Achille Lauro: “Eurovision 2022 momento di unione, io libero come San Marino”

Achille Lauro è pronto a partire per Torino dove rappresenterà San Marino all’Eurovision 2022 col brano “Stripper”

Intanto però per lui e per la delegazione è stata una giornata istituzionale. Il cantautore romano infatti è stato ricevuto presso il Palazzo Pubblico dai due Capitani Reggenti eletti lo scorso 1.Aprile, vale a dire l’ex ambasciatore del Titano negli Usa Paolo Rondelli (che nel 2019 è stato presidente di Giuria per San Marino RTV all’Eurovision) e Oscar Mina.

Subito dopo ha presenziato alla conferenza stampa organizzata nella sede della Segreteria di Stato per il Turismo, alla presenza del sottosegretario Federico Pedini Amati e dal direttore di dipartimento Turismo e Cultura, Filippo Francini, che gli ha consegnato la bandiera della Repubblica di San Marino .

L’avventura ad “Una voce per San Marino”

Achille Lauro ha spiegato come è nata la sua partecipazione ad Una voce per San Marino che gli ha consegnato il biglietto per il Pala Olimpico:

C’è stata la possibilità di partecipare a “Una Voce per San Marino” e l’ho colta al  volo. Sono sempre propenso ad affrontare nuove avventure, così come fu quando scelsi di partecipare a Sanremo con un brano come “Rolls Royce”.

Sono stato accolto in maniera incredibile a San Marino, oltre ogni aspettativa. Al Teatro Nuovo di Dogana, durante la serata finale di ‘Una Voce per San Marino’, mi sono trovato ad esibirmi davanti a una sala tutta in piedi e ciò non è così scontato: ho sentito un grande rispetto nei miei confronti da parte del pubblico sammarinese

L’Eurovision: nessuna gara

Poi ha parlato dello spirito con cui affronterà l’evento:

L’Eurovision Song Contest per me non è una competizione, ma una bella esperienza per tutti in cui poter fare bella musica. Stiamo lavorando tanto e speriamo di onorare la nostra partecipazione all’Eurovision.

Ho visto tanti video e tante presentazioni: apprezzo Spagna, Ucraina e Italia. Trovo bello che, nonostante la globalizzazione abbia standardizzato l’arte, ogni Paese abbia portato all’ESC una canzone che rispecchia le proprie tradizioni e la propria identità.

La conferenza stampa con Achille Lauro

Unione, contro la guerra

Non manca ovviamente un pensiero al momento geopolitico attuale, con la guerra in corso in Ucraina:

Vivo con molto imbarazzo la carriera quando c’è una situazione critica come quella che c’è ora con la guerra in Ucraina perché ci sono persone che stanno vivendo qualcosa di non usuale.

Spero che l’Eurovision sia un modo per unire con la musica tutti i popoli. L’EESC rispetta l’identità e le idee di ogni artista: viene data la possibilità di costruire una performance artistica di qualsiasi tipo.

Achille e Capitani Reggenti

Achille Lauro, il sottosegretario Teodoro Lonfernini  ed i Capitani Reggenti (al centro)

L’udienza dai Capitani Reggenti

Achille Lauro come detto è stato ricevuto in precedenza dai due Capitani Reggenti e dal Sottosegretario al lavoro Teodoro Lonfernini.

Le Loro Eccellenze hanno definito l’Eurovision:

Un appuntamento di grande richiamo internazionale che rappresenta per questa antica Repubblica una straordinaria vetrina, per promuovere la propria immagine e far conoscere le proprie peculiarità, il proprio patrimonio storico e la particolare attenzione dedicata ad ogni forma di espressione artistica e culturale.

Il messaggio che la musica riesce così bene a trasmettere e a portare nel mondo, superando barriere e confini, è quello stesso messaggio di pace, amicizia e fratellanza che è da sempre proprio del popolo sammarinese e della sua storia millenaria e che si rivela tanto più significativo ed importante nel difficile momento che stiamo vivendo.

Davanti ai Capi di Stato Lauro ha sottolineato

Il valore della “libertà” che è sulla bandiera di San Marino è lo stesso che guida le mie esibizioni e le mie performance.

Achille Lauro all’Eurovision 2022

Il cantautore sarà a Torino già il 2 Maggio per la prima prova, alle ore 15 (qui il calendario completo).

Con il brano “Stripper” si esibirà per settimo (subito dopo un altro nome noto al pubblico italiano, Emma Muscat), nella seconda semifinale di giovedì 12 maggio. L’Italia però in questa non avrà diritto di voto, quindi dovrà conquistarsi l’accesso alla finale di sabato 14 senza i supporters italiani.

L’Italia potrà comunque seguirlo in diretta su Rai 1, col commento in diretta di Gabriele Corsi, Cristiano Malgioglio e Carolina Di Domenico o in alternativa su San Marino RTV, al canale 831 DTT, con le voci di Lia Fiorio e Gigi Restivo. Diretta anche su Radio 2, con il commento di Ema Stokholma e Gino Castaldo.

_________________________________________________________________________

Credits foto: Congresso di Stato della Repubblica di San Marino

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...