Eurovision 2024: saranno i Gåte con “Ulveham” a rappresentare la Norvegia

Eurovision 2024, Norvegia

Saranno i Gåte con “Ulveham” a rappresentare la Norvegia all’Eurovision 2024 di Malmö dal 7 all’11 maggio. Proprio questa sera la band norvegese ha staccato il ticket per la kermesse musicale più importante d’Europa dopo aver trionfato al Melodi Grand Prix, il classico metodo di selezione per l’Eurovision Song Contest in Norvegia.

La band Gåte è stata eletta vincitrice dal mix di giurie internazionali (40%) e televoto (60%), imponendosi sugli altri 8 finalisti, fra cui i KEiiNO, che hanno rappresentato la Norvegia all’Eurovision 2019 trionfando addirittura al televoto, e Margaret Berger, portacolori norvegese nel 2013.

Di seguito la classifica finale:

  1. Gåte – “Ulveham”
  2. KEiiNO – “Damdiggida”
  3. Super Rob, Erika Norwich – “My AI”
  4. Gothminister – “We Come Alive”
  5. Dag E. Oksvold & A.Fagermo – “Judge Tenderly Of Me”
  6. Miia – “Green Lights”
  7. Margaret Berger – “Oblivion”
  8. Ingrid Jasmin – “Eya”
  9. Annprincess – “Save Me”

La partecipazione dei Gåte all’Eurovision 2024 segna anche il ritorno della lingua norvegese all’Eurovision Song Contest dopo ben 18 anni dall’ultima volta, quando Christine Guldbrandsen con la sua “Alvedansen” arrivò 14esima all’Eurovision di Atene.

Chi sono i Gåte

La band norvegese Gåte nasce nel 1999 grazie ai fratelli Gunnhild e Sveinung Sundli. Già nel 2000 viene  pubblicato il loro primo EP, ma è comunque con il loro primo album “Jygri” che la band sale alla ribalta guadagnando un rapido successo commerciale non solo in Norvegia, ma anche nel resto della Scandinavia e in Germania.

Durante la loro carriera hanno tenuto numerose tournée, pubblicando in totale quattro album in studio e combinando soprattutto la musica folkloristica al genere del prog rock. La loro intensa attività musicale si è comunque alternata a diversi momenti di stop nel 2005 e nel 2010. Attualmente è dal 2017 che la band è in continuo fermento musicale.

Giunti al Melodi Grand Prix 2024, subito dopo aver ovviato l’ostacolo della semifinale, sono stati costretti a cambiare il testo della loro “Ulveham” (che tradotto in italiano vorrebbe dire “licantropo”), poiché il brano risultava essere troppo simile a un’antica ballata medioevale.

Questo non è stata l’unica modifica che la band ha apportato al proprio pezzo in quanto “Ulveham” in occasione della finale è stata anche sottoposta a revamp. Gunnhild Sundli, voce della band, in merito alla vicenda sulle modifiche del testo, si è così espressa:

I racconti popolari costituiscono una parte importante dell’identità della band. “Ulveham” è uno specchio del passato che ci dice qualcosa di più profondo su chi siamo come popolo. Il nostro desiderio è che queste storie e tradizioni siano rappresentate nella moderna cultura pop, di cui il Melodi Grand Prix e l’Eurovision Song Contest sono un brillante esempio.

La Norvegia verso l’Eurovision 2024

La Norvegia ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1960 e ha vinto la competizione per tre volte: nel 1985, nel 1995 e nel 2009. La vittoria più famosa è sicuramente quella del 2009, giunta grazie ad Alexander Rybak e alla sua “Fairytale”, brano da sempre tra i più visti sul canale ufficiale dell’Eurovision Song Contest. Lo scorso anno a Liverpool, l’italo-norvegese Alessandra Mele, con la sua “Queen of Kings” chiuse con un ottimo quinto posto. Ora toccherà ai Gåte difendere i colori norvegesi all’Eurovision 2024 e li vedremo gareggiare nella seconda semifinale di giovedì 9 maggio su Rai 2, dove l’Italia, automaticamente qualificata per la finale, avrà diritto di voto.

Commenta questa notizia...