Eurovision 2022: svolta per i Kalush Orchestra, ok al permesso di lasciare l’Ucraina

Svolta improvvisa in chiave Eurovision 2022 per i Kalush Orchestra, i rappresentanti dell’Ucraina e, al momento, primi favoriti per la vittoria.

Ok per la presenza a Torino

Stando a quanto riportato da Suspilne, l’emittente che sovraintende alla partecipazione del Paese, il Governo ucraino ha concesso ai membri della band il permesso per uscire dall’Ucraina e promuovere la propria entry.

Proprio negli scorsi giorni, come ha riferito il frontman Oleg Psyuk, i Kalush Orchestra si sono incontrati per la prima volta dall’invasione russa e stanno ora lavorando sulla loro performance torinese. Lo hanno fatto a Lviv (Leopoli), dove sono stati anche visti esibirsi all’aperto per il pubblico.

Sempre per quel che riporta Suspilne, oltre ai concerti promozionali, ci sarà un piano di raccolta fonti per aiutare la ricostruzione delle città sconvolte dalla guerra mossa dalla Russia.

Così ancora Psyuk in una dichiarazione sempre all’emittente nazionale:

Attraverso i nostri discorsi vogliamo raccogliere fondi per la ricostruzione delle città ucraine colpite dalla guerra. Molti eventi di massa dedicati all’Eurovision si stanno svolgendo in questo momento.

È possibile – ma non c’è certezza – che il riferimento in questione sia ai preparty che si stanno svolgendo in questi giorni in numerose parti d’Europa (Londra, Tel Aviv, Amsterdam, Madrid più l’annunciato evento virtuale Adriatic PreParty, ultima novità per il 23 aprile).

La notizia era stata riportata per prima su Telegram da eurovision.ua, il maggiore dei media dedicati al concorso in Ucraina, che aveva parlato proprio di come sia in corso il rilascio dei documenti per la partenza.

L’arrivo del visto per Torino era nell’aria, ora ovviamente resta da capire se e come riusciranno effettivamente a muoversi dall’Ucraina devastata dalla guerra.

In ogni caso, come ha già confermato il co-produttore esecutivo dell’Eurovision Claudio Fasulo, l’Ucraina a Torino ci sarà: in caso estremo, con il video dell’esibizione del Vidbir. Ma certamente è una svolta importante in vista della loro presenza al PalaOlimpico.

Ucraina all’Eurovision 2022

I Kalush Orchestra saranno in gara con “Stefanìa”: secondi al Vidbir, la selezione nazionale, hanno avuto il biglietto per l’Eurovision dopo che era scoppiato il caso di Alina Pash e dei suoi poco chiari transiti in Crimea, a seguito del quale ha preferito rinunciare.

L’Ucraina, che sia presente o meno fisicamente al PalaOlimpico, canterà per sesta nel corso della prima semifinale, in programma martedì 10 maggio alle ore 21 con diretta su Rai1. L’Italia, in questa serata, possiede il diritto di voto.

Commenta questa notizia...