in spagnolo con degli inserti in inglese.

La Romania, ad eccezione delle edizioni 1994 e 1998 in cui era obbligatorio l’uso della propria lingua, ha partecipato con brani aventi inserti in lingua nel 2007, 2008 e 2015.

La serata è stata presentata da Eda Marcus ed Aurelian Temișan, con la presenza di Ilinca Băcilă (rappresentante per la Romania nel 2017 insieme ad Alex Florea) in green room e di Bogdan Stănescu che si è interfacciato con le giurie per i giudizi.

Diversi concorrenti dell’Eurovision 2022, già selezionati da altri paesi partecipanti, si sono esibiti nel corso dell’interval act che ha separato l’ultima esibizione e l’inizio delle votazioni. Alcuni di questi hanno cantato dal vivo, mentre altri in playback.

Nell’ordine, si sono esibiti Ronela Hajati per l’Albania, Stefan per l’Estonia, Andrea per la Macedonia del Nord, gli Intelligent Music Project per la Bulgaria, i Domi per la Repubblica Ceca (che per l’occasione hanno presentato una nuova versione del brano “Lights Off”) e i rappresentanti della Moldavia, gli Zdob si Zdub.

Infine si è esibita anche Jamala con una toccante interpretazione di “1944”, brano vincitore dell’Eurovision 2016 e oggi quanto mai tristemente attuale per la situazione in Ucraina.

La Romania verso l’Eurovision 2022

All’Eurovision 2022 la Romania segna la 22° partecipazione, che dovrà tuttavia cercare di recuperare un periodo non propriamente florido quanto a risultati nel corso della rassegna.

È dal 2018 infatti che il Paese fatica a qualificarsi per la finale: nel 2018 i The Humans si sono fermati a quattro punti dalla qualificazione, nel 2019 Ester Peony segna quello che ad oggi è il peggior risultato della Romania e nel 2021 Roxen non riesce a riportare il Paese in finale con il brano “Amnesia” (a fronte purtroppo di un’esibizione che ha sollevato diversi dubbi).

Anche dal punto di vista degli ascolti, l’Eurovision non sta raccogliendo grandi consensi, con ascolti che da anni faticano a superare il milione di telespettatori (qui i dati nel dettaglio), nonostante invece nel corso degli anni 2000 il Paese abbia più volte registrato record di ascolti.

La Romania non ha ancora vinto un’edizione dell’Eurovision Song Contest, ma negli anni ha sfiorato la possibilità per ben due volte arrivando al terzo posto: nel 2005 con “Let Me Try” di Luminita Anghel e nel 2010 con Paula Seling & OVI e la loro “Playing with Fire”, insieme a molteplici piazzamenti in top 10 (oltre ai due podi già citati troviamo anche i piazzamenti del 2002, 2003, 2006 e 2017).

All’Eurovision 2022 la Romania è chiamata ad esibirsi nella seconda metà della seconda semifinale, in data 12 maggio, in cui l’Italia non avrà diritto di voto. Riuscirà WRS e la sua “Llamame” a riportare dopo quattro anni la Romania in Finale?

Commenta questa notizia...