Eurovision 2024: per Eden Golan (Israele) sicurezza rafforzata e canzone al vaglio EBU

Eden-Golan eurovision 2024 israele 2

Si preannuncia alquanto movimentata – peraltro, come previsto – la partecipazione di Israele all’Eurovision  2024. Eden Golan, la ventenne uscita dal talent show di selezione “HaKokhav HaBa” (“The Next Star”), ha acquisito il diritto a rappresentare la bandiera con la stella di David a Malmö ma la situazione non sarà così semplice.

Eden Golan e Israele: la situazione

EBU è infatti sommersa dalle richieste per squalificare Israele in reazione alla risposta violentissima e sproporzionata che le forze di difesa israeliane stanno mettendo in atto dopo il massacro di civili da parte di Hamas dello scorso 7 ottobre.

Una situazione che si è rapidamente “avvitata” per lo stato ebraico, tenuto sotto scacco dalle milizie dell’organizzazione terroristica che tengono ancora nascosti centinaia di ostaggi e nel contempo espongono i civili al fuoco indiscriminato di Israele nel tentativo di scovare ed eliminare i leader del gruppo armato.

EBU monitora ovviamente la situazione, ma ogni decisione, come già successo altre volte, andrà a braccetto con quelle delle istituzioni internazionali di ogni ordine e grado, che per adesso continuano a tenere Israele all’interno delle proprie strutture.

C’è da dire, peraltro, che per Eden Golan la corsa si preannunciava in salita già a prescindere, visto che è vissuta lungamente in Russia – pur essendo di origini ucraine – ed ha cantato nella Crimea occupata ma la guerra in corso lungo la striscia di Gaza sta esponendo Israele agli stessi attacchi del 2019.

EBU ha sin qui respinto tutte le petizioni per squalificare Israele, motivandole con la natura apolitica del concorso e ricordando che il Paese sta rispondendo, pur se in maniera spropositata, ad una aggressione e che dunque è una situazione diversa rispetto a quella russa.

Noel Curran, amministratore delegato del consorzio ha ribadito la posizione dello stesso:

I paragoni tra guerra e conflitto sono complessi e difficili e, in quanto organizzazione mediatica apolitica, non spetta a noi farli. ‘Eurovision Song Contest è un evento musicale apolitico, non una competizione tra governi.

Vale anche ricordare che è israeliano lo sponsor principale dell’Eurovision, ovvero MoroccanOil: anche per questo, probabilmente, non è facile per il consorzio prendere una decisione in tal senso

Canzoni al vaglio

Tuttavia la canzone che Israele presenterà in concorso non è ancora stata selezionata. Il motivo è che EBU sta passando al vaglio i testi di tutte quelle che sono arrivate per verificare che non contengano in alcun modo messaggi politici, visto il momento e visto anche che lo show di selezione andato in onda su Keshet 12 – come vi abbiamo raccontato- ha fatto grande promozione della guerra. KAN, la tv israeliana, ha ovviamente accettato questa decisione.

In lizza ci sarebbero due canzoni, fra le quali non c’è sicuramente questa che vedete qui sotto, suo ultimo singolo, poichè incisa sei mesi fa.

Eurovision 2024: massima sicurezza

Di sicuro, in Svezia– e non è la prima volta – la delegazione israeliana sarà guardata a vista. Una triste tradizione inaugurata già 50 anni fa dalla prima partecipante Ilanit e arrivata sino allo scorso anno quando dopo i raid missilistici fra Tel Aviv e Gaza, la delegazione attorno a Noa Kirel fu di fatto blindata.

Per motivi di sicurezza, Eden Golan non parteciperà a nessuno degli eventi pre-Eurovision, dove peraltro la contestazione sarebbe stata pressochè scontata, e sarà anche assente al Turquoise Carpet. In questo caso però l’assenza è per  motivazioni religiose: il 5 Maggio ricorre infatti lo YomHaShoah, il giorno del ricordo delle vittime dell’olocausto. Ogni anno, in occasione di questa giornata, vengono suonate le sirene  e tutte le attività del popolo israeliano si fermano come segno di rispetto per le vittime dell’Olocausto: si tengono marce, commemorazioni ed un grande evento al Museo delle vittime dell’Olocausto Yad Vashem.

Sempre per motivazioni religiose Israele ha chiesto e ottenuto l’inserimento nella seconda semifinale.

Secondo le informazioni finora pervenute inoltre, la delegazione israeliana è attualmente nella fase di preparazione di un piano di sicurezza in piena cooperazione con il Servizio di sicurezza generale israeliano, Shin Bet. L’entità della sicurezza sarà naturalmente determinata dalle dimensioni della delegazione stessa, ma è facile immaginare che in ogni caso, l’artista non riceverà un’accoglienza calorosa.

C’è grande attesa anche per capire chi sarà il rappresentante dell’Islanda: la presenza nella selezione di un cantante di origine palestinese potrebbe far alzare il livello di guardia ulteriormente, nel caso dovesse vincere ed accettare di rappresentare l’isola dei Geyser all’Eurovision 2024.

Israele all’Eurovision Song Contest

Lo scorso anno Noa Kirel con la sua “Unicorn”, si è classificata 3. con 362 punti segnando il miglior risultato dall’ultima vittoria di Israele all’Eurovision Song Contest, ovvero quella di Netta nel 2018 con “Toy“.

A proposito di vittorie, Israele ha scritto per quattro volte il suo nome nell’albo d’oro dell’Eurovision Song Contest nel già citato 2018 e poi nel 1998 (“Diva” di Dana International), 1979 (“Hallelujah” di Gali Atari & Milk & Honey) e 1978 (“A-Ba-Ni-Bi” di Izhar Cohen & Alphabeta).


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”.

Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e WhatsApp. Seguici su tutti i principali Social Media (qui l’elenco completo).

Eurofestival News sui social

Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Una risposta

  1. Eurofan98 ha detto:

    Le ultime voci indicano che Israele si sarebbe impuntato sul testo della canzone presentata nonostante l’EBU l’abbia giudicato incompatibile con il regolamento; se fosse vero, rischierebbe finalmente l’esclusione. Speriamo.

Commenta questa notizia...