Eurovision 2021, il retroscena: Macron richiese la squalifica dei Måneskin

Emmanuel Macron Måneskin

Sta rimbalzando sulla stampa nazionale, e non, un retroscena che fa scalpore tutto legato all’Eurovision dello scorso anno. Come ben ricorderete, dopo la vittoria italiana i Måneskin si ritrovarono protagonisti, loro malgrado, di una polemica del tutto pretestuosa lanciata in particolare dalla Francia.

Damiano David, leader della band balzata al successo internazionale, fu accusato di aver sniffato cocaina nella green room dell’Ahoy Arena di Rotterdam, durante la finale.

Un’accusa ignobile che fece il giro di stampa e tv, presto smentita dalla stessa EBU e smontata più volte da prove fotografiche e video.

L’ingerenza di Macron: le parole di Stéphane Bern

Oggi quell’episodio torna a far parlare dopo che Stéphane Bern, commentatore eurovisivo per il canale francese TF1, ha rivelato in un’intervista alla BBC che addirittura il presidente francese, da poco rieletto, Emmanuel Macron aveva chiesto al giornalista di intervenire per richiedere la squalifica dei nostri Måneskin.

È stato un gran casino. Ho ricevuto tantissimi messaggi sul mio cellulare, persino uno del presidente francese, che mi diceva che i Måneskin dovevano essere squalificati, scrivendomi: “Dovete fare qualcosa, per favore'”.

Anche il ministro francese per gli Affari europei, che si trovava a Rotterdam per il concorso, mi ha inviato messaggi in cui mi diceva: “Cosa dobbiamo fare? Per favore, fate qualcosa”. Ma cosa avrei potuto fare? Non ero il padrone di casa. Non sono il presidente dell’Eurovision!

Il caso vuole che la presidente dell’EBU in carica, Delphine Ernotte, direttrice generale di Francé Televisions, sia francese. Bern ricorda che fu proprio lei a spegnere le polemiche in patria, chiedendo di mantenere la calma e il savoir faire.

Delphine Ernotte mi disse che se avessimo vinto, avremmo dovuto essere i vincitori per merito, non tramite la squalifica dei primi classificati. Quindi non abbiamo fatto scalpore o proteste al riguardo.

1 Response

  1. Danilo ha detto:

    Beh che dire… I Francesi sono sempre degli amici…. Se lo avessimo fatto noi, avrebbero subito urlato “ah les italiens ne savent pas perdre”
    Ci stupivamo, qualche anno fa, che Lukascenko avesse sostituito la vincente della selezione bieloussa con i Litesound, arrivati secondi, ma a lui graditi : almeno era rimasto a far la voce grossa in casa sua. Mentre come la definiamo questa ingerenza del tutto gratuita di Monsieur le President oltre i suoi confini e in un organismo Europeo?

Commenta questa notizia...