Eurovision 2024, Albania: Mal Retkoceri vince il Festivali i Kengës, a Malmö Besa Kokëdhima

Eurovision 2024 Albania Besa Mal

Si è conclusa la seconda finale nazionale dell’Eurovision 2024, si tratta dello storico Festivali i Kengës che quest’anno ha spento 62 candeline ed ha incoronato vincitore Mal Retkoceri con “Çmendur”.

Si tratta della prima vittoria di un uomo solista al Festivali i Kenges dal 2017, quando Eugent Bushpepa vinse con “Mall” e poi chiuse undicesimo a Lisbona a maggio. A completare il podio ci sono stati al secondo posto a Tiri Gjoci con “Në ënderr” ed al terzo posto Shpat Deda con “S’mund t’fitoj pa ty”).

Sarà tuttavia Besa Kokëdhima a rappresentare l’Albania all’Eurovision 2024 in Svezia il prossimo maggio con il brano “Zemër n’dorë”. La precisazione è necessaria quantomeno perché dall’anno scorso l’emittente RTSH ha stabilito che il rappresentante albanese per l’Eurovision Song Contest venisse nuovamente determinato solo dal televoto, mentre la giuria  determina  il vincitore “ufficiale” della rassegna. Non a caso lo scorso anno a vincere il Festivali i Kenges fu Elsa Lila con il brano “Evita” dedicato alla figlia, ma a rappresentare il Paese delle Aquile a Liverpool fu Albina e la famiglia Kelmendi con “Duje”, vincitori del televoto e al secondo posto per le giurie della rassegna.

Grande sconfitta per Elsa Lila, italo-albanese grande favorita per la vittoria con il brano “Mars” ed accompagnata dal direttore d’orchestra Enrico Melozzi (lo stesso direttore dei Maneskin a Sanremo 2021), ma anche per Luan Durmishi, apparentemente tra i favoriti per la vittoria al televoto pur non essendo riuscito ad arrivare alla serata finale con il brano “Përsëritja” e l’ipnotico ritornello in lingua latina.

La serata è stata presentata da Kledi Kadiu, ballerino noto in Italia per aver partecipato come professionista e come giudice al talent show Amici di Maria de Filippi, l’attrice kosovara Adriana Matoshi ed il comico Xhuliano Dule, che tra le altre cose è comparso più volte a Comedy Central Italia. Tra i premi collaterali sono stati assegnati il premio per il Miglior Debuttante al PeterPan Quartet ed il Premio della Critica a Martina Serreqi.

L’Albania verso l’Eurovision 2024

In Svezia l’Albania marcherà la sua ventesima partecipazione, avendo debuttato nel 2004 e non avendo mai mancato un’edizione da allora, ma la tradizione musicale albanese è decisamente più longeva. Il Festivali i Kenges infatti è nato nel 1962, undici anni dopo il Festival di Sanremo da cui trae piena ispirazione, e ad oggi è la quarta finale nazionale più longeva di sempre, dopo il Melodi Grand Prix norvegese (1960), il Melodifestivalen svedese (1959), il Dansk Melodi Grand Prix danese (1957) ed ovviamente l’italiano Festival di Sanremo (nato nel 1951). Con il Festival di Sanremo il Festivali i Kenges condivide altre tre importanti caratteristiche, ovvero l’avere una storia slegata dall’Eurovision e la presenza fissa dell’orchestra, oltre all’obbligo di cantare il proprio brano interamente in albanese o nelle varianti riconosciute (come il ghego, lingua con cui ha cantato Albina Kelmendi).

Dall’esordio all’Eurovision, l’Albania ha preso parte a 12 finali eurovisive, di cui undici raggiunte superando la semifinale e una raggiunta per la regola del “merito” dell’anno prima. Solo due sono state le top 10 raggiunte dal Paese delle Aquile, la prima nel 2004 con Anjeza Shahini e “The image of you” e la seconda nel 2012 con Rona Nishliu e la polarizzante “Suus”, che ad oggi è il miglior risultato albanese di sempre (quinto posto con 146 punti).

L’Eurovision 2024 si terrà a Malmö in Svezia, a seguito della seconda vittoria di Loreen a Liverpool lo scorso maggio, una vittoria che la rende l’unica cantante donna ad aver vinto la rassegna per due volte a undici anni di distanza dall’iconica “Euphoria”. Con questa vittoria inoltre, la Svezia è divenuto il Paese con il maggior numero di vittorie di sempre, raggiungendo un record detenuto dall’Irlanda che era imbattuto dal 1996.

Commenta questa notizia...