Eurovision 2022, tutti i video delle 40 canzoni in gara

Andiamo a scoprire le canzoni dell’Eurovision 2022, Paese per Paese. L’ordine è rigorosamente alfabetico, e non per suddivisione nelle due semifinali. Qui sotto  il recap dei brani, di seguito invece andiamo a riscoprirli uno per uno.

ALBANIA

Ronela Hajati è stata scelta attraverso il Festivali i Këngës 2021 con la sua canzone “Sekret“. Della canzone è stato rilasciato un revamp, che è quello che sarà in gara a Torino, in inglese e albanese con parti in spagnolo.

Autori: M. Polo, R. Hajati, R. L. Chen

ARMENIA

L’artista in gara per il Paese è Rosa Linn, nome d’arte di Rosa Kostandyan, quasi esordiente nel mondo della musica. “Snap” è composta da un team autoriale che, a parte lei, è americano.

Autori: A. Crystal, A. Salibian, C. Harrell, E. Schneiderman, J. Dussolliet, L. Principato, R. Kostandyan, T. Kaprelian

AUSTRALIA

La selezione nazionale Australia Decides, che si è tenuta a Gold Coast, ha selezionato Sheldon Riley con la sua “Not the same“.

Autori: C. Nacson, S. Riley, T. Temple

AUSTRIA

Il celebre dj LUM!X e Pia Maria, l’esordiente vocalist scelta per dar voce all’opera del suo collega, saranno di scena a Torino con “Halo“. C’è anche Gabry Ponte tra gli autori, e non è un caso.

Autori: A. Nilsen, G. Ponte, L. Michlmayr, R. Flyckt, S. Simmons

AZERBAIGIAN

Nadir Rustamli è stato annunciato con anticipo piuttosto largo, ma la sua “Fade to black” è stata l’ultima canzone ad essere rilasciata. Lunedì 21 marzo l’Eurovision ha completato la sua lineup.

Autori: A. S. Johansson, A. Wrethov, S. Schub, T. Stengaard

BELGIO

Primo Paese ad aver selezionato un artista, Jérémie Makiese. Su Instagram ha evidenziato con padella e percentuale di cottura il processo verso il rilascio di “Miss you”, da lui scritta insieme a un team di stanza in Francia.

Autori: J. Makiese, K. M. Gbaguidi, M. Romiti, P. Ivory, S. Lisbonne

BULGARIA

Gli Intelligent Music Project si presentano con “Intention”, prima canzone a essere svelata già lo scorso 5 dicembre.

Autori: S. Phillips, I. Stefanov, M. Vrabevski

CIPRO

Andromachi, che per l’Eurovision è stilizzata come Andromache, porterà in gara “Ela“, frutto di un lavoro internazionale in termini di (ampio) team di autori.

Autori: A. Papaconstantinou, A. Labaf, E. Mirzazadeh, F. Miftaraj, F. Raci, G. Sandell, G. Papadopoulos, R. Uhlmann, V. Svensson, Y. Limani

CROAZIA

La finale nazionale storica, Dora, ha visto trionfare Mia Dimsic con la sua “Guilty pleasure“, della quale uscirà anche una versione italiana.

Autori: D. Bacic, M. Dimsic, V. Dimter

DANIMARCA

La finale nazionale, il Dansk Melodi Grand Prix, ha visto trionfare la rock band al femminile Reddi, e la loro “The show” non passerà di certo inosservata a Torino.

Autori: I Haydar, J. Fabrin, L. Pedersen, R. S. Jackman, S. Savery

ESTONIA

L’Eesti Laul ha avuto numerosi ex Eurovision in concorso, ma alla fine andrà un nome nuovo per la rassegna continentale, Stefan con “Hope“.

Autori: K.-A. Reismann, S. Airapetjan

FINLANDIA

Dopo una finale a sette, The Rasmus, band con quasi trent’anni di carriera, a 19 da “In the Shadows” tornano ad affacciarsi alla grande scena europea con “Jezebel“, scritta dal frontman Lauri Ylonen e da Desmond Child (autore per Bon Jovi, Aerosmith, Kiss tra gli altri).

Autori: L. Ylonen, D. Child

FRANCIA

Una finale nazionale ricca di qualità ha selezionato “Fulenn” di Alvan e Ahez, che riporta una canzone tutta in bretone sul palco dopo 26 anni.

Autori: A. M. Rosius, M. Lavigne

GERMANIA

Malik Harris sarà in gara a Torino con “Rockstars“, dopo aver vinto la finale nazionale a sei in cui Jamala ha ricevuto una commovente standing ovation.

Autori: M. Harris, M. Kobylka, R. Karow

GEORGIA

Non un solo fiato si è levato circa l’identità dei componenti dei Circus Mircus. La loro “Lock me in” prosegue sul solco dell’originalità propria di questo Paese, mai banale nelle sue scelte.

Autori: ignoti

GRECIA

Molto apprezzata nel mondo degli eurofan, “Die together” è la canzone che porta in gara Amanda Georgiadi Tenfjord, artista con radici in Norvegia.

Autori: A. Tenfjord, B. H. Gammelsaeter

IRLANDA

The Late Late Show, nello stesso periodo del Festival di Sanremo in Italia, ha portato a Torino Brooke Scullion con “That’s rich“.

Autori: B. Scullion, I. Warner, K. Zine

ISLANDA

L’ormai celebre Söngvakeppnin ha premiato Sigga, Beta & Elín, che si sono poi rinominate come Systur, con “Með hækkandi sól“, che fa tornare l’islandese in gara a tre anni dagli Hatari.

Autrice: L. E. Sigrunardottir

ISRAELE

Selezionato Michael Ben David, con la sua “I.M” che ha goduto di un revamp su larga scala. La canzone è stata sostanzialmente rifatta da cima a fondo. C’è il noto Chen Aharoni tra gli autori.

Autori: A. Tal, C. Aharoni, L. Saadia

ITALIA

Il Festival di Sanremo ha nominato Mahmood e Blanco nel ruolo di vincitori e padroni di casa a Torino. Canteranno “Brividi“, già triplo disco di platino, un fatto notevole con le nuove certificazioni FIMI. Canteranno per noni in finale.

Autori: A. Mahmoud, M. Zocca, R. Fabbriconi

LETTONIA

Il Supernova ha eletto i Citi Zeni con “Eat your salad”, che al Supernova ha travolto tutti per giurie e televoto, Aminata compresa.

Autori: D. Rozins, J. Jackmenkins, J. Petersons, R. Memmens

LITUANIA

Monika Liu sarà la portacolori lituana con “Sentimentai”: il lituano torna a fare la propria comparsa dopo svariati lustri in cui era stato l’inglese (e in un caso anche il francese) a dominare la scena.

Autori: M. James, M. Liubinaite

MACEDONIA DEL NORD

Si è imposta nella finale nazionale Andrea Koevska, nota artisticamente solo con il cognome, con la sua “Circles”, sottoposta poi a miglioramenti.

Autori: A. Koevska, A. Masevski

MALTA

Emma Muscat, ex Amici, ha vinto il MESC, la finale nazionale, con “Out of sight”, ma ha poi deciso di cambiare canzone affidandosi a “I am what I am“.

Autori: D. Medanhodzic, E. Muscat, J. Aagaard, S. Kinck

MOLDAVIA

In una selezione dai contorni piuttosto particolari sono tornati in gara gli Zdob si Zdub, insieme ai Fratii Advahov, con “Trenuletul“, una canzone folk molto particolare e che ha dei significati potenzialmente pieni di motivi d’interesse nei discorsi fino a maggio.

Autori: A. Cebotari, M. Gincu, R. Iagupov, S. Starus, Va. Advahov, Vi. Advahov, V. Dandes, V. Mazilu

MONTENEGRO

Sarà Vladana Vucinic, qui artisticamente nota solo come Vladana, a rappresentare il Paese con “Breathe“, composta con Darko Dimitrov. La canzone è stata presentata all’interno del programma “Montenegro: dodici punti” (non è una traduzione, è esattamente così).

Autori: D. Dimitrov, V. Vucinic

NORVEGIA

La nazione scandinava spedisce a Torino i Subwoolfer con “Give that wolf a banana“. Non si sa niente delle identità dei due cantanti, che si fanno chiamare Jim e Keith.

Autori: DJ Astronaut, Jim, Keith

PAESI BASSI

“De diepte” è la prima canzone in olandese all’Eurovision da 12 anni a questa parte La porta in scena S10 (pronunciato in un mix olandese-inglese As-teen), già nota per una certa raffinatezza nelle sue composizioni.

Autori: A. Kramban, S. den Hollander

POLONIA

Krystian Ochman, noto solo come Ochman, uno dei due grandi nomi favoriti, ha vinto il concorso nazionale con “River“, che si candida per fare bene.

Autori: A. Hicklin, A. Wisniewski, K. Ochman, M. Trybulec

PORTOGALLO

Dal Festival da Cançao è uscita un’entry raffinata, “Saudade, saudade” di Maro, quarta occasione in cui viene utilizzata la combinazione portoghese-inglese in gara all’Eurovision.

Autori: J. Blanda, M. Secca

REGNO UNITO

La BBC, dopo il doppio zero di James Newman con “Embers“, cerca dall’accordo con la TaP nuova linfa. Ed è stato pescato Sam Ryder, che con la sua “Space man” ha quantomeno riacceso speranze di far bene in chiave british.

Autori: A. Wadge, M. Wolfgang, S. Ryder

REPUBBLICA CECA

A dicembre si è svolta una delle primissime finali nazionali per l’Eurovision, ed è quella che ha visto vincere i We Are Domi con “Lights off”, di cui è stato poi effettuato un revamp.

Autori: A. F. Jones, B. Rekstad, C. Hatlestad, D. Haskova, E. E. Kvaloy

ROMANIA

La Romania, tra una polemica e l’altra, ha completato la Selectia Nationala spedendo a Torino WRS, nome d’arte di Andrei-Ionut Ursu, con “Llamame“, che a dispetto del titolo è in inglese.

Autori: A. Turcu, A. Ursu, C. Dominteanu, C. Guna

SAN MARINO

Achille Lauro ha vinto Una Voce per San Marino, la finale nazionale del Titano che, oltre al suo risultato, si è distinta per diversi episodi dei quali si è parlato lungo tutti i dieci giorni precedenti.  Porterà “Stripper“: canterà nella seconda semifinale.

Autori: D. Dezi, D. Mungai, D. Petrella, F. De Marinis, F. Viscovo, G. Calculli, L. De Marinis, M. Ciceroni, M. Cutolo, M. Lanciotti, S. P. Manzari

SERBIA

Contro parecchie aspettative, è stata scelta Konstrakta (nome d’arte di Ana Djuric), la cui “In corpore sano” porta in gara il latino insieme al serbo, combinazione totalmente inedita.

Autori: A. Djuric, M. Boskovic

SLOVENIA

Nella serata in cui l’EMA 2022 ha premiato i LPS (Last Pizza Slice) con “Disko“, Maja Keuc (Slovenia 2011, ora Amaya) e Bojan Cvjeticanin hanno tirato fuori una cover di livello superiore di “Zitti e buoni“. Il tutto senza parlare abitualmente italiano…

Autori: F. Vidusin, G. Hlupic, J. Korosec, M. Semeja, Z. Velensek, Z. Zvizej

SPAGNA

Quest’anno è tornato in auge il Benidorm Fest, ridando anche alla TVE indici di ascolto importanti sul primo canale. Ha vinto Chanel con “SloMo”, con una canzone che si è scoperto esser stata rifiutata da Jennifer Lopez.

Autori: A. Thonen, I. Fortes, K. Harris, K. Williams, L. Sanchez, M. Szabo

SVEZIA

Cornelia Jakobs, favorita fin dalla sua prima esibizione in semifinale, ha vinto il Melodifestivalen con “Hold me closer”, ridando al Paese speranze fondate di finire sul podio o quantomeno nei suoi dintorni.

Autori: C. Jakobsdotter, D. Zanden, I. Molin

SVIZZERA

Dopo la coppia d’anni in francese di Gjon’s Tears, la Svizzera ritorna all’inglese con Marius Bear e la sua ballata “Boys do cry”.

Autori: M. Gallop, M. Hugli

UCRAINA

Il Vidbir 2022 è stato vinto da Alina Pash con “Shadows of Forgotten Ancestors“, ma una disputa sul passaggio o meno in Crimea nel modo sbagliato da parte dell’artista l’ha portata a rinunciare lei stessa. Dopo giorni di trattative, i Kalush Orchestra, secondi, sono stati annunciati come rappresentanti con “Stefanìa”. Si esibiranno verosimilmente con la live on tape.

Autori: I. Didenchuk, I. Klimenko, O. Psiuk, T. Muzychuk, V. Duzhyk

Questo è dunque l’Eurovision Song Contest 2022 (10-12-14 maggio, PalaOlimpico, Torino).


© Photo credit immagine di copertina: Mihai Bursuc per Eurofestival News

Commenta questa notizia...