Junior Eurovision 2023: i promossi e bocciati di questa edizione

Junior Eurovision 2023 Promossi e Bocciati

Dopo l’ormai classico appuntamento con i “Promossi e Bocciati” che ogni anno dedichiamo all’Eurovision Song Contest, da questo 2023 tiriamo le somme anche sullo Junior Eurovision, giunto alla nona partecipazione/trasmissione italiana (dal 2014 ad oggi, con la sola esclusione del 2020).

Con l’imparzialità che ci contraddistingue da sempre, abbiamo raccolto le opinioni della nostra redazione sull’evento dedicato ai più piccoli, che trovate a seguire nel primo appuntamento con Promossi e Bocciati, dell’edizione 2023 dello Junior Eurovision Song Contest.

Promossa

L’organizzazione dell’evento, quest’anno in mano ai francesi di France Télévisions. Tralasciando “piccoli” inconvenienti tecnici durante la diretta (è stato registrato qualche problema sul segnale satellitare che dalla Francia arrivava alla Rai), ne è uscito un ottimo prodotto televisivo che ha poco da invidiare all’Eurovision.

È stato bello inoltre ascoltare un accenno al pianoforte (con il pianista Van Toan) di “Sarà perché ti amo” dei Ricchi e Poveri (purtroppo saltato nella diretta Rai, dove c’era il break pubblicitario). Un omaggio alla musica italiana che non si poteva non apprezzare.

Promossa

La scelta di portare sul palco in uno degli Interval Act, il brano “We are the world“, cantato per l’occasione dagli ex partecipanti francesi allo Junior Eurovision e a sostegno dell’associazione senza scopo di lucro Non-Violence Project Foundation, per la pace nel mondo (tema più che mai d’attualità).

We Are The World JESC 2023

Un messaggio forte e visivamente d’impatto, con i tanti cartelli con la scritta PEACE tenuti in mano dai 100 giovani sul palco e dal numeroso pubblico all’interno dell’arena.

Promosso

Il conduttore/commentatore Rai, Mario Acampa. Una garanzia alla guida dello Junior Eurovision, capace anche di gestire situazioni un po’ da baraccone che si sono create intorno a lui e che tendevano più a penalizzarlo che ad aiutarlo… e probabilmente se ne è reso conto anche lui.

Siamo sempre più convinti potrebbe fare molto bene anche al commento dell’Eurovision, affiancando il buon Gabriele Corsi. Qualcuno in viale Mazzini dovrebbe cominciare a pensarci seriamente, possibilmente prima che cominci ad avere tutti i capelli bianchi.

Bocciati

I due momenti da studio prima e dopo la diretta da Nizza e gli ospiti. Inutile girarci intorno, i due momenti da studio, tra le 15:50 e le 16 e tra le 18:33 e le 18:45, non hanno dato alcun valore aggiunto, anzi. In tema di ospiti, meglio stendere un velo pietoso, totalmente insignificanti e ignoranti in materia.

Tanto valeva fare una anteprima con una “wiki” sullo Junior Eurovision, per spiegare al pubblico a casa cos’è e prepararlo così alla diretta.

Promosse

Melissa e Ranya. Nonostante il brano portato in gara, le nostre giovani rappresentanti se la sono cavata egregiamente sul palco del Palais Nikaïa (qui potete leggere la nostra intervista).

Bocciato

Il brano “Un mondo giusto”. Se non fosse per la bravura delle nostre due rappresentanti, con un brano debole come quello portato in gara in questa edizione dello Junior Eurovision, il fondo classifica sarebbe stato più che scontato (altro che undicesimo posto su 16).

È giunta l’ora di cambiare il metodo di scelta del brano, perché a fronte di rappresentanti validi e bravi nei live, questo ad oggi rimane il nostro più grande tallone d’Achille. Serve indubbiamente qualcosa di più fresco e spendibile, visto anche il target di riferimento.

3 Risposte

  1. Baiocco ha detto:

    Come non essere d’accordo con la critica ai due momenti in studio. Più di una volta sono stato tentato di cambiare canale, fortuna che il conduttore tamponato il problema. Eppure di persone che conoscono l’Eurovision ce ne sono e potrebbe nascere un dibattito interessante anche per il pubblico. Stesso problema con Malgioglio prima e la Maionchi poi; i piani alti rai non ci arrivano che sono più un problema che un valore aggiunto. Stendiamo un velo pietoso sui tik-toker

  2. Maury ha detto:

    Perfettamente d’accordo!!!! sulla scelta del brano, non adatta alla competizione, era ovvia la posizione in classifica…. Talentuosissime ragazze ma leggermente penalizzate direi!!

  3. Matteo ha detto:

    Sono pienamente d’accordo sul fatto che dobbiamo portare canzoni più fresche al JESC mi sono pure arrabbiato alla rivelazione

Commenta questa notizia...