Festival da Canção 2024, la prima semifinale: fuori a sorpresa Bispo, ecco i qualificati

Si è conclusa stasera la prima delle due semifinali del Festival da Canção 2024, la tradizionale rassegna che consegna il biglietto del Portogallo per l‘Eurovision Song Contest 2024. Ad esibirsi 10 dei 20 artisti selezionati, fra quelli invitati dal RTP a presentare una canzone e quelli scelti attraverso la Open Call.

Sei artisti passano alla finale, cinque votati dalla giuria e uno ripescato dal televoto. La giuria è composta da Mimicat, ultima rappresentante portoghese all’Eurovision, dai cantanti Gisela João, Benjamim e Pedro Oliveira e dai giornalisti Lia Pereira e Miguel Esteves Cardoso.

Il grande eliminato è Bispo. Il campione di vendite, arrivato in concorso con un brano molto complesso, viene bocciato sia dalla giuria che da televoto: quest’ultimo gli ha preferito il brano  in inglese di Noble.

Gli artisti qualificati per la finale

Gli artisti eliminati

  • LEFT – «Volto A Ti»
  • MELA – «Água»
  • Mila Dores – «Afia A Língua»
  • Bispo – «Casa Portuguesa»

La prima semifinale è stata anche l’occasione per celebrare i 60 anni dal debutto del Portogallo all’Eurovision, con la presenza come ospite di  colui che ha vinto la prima edizione del Festival da Canção, ovvero Antonio Calvario con la sua “Oração”, nel 1964.

Gli artisti della seconda semifinale

  • Buba Espinho – «O Farol»
  • Cristina Clara – «Primavera»
  • FILIPA – «You Can`t Hide»
  • Huca – «Pé De Choro»
  • João Couto – «Quarto Para Um»
  • Leo Middea – «Doce Mistério»
  • Maria João – «Dia»
  • No Maka ft. Ana María –  «Aceitar»
  • Rita Onofre – «Criatura»
  • Silk Nobre – «Change»

Il Portogallo all’Eurovision Song Contest

ll Portogallo ha sin qui centrato una sola storica vittoria nel 2017, con “Amar pelos dois” di Salvador Sobral, trionfatore a Kyiv, con RTP che ha poi ospitato la rassegna alla Altice Arena di Lisbona nel 2018.

Al di fuori di questo exploit il cammino portoghese all’Eurovision è composto più di bassi che di alti: un solo altro piazzamento in top 10 negli anni 2000 (il nono posto di Maro a Torino), otto mancate qualificazioni (due blocchi da quattro), l’ultimo posto dell’edizione casalinga. Prima di Sobral, il miglior risultato era il sesto di posto di Lucia Moniz nel 1996 con l’inno al multiculturalismo “O meu coração não tem cor”.

Lo scorso Maggio, sul palco della Liverpool Arena, Mimicat ha chiuso al ventitreesimo posto in finale con “Ai Coração”.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”.

Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e WhatsApp. Seguici su tutti i principali Social Media (qui l’elenco completo).

Eurofestival News sui social

Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...