Eurovision 2022, la posizione di San Marino RTV sulla questione delle irregolarità nei voti

Arriva anche la risposta di San Marino RTV relativamente alla vicenda delle giurie dell’Eurovision 2022 squalificate per quelle che la EBU ha indicato come irregolarità nei flussi di voto. Ecco di seguito la nota diramata dall’emittente, che è fra le sei sanzionate con la squalifica delle giurie e la sostituzione del voto con un algoritmo.

Per quanto riguarda il comunicato stampa EBU sulle presunte irregolarità di voto che sarebbero successe durante l’Eurovision appena terminato, San Marino RTV precisa di essere sempre rimasta in contatto con EBU e considerato EBU l’unico interlocutore fino al comunicato di ieri nel tardo pomeriggio. Il comunicato non è stato condiviso nonostante RTV – e gli altri 5 paesi coinvolti – siano membri attivi del consorzio.

E’ importante sottolineare questo perché la maniera in cui EBU si è mossa in questa vicenda a nostro giudizio sembra un po’ autoritaria anziché ispirata dall’associazionismo che invece guida e regola i rapporti tra i membri EBU. Abbiamo già fatto presente a EBU il nostro disappunto per il modo e non ci riferiamo al solo comunicato stampa appena uscito.

Alla domanda se EBU ritenesse i sospetti di irregolarità di voto fondati al 100% la risposta è stata no. Alla domanda se EBU si fosse accorta che un gruppo di paesi della II semifinale si sarebbe apparentemente scambiato il 12, il 10, l’8, il 7 e il 6 la risposta è stata no. Alla domanda sul perché i voti annullati di San Marino e degli altri 5 paesi sospettati siano stati dati tutti a Svezia (a cui sono stati girati 72 punti) e Australia (60 punti per lei) la risposta è stata “perché avevano le canzoni più belle”.

Nulla ci fa pensare che i nostri giurati abbiano votato qualcosa che non piacesse loro.

Il loro – e nostro – 12 all’Italia è stato sostituito da EBU con un 12 alla Spagna. Abbiamo chiesto in quale maniera sia stato “calcolato” questo nuovo voto ma non ci è stata data una risposta precisa.

Conosciamo l’Eurovision e da anni collaboriamo con loro, continuiamo a credere nelle istituzioni e nel concorso e tifiamo per il migliore, anche se non sempre ha la canzone migliore.

La replica del Montenegro

Intanto anche il Montenegro, uno dei Paesi coinvolti, ha a sua volta replicato al comunicato della EBU indicando a sua volta ulteriori scambi di voti in semifinale:

A seguito dell’annuncio dell’EBU sul presunto voto irregolare della giuria di esperti in un massimo di 6 paesi all’Eurovision Song Contest 2022, vogliamo sottolineare che non ha nulla a che fare con il Montenegro e che si tratta solo di speculazioni che non sono informazioni vere e non verificate .

Come fanno notare, statisticamente è impossibile evitare certe ripetizioni, come dimostra il fatto che il gruppo di paesi partecipanti alla seconda serata di semifinale, come in Svezia, Australia, Belgio, Estonia…

Quindi, con un numero così ridotto di nazioni in semifinale, è impossibile evitare certe ripetizioni.

Non spetta a noi giudicare il motivo per cui questi paesi non hanno sollevato sospetti, mentre c’erano 6 paesi in cui era impraticabile avere ripetizioni. D’altra parte, in alcuni dei paesi della lista EBU, l’organizzatore ha cambiato quasi completamente i voti.

I voti del Montenegro sono stati annunciati dall’artista Zombijana e, come si può vedere nella diretta streaming, il voto della giuria ha coinciso quasi perfettamente con i risultati finali.

Come potete vedere sul sito dell’Eurovision, tra i paesi che hanno ricevuto i voti della giuria del Montenegro in finale, non c’era nessuno degli iscritti alla serata di semifinale.

Infine, l’Eurovision Song Contest è un concorso che ha un suo pubblico regolare e numeroso ed è quasi sempre accompagnato da vari intrighi, che, ne siamo certi, contribuiscono anche alla sua popolarità

Secondo il Montenegro alcuni esempi di scambi di voti fra i paesi indicati sarebbero:

Australia
12 punti per la Svezia
10 punti per Israele
8 punti per il Belgio
7 punti per la Macedonia del Nord
6 punti per l’Irlanda

12 punti dalla Svezia
10 punti da Israele
8 punti dal Belgio
5 punti dalla Macedonia del Nord
5 punti dall’Irlanda

Svezia
12 punti per l’Australia
10 punti per l’Estonia
8 punti per il Belgio
7 punti per Malta
6 punti per la Repubblica Ceca

12 punti dall’Australia
12 punti dall’Estonia
10 punti dal Belgio
12 punti da Malta
12 punti dalla Repubblica Ceca

Belgio
10 punti per la Svezia
8 punti per l’Australia
7 punti per Israele

8 punti dalla Svezia
8 punti dall’Australia
7 punti da Israele

 

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

5 Responses

  1. SALVO72 ha detto:

    concordo pienamente con il commento staff per quanto riguarda i paesi nordici, ma allo scandalo che ogni anno armenia e arzebaijan mettono sempre ultimi i rispettivi candidati perche’ non se ne parla? una canzone puo’ piacere piu o meno ma loro sempre ultimi qs non e’ scandalo?

    • Staff ha detto:

      Vale lo stesso discorso della Scandinavia, ma al contrario… purtroppo la situazione tra i due paesi è nota e non puoi nemmeno obbligarli a votare diversamente o sarebbe considerata ingerenza.

  2. Marco ha detto:

    Alla luce dei dati riportati dal comunicato della Repubblica del Montenegro sembra innegabile o incontestabile lo scambio di voti fra i Paesi sopra indicati. …Da aggiungere poi che è notorio lo scambio di voti nell’ambito e fra Paesi scandinavi (Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca e Paesi Bassi). Ma perche’ allora l’indagine non viene estesa anche ai suddetti Paesi Scandinavi? … Sarò certo un po’ di parte ma che nessuna in blocco delle Nazioni scandinave abbia attribuito neanche un solo punto all’Italia mi fa pensare. Se così fosse non sarebbe certo questo lo spirito a cui è improntato l’ Eurovision Song contest- O SBAGLIO? …..Come si dice….. a pensare male si fa peccato, ma il piu’ delle volte ci si azzecca…

    • Staff ha detto:

      Sono due questioni molto diverse. Nei paesi scandinavi non c’è scambio di voti inteso come “frode”, semplicemente sono paesi culturalmente molto simili tra loro, il brano che porta in gara un paese spesso è noto in tutti gli altri, fanno ospitate tv, vengono trasmessi in radio, ne scrivono tutti i media (cose che non accadono altrove). E la “vicinanza” la si nota anche nel televoto.

      Basta fare un esempio: la Norvegia ha preso 10 punti da Svezia e Islanda al televoto, 8 punti dalla Danimarca (12 punti da nessun paese scandinavo). E parliamo del pubblico a casa.

      Non ha preso invece 12 punti (e nemmeno 10) da nessun altro paese scandinavo tramite le giurie. Quindi di cosa stiamo parlando? Del nulla.

  3. arte ha detto:

    Al di la della questione dello scambio di voti (umane miserie se verificate) mi stupisco come sia fumosa tutta la questione , la gestione da parte dell’EBU ,

Commenta questa notizia...