Eurovision 2023: Loreen fa boom nel Mondo anche su Shazam. Ma non in Italia

Loreen

Continua l’onda lunga di successi per Loreen e “Tattoo”. La cantante svedese si conferma unica fra le artiste dell‘Eurovision 2023 a tenere in classifica e anche sul fronte dei riconoscimenti. La settimana premia Loreen con un altro disco d’oro, stavolta conquistato in Portogallo, dove vale non molto (5000 copie), ma dove comunque il brano si è fermato soltanto in posizione 15. Si tratta quindi di un riconoscimento in gran parte dovuto agli streaming.

Il premio si aggiunge a quelli recenti in Grecia (platino), Svizzera e Belgio (oro), che si vanno a sommare ai dischi d’oro e platino vinti rispettivamente in Spagna e Polonia e al disco d’argento del Regno Unito, che da solo vale più di tutti gli altri messi insieme.

Ma c’è un altro riconoscimento arrivato in settimana. “Tattoo” è infatti nella top 10 delle canzoni più suonate a livello mondiale su Shazam, una delle maggiori piattaforme di streaming: è sesta, terza  europea dopo “Makeba”, brano della francese Jain del 2015 rilanciato da TikTok (primo) e dietro la serba Teya Dora (seconda), la cui “Dzanum” è trainata dal fatto di essere la colonna sonora di una popolare serie nel mondo slavo.

L’Italia in controtendenza

“Tattoo” continua anche ad essere ai vertici dell’airplay europeo generale, visto che a ormai oltre due mesi dalla conclusione dell’Eurovision 2023 resiste al quarto posto della chart europea, in classifica da 12 settimane. Un dato su tutti dovrebbe far riflettere sulla distanza abissale dell’Italia dal resto d’Europa. L’Italia è uno dei soli tre paesi dove la canzone è stata in classifica per una sola settimana ed è nettamente quello dove la canzone ha raggiunto il punto più basso (appena posizione 43).

Gli altri due Paesi sono la Lituania (dove però la canzone è stata al secondo posto delle classifiche di vendita) e l’Ucraina, dove si è fermata in posizione 26. Il posizionamento molto buono a livello europeo è dovuto al fatto che la canzone è ancora in classifica quasi dovunque (meno che in Italia) e che in molti Paesi resiste ancora in Top 5.  Persino Paesi che non hanno preso parte all’Eurovision stanno ancora trasmettendo il brano,  come la Bosnia (posizione 4), la Bulgaria (9), la Slovacchia (il brano è da poco uscito ma ha toccato la posizione 2) e addirittura la Russia (posizione 3).

Questo per dire quanto l’Italia sembri non amare questa artista. Vale ricordare come nel 2012, in occasione del trionfo di “Euphoria”, l’Italia fu l’unico Paese a non votare la Svezia (allora c’era un solo pacchetto di voti che mescolava giuria e televoto) e quello dove il brano registrò la seconda peggior performance in classifica (27, solo la Slovenia fra i Paesi in concorso fece peggio: 34).

Anche quest’anno la circostanza si ripete: l’Italia è il secondo peggior Paese per posizionamento del brano (24) considerando quelli in concorso: “Tattoo” ha fatto peggio soltanto In Ucraina, dove appunto la classifica ufficiale è quella dell’airplay e come abbiamo detto il brano si è fermato alla 26.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”.

Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e WhatsApp. Seguici su tutti i principali Social Media (qui l’elenco completo) e scopri come sostenerci e sostenere una informazione da sempre indipendente.

Eurofestival News sui social

Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...