Eurovision 2022, nuovi dettagli sull’annuncio dei Paesi in gara

Report live da Torino · Pochi giorni fa, attraverso la diffusione del Media Handbook dell’Eurovision 2022 era trapelata la notizia che ci sarebbe stata una variazione rispetto al rituale eurovisivo che prevede le canzoni annunciate soltanto da una cartolina voltapagina.

Secondo quanto si era appreso in precedenza, i tre conduttori della rassegna Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika avrebbero dovuto annunciare ogni volta l’artista e la cartolina preceduta dal drone Leo.

Da informazioni che la nostra redazione è riuscita ad avere, possiamo però dirvi che in realtà non risulterebbero esserci novità sul rituale dell’annuncio e che quindi nulla dovrebbe cambiare rispetto al passato con le cartoline che si susseguiranno come sempre.

Barumini Sardegna

Barumini, in Sardegna: la prima località che verrà mostrata nelle cartoline dell’Eurovision 2022

Il drone Leo resterà comunque protagonista delle cartoline con la bella idea di assegnargli il ruolo di Cicerone o anfitrione di questa sorta di “Giro d’Italia” eurovisivo.

Eurovision: le cartoline di Leo

Relativamente a quanto vedremo sullo schermo, all’inizio Leo si farà emozionare dai luoghi, poi “normalizzerà” il suo volo per guardarli più da vicino. Si muoverà, infine, nella bellezza dei diversi scenari italiani, portando con sé – e proiettando – alcune foto che raccontano i protagonisti dell’Eurovision Song Contest 2022 e il loro mondo artistico, ma anche contributi video inediti di ogni concorrente.

Ciascuno degli artisti in gara sarà infatti come lo scorso anno inserito all’interno della cartolina in maniera virtuale. Ogni artista ha girato davanti ad un “green screen” la propria apparizione che sarà inserita all’interno delle 40 cartoline, ciascuna abbinata ad una diversa località italiana e ad un differente Paese in concorso.

Le cartoline sono state realizzate grazie alla collaborazione con il Ministero del Turismo, Enit (l’Agenzia Nazionale per il Turismo), la Regione Piemonte e la città di Torino che hanno sostenuto il progetto.

Non è peraltro la prima volta che le cartoline vengono introdotte – o vedono protagonista – un personaggio: il primo fu Eurocat, un gatto antropomorfo che la tv jugoslava fece realizzare per creare le cartoline a cartone animato dei Paesi all’Eurovision 1990 di Zagabria, mentre nel 1992 era un simpatico picchio a fungere da anfitrione alle cartoline voltapagina. Ma è solo qualche esempio.

Gli abbinamenti con le nazioni

Eurofestival News vi aveva rivelato in anticipo la lista dei 40 abbinamenti, che è stata ufficialmente confermata sia da Rai che da EBU.

Ora non resta che attendere le semifinali del 10 e 12 maggio e la finale del 14 Maggio (tutte su Rai 1) per scoprire come sono state realizzate e quindi potere godere appieno di “The Sound of Beauty” e di questo moderno affresco delle bellezze del Paese che raccontano gli scenari mozzafiato dell’Italia.

2 Responses

  1. Lukutis ha detto:

    Mi ero fatto un’idea per questa “doppia introduzione” data da annuncio+cartolina, e adesso che sembra archiviata la cosa potrebbe avere ancora più senso.
    È possibile che stessero cercando di guadagnare più tempo per poter permettere al Sole di riposizionarsi per l’esibizione successiva?

    Il problema tecnico della scenografia è risultato l’essere troppo lenta negli spostamenti, quindi il compromesso è stato quello di utilizzarla per tutti dallo stesso lato. Una volta raggiunto questo, non è stato più necessario ricorrere ad una doppia introduzione degli artisti.

    • Staff ha detto:

      No, perché quella informazione era riportata sul Media Handbook dell’Eurovision 2022 e a quanto pare non era stato aggiornato, quindi molto precedente a tutta la situazione e alla problematica che si è creata con il “sole cinetico”.

Commenta questa notizia...