Eurovision: due ex vincitrici in prima linea per gli ucraini

Le “eurostars” si muovono a sostegno dell’Ucraina, alle prese con l’aggressione da parte della Russia e con l’ondata di profughi che stanno scappando dalle città bombardate.

Vicky Léandros

Una delle più attive è Vicky Léandros. L’interprete greca, una delle voci ellenofone più famose di tutti i tempi, vincitrice dell’Eurovision Song Contest nel 1972 con “Après toi” in quota Lussemburgo, ha infatti deciso di aprire la propria casa ai rifugiati.

Per la precisione ha deciso di ospitare due madri con i loro cinque figli presso la struttura che gestisce con la famiglia in Germania, Gut Basthort, un complesso immobiliare ed agrituristico alla periferia di Amburgo, che si estende per 600 ettari e comprende 40 abitazioni, un ristorante ed un hotel, dove normalmente si tengono anche eventi e concerti.

Ruslana a sostegno dell’industria culturale

Un’altra iniziativa arriva da Ruslana, vincitrice dell’Eurovision 2004 con “Wild dances”, prima a riuscire nell’impresa di portare il concorso a Kiev, insieme con Sietse Bakker, supervisore dell’Eurovision 2021 a Rotterdam.

Il progetto si chiama “Music for Ukraine” e mira a sostenere la musica e gli artisti, ma in generale l’industria culturale ucraina, completamente cancellata dalla guerra, soprattutto pensando ai bambini ed ai giovani.

L’iniziativa viene così presentata:

La guerra in Ucraina ha un profondo impatto su ogni aspetto della società. Nazioni, organizzazioni e individui di tutto il mondo stanno sostenendo il popolo ucraino con bisogni immediati attraverso innumerevoli iniziative.

Queste importanti iniziative si concentrano su cibo, medicine, riparo e altri bisogni primari. Con Music for Ukraine ci concentriamo sul lungo termine: aiutare a sostenere e ricostruire l’infrastruttura culturale dell’Ucraina, concentrandosi sulla musica per i bambini e i giovani ucraini.

L’obiettivo iniziale è di raggiungere 10.000 euro. Chi volesse contribuire può farlo tramite la piattaforma GoFundMe a questo link.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...