Eurovision 2023, il Turquoise Carpet sarà a St. George’s Hall

Tium Myrosnichenko e Sam Quek

L’Eurovision 2023 è sempre più vicino, tra meno di dieci giorni inizieranno le prove e il 7 maggio prenderà vita il Turquoise Carpet in una location di Liverpool già adoperata in ambito eurovisivo, ovvero la St. George’s Hall.

L’edificio, di natura neoclassica, fu costruito tra il 1841 ed il 1854, progettato da Harvey Lonsdale Elmes, con la sala interna realizzata dall’estro di Charles Robert Cockerell. Nei primi anni 2000 si sono svolti lavori di restauro e nel 2007 l’edificio fu riaperto dall’allora Principe Carlo (oggi Re Carlo III). Il Plateau inoltre ha reso importanti omaggi alla morte di due dei quattro scousers più famosi del mondo, ovvero John Lennon e George Harrison, membri deceduti dei Beatles.

 

Lo scorso 31 gennaio si è tenuto proprio nella sala principale dell’edificio l’Allocation Draw, in cui si è decisa la disposizione dei 31 Paesi nelle metà delle due semifinali e in quale semifinale i Paesi già qualificati avrebbero votato (Italia, Francia e Germania voteranno nella prima, mentre Spagna, Regno Unito e Ucraina voteranno nella seconda semifinale).

L’edificio inoltre nella settimana eurovisiva presenterà una serie di eventi che celebreranno e omaggeranno l’Eurovision nella settimana eurovisiva noti al pubblico con il nome complessivo di Eurovision Extravaganza.

 

 

Il Turquoise Carpet per l’Eurovision 2023

Il Turquoise Carpet (che in passato a seconda dello sponsor è stato anche blu, arancione e rosso), è di fatto la cerimonia di apertura di ogni edizione dell’Eurovision Song Contest, è un’occasione per sfoggiare i migliori capi di vestiario e di conoscere meglio i rappresentanti dei 37 Paesi in gara. L’anno scorso fu ospitato nella maestosa Reggia di Venaria da Gabriele Corsi, Carolina di Domenico, Mario Acampa e Laura Carusino ed i cantanti dopo aver preso parte alla sfilata principale passavano per la Galleria Diana in cui poi ha avuto luogo la  Cena di Gala.

A Liverpool invece, per mantenere e rispettare il “tocco ucraino” che ha fatto da padrone in ogni ambito creativo quest’anno, ci sarà Timur Myroshnychenko, presentatore dell’Eurovision 2017 e tristemente noto per aver commentato la finale dell’Eurovision 2022 in un bunker sotterraneo a causa della guerra in Ucraina. Insieme a lui ci sarà Sam Quek, ex giocatrice di hockey su prato ed oggi conduttrice per BBC One di un programma mattutino.

Alla cerimonia d’apertura inoltre sarà presente anche Joanne Anderson, sindaco di Liverpool, che darà il benvenuto ai partecipanti di Liverpool insieme a membri di UA:PBC, BBC ed EBU, come l’anno scorso accadde con Simona Martorelli e Claudio Fasulo, produttori esecutivi dell’Eurovision 2022 ed oggi membri del Reference Group assieme al Supervisore Esecutivo Martin Osterdahl.

L’intero evento si potrà vedere tramite una live apposita su YouTube dell’evento, e il pubblico britannico avrà uno speciale inserto realizzato dall’emittente inglese BBC che sarà trasmesso l’8 maggio come una sorta di “Best of…” su BBC One e BBC iPlayer. Non è dato sapere se anche la Rai renderà disponibile il Turquoise Carpet per gli utenti di Rai Play com’è stato fatto per l’Allocation Draw, vi aggiorneremo nell’eventualità.

Verso l’Eurovision 2023

L’Eurovision 2023 come già riportato si terrà a Liverpool dal 9 al 13 maggio prossimi, mentre a partire dal 30 aprile le prove avranno luogo prima per i partecipanti delle semifinali e poi per i Big 5, che avranno la possibilità di provare per due volte il proprio brano in un periodo di 30 minuti per poi esporsi in merito durante le conferenze stampa post prove.

A differenza dell’anno scorso e degli altri anni, tutte le prove saranno blindate e chiuse alla stampa, tutto ciò che verrà pubblicato sarà uno spezzone delle prove tramite il social network cinese TikTok, anche quest’anno partner dell’evento.

A rappresentare l’Italia ci sarà Marco Mengoni, vincitore del Festival di Sanremo 2023 con il brano “Due vite”, che verrà presentato a Liverpool in una nuova forma, ridotta a tre minuti e con un legger revamp. In mattinata il video ufficiale è stato caricato sul canale YouTube dell’Eurovision.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”.

Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e WhatsApp. Seguici su tutti i principali Social Media (qui l’elenco completo) e scopri come sostenerci e sostenere una informazione da sempre indipendente.

Eurofestival News sui social

Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...