Israel Calling 2022: ecco il terzo preparty a tema Eurovision

Si tiene quest’oggi Israel Calling, il terzo preparty della serie che ci avvicina all’Eurovision 2022 di Torino.

Michael Ben David Eurovision

Credits: EBU / Shahar Arbiv

Israel Calling: la lineup

Sono 24 gli artisti che andranno ad esibirsi a Tel Aviv:

  • Michael Ben David (Israele)
  • Ronela Hajati (Albania)
  • Emma Muscat (Malta)
  • Malik Harris (Germania)
  • WRS (Romania)
  • Stefan (Estonia)
  • Vladana (Montenegro)
  • Alvan & Ahez (Francia)
  • Ochman (Polonia)
  • Intelligent Music Project (Bulgaria)
  • We Are Domi (Repubblica Ceca)
  • Andrea (Macedonia del Nord)
  • Mia Dimsic (Croazia)
  • Rosa Linn (Armenia)
  • Nadir Rustamli (Azerbaigian)
  • Brooke (Irlanda)
  • Sheldon Riley (Australia)
  • Circus Mircus (Georgia)
  • Monika Liu (Lituania)
  • LUM!X feat. Pia Maria (Austria)
  • Citi Zeni (Lettonia)
  • Zdob si Zdub feat. Fratii Advahov (Moldavia)
  • Konstrakta (Serbia)
  • Kalush Orchestra (Ucraina)

Funge da presentatrice Shefita.

Lo show avrà inizio alle ore 19:30 e sarà disponibile in diretta tramite la pagina Facebook di Israel Calling.

Questo evento torna in scena dopo 4 anni: svoltosi nel 2017 e 2018, nel 2019 non ha avuto ragione di tenersi, dal momento che già l’Eurovision in quanto tale andava in scena a Tel Aviv dopo la vittoria di Netta nel 2018.

Nel 2020 e 2021 è stato fermato dalla pandemia e, nel primo caso, anche dalla cancellazione dell’Eurovision stesso.

Di tutti i preparty, questo è quello organizzato nei dettagli più importanti, nel senso che i partecipanti si trovano in Israele per quattro giorni. Chiaramente è tutto incentrato sullo show concertistico in quanto tale.

Gli altri eventi pre-Eurovision

Tra due giorni ci sarà invece Eurovision in Concert, il celebrato evento di Amsterdam che è anche il più famoso tra tutti. Quindi, il 15 e 16 aprile, si “chiuderà” con il PreParty ES di Madrid.

Un’appendice sarà quella dell’Adriatic PreParty, che torna, dopo il 2021, in forma virtuale, il prossimo 23 aprile.

Per quanto riguarda i Kalush Orchestra, si tratta della loro prima uscita musicale pubblica fuori dall’Ucraina, dopo aver ricevuto il permesso di lasciare il suolo patrio in vista dell’Eurovision 2022 di Torino.

Commenta questa notizia...