Eurovision 2024: tra i semifinalisti di Una Voce per San Marino anche Alessandro Canino

Canino auroro borealo isotta

Diramata la lista dei semifinalisti di “Una voce per San Marino”, il concorso che assegna il biglietto sammarinese per l’Eurovision Song Contest 2024. San Marino si esibirà nella seconda semifinale del 9 Maggio, quando voterà l’Italia quindi diventa ancora più importante il nome che uscirà da questa selezione.

Le semifinali di selezione (sei in tutto, delle quali una per i soli sammarinesi ed una di ripescaggio) si svolgeranno il 16 e 17 febbraio all’auditorium Little Tony ed assegneranno 8 posti in finale. Alla saranno ammessi 16 artisti Il 2 marzo 2024 al Teatro Nuovo di Dogana, si sfideranno gli 8 usciti dalle semifinali e gli 8 Big invitati dalla Media Evolution, che non parteciperanno alle semifinali. Una Giuria decreterà, il vincitore di “Una voce per San Marino”, che rappresenterà il Titano in Svezia.

Quelli famosi

Ci sono alcuni nomi noti al mondo eurovisivo ma anche alcuni altri noti al panorama italiano. Il più famoso di tutti è Alessandro Canino. Il cantautore toscano, 52 anni da compiere, lanciato appena diciannove al Festival di Sanremo 1992 dalla mitica “Brutta”: tre festival all’attivo, si presenta in gara insieme alla figlia Guya, nata quello stesso 1992. I due avevano cantato insieme come ospiti alla finale rumena per l’Eurovision 2019. Guya ha preso parte ad Amici e The Winner Is (come il padre…), oltre ad aver cantato in tour con Pupo e Matia Bazar.

Poi c’è Auroro Borealo, nome d’arte di Francesco Roggiero, cantautore e divulgatore musicale ma soprattutto animatore del popolare sito “Orrore a 33 giri”, dove non è che l’Eurovision venga proprio trattato benissimo. Si presenta in gara insieme a Federico Martelli, già visto ad Italia’s Got Talent, la cui “Bello Bello Bello” è diventata anche un jingle pubblicitario

Gli italiani in rampa di lancio

C’è poi un gruppo di artisti italiani emergenti con una carriera di tutto rispetto e altri giovani in rampa di lancio. La migliore di questi è Isotta, cantautrice senese protagonista a Musicultura 2022 (Premio della Critica e Premio Afi) col brano “Palla avvelenata”, che è appena uscita col nuovo singolo: si tratta di uno dei nomi più forti della scena pop indipendente italiana in questo momento. Dalla stessa edizione del medesimo concorso anche la band modenese Malvax. Quindi gli Opera Pop, duo vocale operatic-pop pesarese per i quali era stata pensata “Grande amore”, poi affidata a Il Volo, vincitrice di Sanremo 2015 e terza all’Eurovision nello stesso anno.

Poi c’è l’interessantisisma Noor Amelie Mocchi, diciannovenne di Urbino, origini kirghize, finalista a Sanremo Giovani 2022 con “Tua Amelie”. E ancora i riminesi XGiove, terzi classificati lo scorso anno; il fiorentino Edoardo Brogi, finalista lo scorso anno e quest’anno protagonista ad X Factor; Brenda Novella da Italia’s Got Talent; Camilla Ruffini, vista pochi giorni fa al videobox di Fiorello; gli Isoladellerose, vincitori di The Band  e attualmente impegnati a “Citofonare Rai 2”; il duo anglo-italiano Daudia, già finalista lo scorso anno e Daiana Lou, visti ad X Factor.

Gli stranieri

Pochi i non italiani: il più famoso è Basti, Bastian Schmidt, tedesco, alla terza selezione eurovisiva consecutiva, la quarta assoluta (tre con San Marino e una in Germania). Poi ci sono i Megara, la rock band spagnola in gara lo scorso anno al Benidorm Fest con “Arcadia”.

I sammarinesi

Sono 7 i semifinalisti sammarinesi, che gareggeranno tutti nella stessa semifinale, garantendo in questo modo almeno un posto sicuramente ad un artista del Titano. Fra loro c’è ancora Kida (aka Denise Bertozzi), finalista lo scorso anno

San Marino all’Eurovision Song Contest

Benchè di enorme successo dal punto di vista promozionale e turistico, con alberghi pieni e grandissima pubblicità alla Repubblica di San Marino, le prime due edizioni di “Una voce per San Marino” non sono state fortunate.

Achille Lauro (2022) né i Piqued Jacks (2023) sono infatti riusciti a centrale la finale, con il gruppo pistoiese che ha addirittura chiuso a zero punti. Per loro comunque un contratto con la BMG e un tour internazionale attualmente in corso.

Nel 2024 San Marino marcherà la quattordicesima partecipazione dal 2008, anno del debutto.  Solo tre le qualificazioni alla finale, con miglior risultato il diciannovesimo posto di Serhat nel 2019 con “Say Na Na Na”.

 

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Una risposta

  1. Andrea ha detto:

    Ci sono anche gli Atwood che stanno acquisendo un certo valore nella scena alternative rock italiana. Recenti vincitori di Arezzo Wave 2023 ed anche loro comparsi nell’edizione 2022 di xfactor.

Commenta questa notizia...