Melodifestivalen 2023: ripescati Nordman, Theoz, Kiana Blanckert e Mariette

In archivio anche la serata di ripescaggio del Melodifestivalen 2023 (Festival della canzone svedese), selezione della Svezia per il prossimo Eurovision Song Contest, che qualifica altri quattro brani per la finalissima di sabato prossimo.

melodifestivalen 2023 ripescaggio

Credits: Alma Bengtsson/SVT

La quinta serata del Melodifestivalen 2023 si è tenuta presso la Hägglunds Arena di Örnsköldsvik (Västernorrland) e hanno preso parte gli otto artisti che si erano classificati al terzo e al quarto posto delle quattro semifinali disputate finora. Rinnovato il meccanismo di voto, un girone “tutti contro tutti” dove le performance in gara venivano giudicate su scala 12-10-8-7-6-4-2-1 dai soliti otto gruppi di voto (3/9 anni, 10/15, 16/29, 30/44, 45/59, 60/74, 75 anni e più, oltre ai voti via telefono fisso): a staccare il biglietto per la finale sono state le quattro canzoni che hanno ottenuto complessivamente il maggior numero di punti.

Questo l’ordine di uscita di stasera:

  1. Theoz, Mer av dig (Più di te)
  2. Mariette Hansson, One Day
  3. Victor Crone, Diamonds
  4. Tennessee Tears, Now I Know
  5. Elov & Beny, Raggen går (Il diavolo va)
  6. Melanie Wehbe, For The Show
  7. Nordman, Släpp alla sorger (Lascia andare tutte le preoccupazioni)
  8. Kiana Blanckert, Where Did You Go?

Vincono la serata i Nordman, gruppo folk composto da Håkan Hemlin e Mats Wester che domina le categorie di età più “agée” ma riesce a ottenere buoni risultati anche tra giovani e giovanissimi con Släpp alla sorger (Lascia andare tutte le preoccupazioni), scritta e composta da Jimmy Jansson e Thomas G:son. Per i Nordman è un ritorno in finale dopo 15 anni, essendosi già classificati noni nel 2005 con Ödet var min väg (Il destino era la mia strada) e sesti nel 2008 con I lågornas sken (Nella luce delle fiamme).

Al secondo posto Theoz (Theodor Haraldsson), 17enne artista di Linköping, con l’energetico brano pop Mer av dig (Più di te) scritto e composto da Axel Schylström, Jakob Redtzer, Peter Boström e Thomas G:son. Per Theoz, che torna in finale a un anno di distanza dal settimo posto del 2022, si è trattato di un prevedibile plebiscito con le fasce di età più giovani – ma i buoni risultati ottenuti anche negli altri gruppi di età gli hanno permesso di conquistare il secondo posto della classifica con 70 punti.

Completano il quadro delle qualificate alla finale del Melodifestivalen 2023 la giovane Kiana Blanckert con Where Did You Go? e Mariette Hansson con One Day: per quest’ultima si tratta della quinta finale su cinque partecipazioni, con miglior risultato la medaglia di bronzo del 2015 (Don’t Stop Believing). Lasciano invece la competizione il duo country Tennessee Tears – che si arrende a Mariette per soli otto punti complessivi – assieme a Victor Crone, Melanie Wehbe e l’altro gimmick duo formato da Elov & Beny.

Va registrato inoltre che Jimmy “Joker” Thörnfeldt, autore del brano di Kiana, stabilisce un nuovo record per il maggior numero di canzoni qualificate per la finale del Melodifestivalen portandone addirittura sei (oltre a Where Did You Go?, anche Tattoo di Loreen, Air di Marcus & Martinus, Six Feet Under degli Smash Into Pieces, Royals di Paul Rey e Rhythm Of My Show di Tone Sekelius).

I risultati completi della semifinale del Melodifestivalen 2023 sono stati i seguenti:

  1. Nordman, Släpp alla sorger – 75 punti (qualificati alla finale)
  2. Theoz, Mer av dig – 70 punti (qualificato alla finale)
  3. Kiana Blanckert, Where Did You Go? – 69 punti (qualificata alla finale)
  4. Mariette Hansson, One Day – 63 punti (qualificata alla finale)
  5. Tennessee Tears, Now I Know – 55 punti
  6. Victor Crone, Diamonds – 28 punti
  7. Melanie Wehbe, For The Show – 22 punti
  8. Elov & Beny, Raggen går – 18 punti

Durante la serata si è tenuta anche la cerimonia di induzione di Pernilla Wahlgren e del suo brano Piccadilly Circus nella Melodifestivalen Hall of Fame, la lista delle personalità che hanno fatto la storia del festival inaugurata da Christer Björkman nel corso dell’edizione 2020. Si tratta di una canzone che non ha vinto la competizione (fu solamente quarta nel girone finale del Melodifestivalen 1985, vinto poi da Kikki Danielsson con Bra vibrationer (Belle vibrazioni)) ma che è diventata un vero e proprio classico della musica svedese, conosciuto da tutti e apprezzato anche al giorno d’oggi.

Questa scelta si unisce a quelle operate nelle settimane scorso, che hanno visto inclusi nella Hall Of Fame anche Thomas G:son (il compositore più prolifico della storia del Melodifestivalen, con 69 partecipazioni e 3 vittorie), Petra Mede (conduttrice del Melodifestivalen 2009, oltreché degli Eurovision 2013 e 2016) e Svenne och Lotta (terzi classificati al Melodifestivalen 1975 con Bang en boomerang).

Melodifestivalen 2023

Dopo due anni di stop a causa della pandemia, il Melodifestivalen 2023 torna a celebrare la tradizionale tournée che toccherà ben cinque città (Göteborg, Linköping, Lidköping, Malmö e Örnsköldsvik) prima di giungere nella capitale l’11 marzo per la finalissima.

Karin Gunnarsson è confermata per il secondo anno come produttrice esecutiva, mentre Anders Wistbacka subentra nel ruolo di capoprogetto ad Anette Brattström. Ad accompagnarci in tutte e sei le serate sono Farah Abadi (conduttrice televisiva e radiofonica, già sul palco del Melodifestivalen 2022 al fianco di Oscar Zia) e il popolare conduttore – comico e stand-up comedian – Jesper Rönndahl.

Come già accaduto nel corso dell’edizione 2022, i proventi del televoto saranno in parte destinati alla raccolta fondi di Radiohjälpen per aiutare le popolazioni colpite dal conflitto in Ucraina. Inoltre, come già successo le scorse settimane, anche questa settimana la raccolta fondi benefica si è “sdoppiata” andando ad aiutare anche le vittime del recente terremoto che ha colpito Siria e Turchia.

La finale del Melodifestivalen 2023 andrà in onda su SVT1 sabato 11 marzo, in diretta dalla Friends Arena di Solna (Stoccolma). Il vincitore della competizione, nonché rappresentante svedese all’Eurovision di Liverpool, sarà deciso da una combinazione di otto giurie internazionali e del voto del pubblico (diviso come di consueto in sette fasce di età, a cui si aggiungono le preferenze arrivate via telefono).

Le agenzie di scommesse vedono come principale favorita Loreen (Lorine Talhaoui), che torna in gara a 11 anni dopo la vittoria dell’Eurovision 2012 con il brano Euphoria (e in mezzo una cocente delusione come l’eliminazione al ripescaggio del Melodifestivalen 2017). I principali avversari alla riconferma di Loreen e della sua Tattoo dovrebbero essere i gemelli norvegesi Marcus & Martinus con il brano Air, la rifugiata ucraina Maria Sur con Never Give Up, la band Smash Into Pieces con Six Feet Under e il supergruppo formato da Jon Henrik Fjällgren, Arc North e Adam Woods con Where You Are (Sávežan).

È possibile seguire il Melodifestivalen 2023 anche dall’Italia su SVTplay.se o via app su smart tv Android. Rimanete sintonizzati perché anche Eurofestival.News sarà presente alla finale del Melodifestivalen 2023: sulla nostra pagina Instagram troverete immagini e contenuti esclusivi da Stoccolma!


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”.

Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e WhatsApp. Seguici su tutti i principali Social Media (qui l’elenco completo).

Eurofestival News sui social

Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...