Via al Festival di Sanremo 2024 con tanto Eurovision in gara (e non solo)

Si alza il sipario sul Teatro Ariston di Sanremo. Alle 20.30 in diretta su Rai 1 e Radio 2 scatta la grande maratona del Festival di Sanremo 2024: cinque lunghe serate, 30 canzoni e un biglietto che porta diretti sul palco della Malmö Arena per la finale dell’Eurovision Song Contest in programma il prossimo 11 Maggio. Biglietto che come di consueto, spetterà al vincitore o in caso di rinuncia, ad un altro nome fra quelli della della line up selezionato dalla Rai.

Categoria unica, con 3 giovani che si sono aggiunti ai 27 nomi annunciati da Amadeus, conduttore e direttore artistico.

A proposito di Eurovision,  sono cinque gli ex partecipanti all’Eurovision in gara: Mahmood (2019 e 2021), Diodato (2020, nell’edizione cancellata), Ricchi e Poveri (1978), Emma (2014), Il Volo (2015). A loro si aggiungeranno nella serata duetti:  Fabrizio Moro (2018, canterà con Il Tre),  Ermal Meta (sempre 2018, si esibirà con Maninni), Francesco Gabbani (2017, canterà con Fiorella Mannoia) e Umberto Tozzi (1987, accompagnerà The Kolors).

A loro si unisce Marco Mengoni, che sarà il co-conduttore e superospite della prima serata, anche lui protagonista in due edizioni (2013 e 2023). L’Eurovision lo ha invece sfiorato Aitana Ocaña, battuta in Spagna nel galà eurovisivo 2018 quando “Lo malo”, eseguita insieme ad Ana Guerra, fu battuta da “Tu canciòn” di Amaia y Alfred: vedremo la cantante spagnola duettare giovedì con Sangiovanni.

Le trenta canzoni che sentiremo stasera

  • Alessandra Amoroso – Fino a qui  (Universal)
  • Alfa – Vai! (Artist First)
  • Angelina Mango – La noia  (Universal)
  • Annalisa – Sinceramente (Warner)
  • BigMama – La rabbia non ti basta (Sony)
  • BNKR44 – Governo punk (Universal)
  • Clara – Diamanti grezzi (Universal)
  • Dargen D’Amico – Onda alta (Universal)
  • Diodato – Ti muovi (Carosello)
  • Emma – Apnea (Universal)
  • Fiorella Mannoia – Mariposa (Universal)
  • Fred De Palma – Il cielo non ci vuole (Universal)
  • Gazzelle – Tutto qui (Maciste Dischi distr. Sony)
  • Geolier – I p’ me, tu p’ te (Warner)
  • Ghali – Casa mia (Universal)
  • Il Tre – Fragili (Sugar)
  • Il Volo – Capolavoro (Sony)
  • Irama – Tu no (Warner)
  • La Sad – Autodistruttivo (BMG)
  • Loredana Bertè – Pazza (Warner)
  • Mahmood – Tuta gold  (Universal)
  • Maninni – Spettacolare (Warner)
  • Mr. Rain – Due altalene (BMG)
  • Negramaro – Ricominciamo tutto (Sugar)
  • Renga Nek – Pazzo di te (Universal)
  • Ricchi e Poveri – Ma non tutta la vita (Universal)
  • Rose Villain – Click boom! (Universal)
  • Sangiovanni – Finiscimi (Sugar)
  • Santi Francesi – L’amore in bocca (Sony)
  • The Kolors – Un ragazzo una ragazza (Universal)

 

Il regolamento e le votazioni

Nella prima serata voterà la sala stampa, nella seconda e terza serata invece saranno il televoto e la giuria delle radio a votare con un peso del 50% a testa. Nella serata delle cover, che come negli anni scorsi sarà valida ai fini della classifica generale, saranno le tre componenti a votare con un peso del 34% per il televoto e del 33% per le due giurie. Conosceremo la Top 5 nella prima serata e la Top 10 nelle due serate successive. La serata cover ha una classifica a parte ma come sempre farà media per la vittoria finale.

Nella serata finale invece sarà soltanto il televoto a esprimere le preferenze. Al termine delle esibizioni sarà chiusa la finestra di voto e sarà comunicata al pubblico la classifica generale fino alla sesta posizione.

Per i primi 5 classificati sarà dunque azzerato il risultato della classifica, sorteggiato l’ordine di esibizione con il relativo codice di televoto e sarà aperta una nuova finestra di voto in cui le tre componenti voteranno con un peso del 33% per le giurie e 34% per il televoto. Da qui sarà stilata una nuova classifica per i 5 “finalisti” e sapremo il nome del vincitore del Festival di Sanremo 2024.

In caso di ex aequo si procederà, prima dell’azzeramento della classifica per la top 5, ad analizzare le classifiche delle serate precedenti e, al limite, sarà la commissione artistica a decretare le posizioni. In caso di ex aequo nella classifica della top 5, invece si procederà ad analizzare singolarmente i risultati delle giurie e, in extremis, sarà Amadeus in qualità di direttore artistico a decidere se sorteggiare il vincitore o ad assegnare la vittoria ex aequo a più partecipanti.

 

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...